\\ Home Page : Articolo : Stampa
Martire in Francia contro il nucleare
Di Loredana Morandi (del 08/11/2004 @ 04:30:55, in Ambiente, linkato 399 volte)

Mentre impazza la furia contro la manifestazione non violenta dei precari di sabato, sulla quale ancora non ho avuto il tempo di scrivere nulla ma anticipo che scriverò che la spesa proletaria ce la potevano risparmiare, giunge la notizia di un giovane ambientalista ucciso da un treno in corsa. Mi domando: e una bella indagine per omicidio colposo al ferroviere? L'uomo era già seccato per essersi dovuto fermare due ore in stazione a causa dei manifestanti, vedendo alcune persone alzarsi al suo passaggio dal binario se aveva tolto il freno di emergenza lo ha mollato il tempo sufficiente per lasciare il treno alla sua corsa e uccidere un ragazzo innocente. Non piacerà ai sindacati, ma la conosciamo tutti la perenne battaglia del cittadino contro l'impiegato pubblico menefreghista... Segue l'articolo di Repubblica.

Un attivista di 23 anni ha avuto una gamba tranciata
Soccorso dai medici sul posto, è poi deceduto in ospedale

Francia, si incatena sui binari per protesta: ucciso dal treno
Secondo le ferrovie francesi il macchinista ha azionato il freno d'emergenza dopo aver visto alcune persone ferme sulle rotaie

Germania, poliziotti
controllano i binari
 
PARIGI - Un dimostrante di 23 anni è morto travolto da un treno che trasportava scorie nucleari dalla Francia alla Germania. Il giovane, che si era incatenato ai binari nella stazione di Avricourt, non distante Nancy, è stato investito dal passaggio del treno, che gli ha tranciato di netto una gamba. Soccorso dai medici è morto poco dopo in ospedale. Voleva protestare contro il trasporto di materiale nucleare e richiamare, in questo modo, l'attenzione delle autorità sulla "banalizzazione" di questo traffico e sulla "vulnerabilità di questi convogli".

"Il macchinista - ha riferito una portavoce delle Ferrovie francesi - aveva notato un gruppo di persone sedute sui binari. Alcune di loro si sono alzate in piedi. Il macchinista ha azionato il freno d'emergenza, ma una di loro è rimasta sui binari e ha avuto una delle due gambe troncate dalle ruote". Poco prima che si consumasse la tragedia il viaggio del treno era stato ritardato di due ore a causa di altri due dimostranti che si erano legati ai binari. Era intervenuta la polizia che li aveva trascinati via a forza.

ll fatto ha sollevato in Francia grande emozione e tristezza. I verdi hanno chiesto un "credibile dibattito democratico" sul nucleare e hanno denunciato che "una volta di troppo, una manifestazione non violenta si è conclusa in dramma". Chiederanno anche alla compagnia generale per il materiale nucleare (Cogema) di sospendere questi viaggi.

Anche il Reseau sortir, cui fanno capo 695 associazioni, ha chiesto "una moratoria totale" dei trasporti di materiale nucleare. Un responsabile ha ricordato che il gruppo spinge a dimostrare contro i trasporti di materiale nucleare, ma non a legarsi