Immagine
 ... rose... di Admin
 
"
Visita il forum di Giustizia Quotidiana! http://www.giustiziaquotidiana.net/

Lunadicarta
"
 
\\ Home Page : Articolo
Unicost a Napoli: Le prospettive della giurisdizione fra analisi e proposta
Di Loredana Morandi (del 27/09/2004 @ 11:29:39, in Magistratura, linkato 268 volte)

UNITA' PER LA COSTITUZIONE

Le prospettive della giurisdizione fra analisi e proposta

1) Se la riforma dell'ordinamento giudiziario verrà rapidamente approvata dal Parlamento nell'articolazione sostanziale licenziata dalla Camera la magistratura associata dovrà intraprendere importanti forme di protesta. La riforma è contro la Costituzione e l'efficienza della giustizia.

Toccherà quindi al Capo dello Stato valutare la manifesta incostituzionalità del testo che  molti autorevoli giuristi ritengono evidente. Al di là infatti delle singole disposizioni che appaiono in contrasto  con alcuni principi costituzionali (erosione delle attribuzioni del CSM, alterazione della pari dignità delle funzioni giudiziarie), è l'intero impianto del progetto a confliggere con la filosofia delle Carta repubblicana. 

Il senso della VII disposizione transitoria e finale della Costituzione era infatti proprio quello di sostituire all'ordinamento Grandi del 1941 (ispirato a criteri gerarchici) un nuovo ordinamento basato sulla struttura orizzontale e diffusa del potere giudiziario, condizioni indispensabili per garantire l'indipendenza esterna ed interna dei magistrati. Il progetto governativo riafferma invece la filosofia del 1941 cancellando i valori costituzionali.  

E' quindi evidente che l'attenzione deve essere focalizzata - prima della promulgazione della legge, eventualmente nella fase di elaborazione dei decreti attuativi e quindi nel successivo momento applicativo demandato al CSM - sui profili di incostituzionalità della riforma, attivando, se necessario, anche iniziative di natura giudiziaria. Parallelamente deve essere denunciata la quasi impossibile praticabilità funzionale del sistema dei concorsi, della riserva dei posti, dei tramutamenti obbligati a scadenza decennale poiché, nel testo in fase di approvazione, si sono scontrati principi ispirati ad una esigenza di mobilità dei magistrati con norme che creano ostacoli insormontabili alla mobilità stessa. Una antinomia ingovernabile.

Queste considerazioni -sempre ispirate ad una critica costruttiva nella difesa di valori costituzionali non negoziabili- dovranno essere rappresentate al Ministro della Giustizia durante la probabile fase di elaborazione dei decreti attuativi, in uno spirito di confronto istituzionale che non trascenda tuttavia in atteggiamenti, da un lato, di interferenza decisionale -la magistratura rimane contraria a questa riforma nell'interesse del Paese e per questo dovrà ancora fornire una forte fase di testimonianza che vada al di là dello sciopero già proclamato (si propongono l'abbandono della funzione requirente, le dimissioni dagli organismi di rappresentanza della Magistratura), dall'altro, di aggressione al ruolo, ormai tracciato dal Parlamento, del rappresentante dell'Esecutivo.

2) Parallelamente a questa necessaria attività di confronto occorre aprire una lunga fase di ascolto, di riflessione e quindi di analisi che coinvolga tutta la magistratura e le forze sociali. Una costituente della giustizia (peraltro già richiesta da Unità per la Costituzione fino dal congresso di Venezia del febbraio 2004) che porti la magistratura associata ad essere protagonista delle riforme per elaborare dei progetti di reale modernizzazione del sistema (processuale ed organizzativo) da sottoporre ad una Politica nuova che abbia voglia e capacità di ascolto.

Dovremo realizzare, noi per primi, un progetto che cancelli l'attuale riforma dell'ordinamento giudiziario ma che sappia cogliere i problemi reali che, seppure strumentalmente, sono stati sollevati da un dibattito politico alterato da senso di rivalsa e da interessi particolari.

Occorre creare un modello di magistrato nuovo - tutelato anche nella sua dignità quotidiana (recupero della dignità della funzione, condizioni di lavoro, profilo retributivo)- che sia compatibile con una richiesta di giustizia in fase di mutamento ma che si fondi anche su quei principi costituzionali sempre più, quasi paradossalmente per il decorso della storia, moderni.

Tutto questo deve essere immediatamente realizzato per evitare il rischio di una deriva burocratica che porti i magistrati alla demotivazione e quindi ad una pericolosa accettazione di quel ruolo funzionariale che questa riforma intende loro assegnare.

In questa opera di rifondazione -che dovrà ancora una volta rappresentare alla cultura e alla comunicazione che il vero problema giustizia in Italia  è costituito da una risposta giudiziaria non adeguata alle attese (per tempi e qualità) e non già da una magistratura libera per necessità di controllo della legalità- devono essere coinvolti tutti gli operatori del diritto e delle scienze sociali invertendo, per una volta, l'ordine dei fattori e partendo quindi dal tipo di risposta giudiziaria che oggi pretende l'utenza per modulare quindi il ruolo e lo spiegarsi della giurisdizione.

L'Avvocatura dovrà peraltro sciogliere tutti quei problemi marginalizzati per necessità politica - e soffocati dalla maschera delle separazione delle carriere - quali l'accesso, la formazione, la deontologia, l'ipertrofia dei ruoli.   

3) Questa lunga fase costituente deve essere avviata e gestita con impegno e autorevolezza.

Unità per la Costituzione non può che registrare come tutte le proposte avanzate dalla magistratura associata in tema di riforma dell'ordinamento giudiziario, peraltro in una linea e con scelte ampiamente condivise, non  siano state accettate dalla attuale maggioranza di governo. Così come occorre denunciare, ad una semplice lettura giornalistica degli avvenimenti, che, ancora una volta, l'assetto della magistratura costituisce oggetto di facile baratto all'interno dei diversi equilibri politici a fronte di rinunce e concessioni su altri fronti. Su questo punto occorre realmente capire se lo Stato di diritto - con un ordine autonomo deputato ad un rigido controllo di legalità - costituisca una espressione antistorica o se invece la magistratura meriti, ciclicamente, una marginalizzazione nell'equilibrio dei poteri per avere assunto condotte invasive.

Bisogna altresì verificare se l'associazionismo giudiziario, nelle sue articolazioni di vertice, abbia oggi perso autorevolezza esterna o se la vicenda dell'ordinamento giudiziario risenta di una condizione di bipolarismo politico del Paese che tende a soffocare il confronto e la condivisione delle scelte per favorire gli estremi. Comunque, pur prescindendo dalla risposta che può trovare anche sintesi nelle diverse opzioni individuate, tutto l'associazionismo deve essere rimeditato per evitare deleghe in bianco da parte dei magistrati non direttamente impegnati che, invece, devono trovare un nuovo stimolo alla partecipazione nel confronto e nell'autogoverno proprio per evitare derive burocratiche della funzione e costruire continui ricambi nei ruoli dirigenziali.

Su queste coordinate di intervento- che dovranno continuamente essere verificate per evitare situazioni di stasi, di indifferenza, di conservazione dell'esistente, di strappo programmatico - Unità per la Costituzione intende impostare la propria linea per i prossimi mesi offrendo un contributo responsabile,  forte della rappresentatività della maggioranza dei magistrati, all'azione dell'ANM.

Proposta di programma esposta dal Segretario Generale Fabio Roia al Congresso straordinario dell'ANM
Napoli 25 settembre 2004

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Anti-Spam: digita i numeri CAPTCHA
Testo (max 1000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Ci sono 20 persone collegate

< gennaio 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie pił cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





26/01/2021 @ 15:50:12
script eseguito in 264 ms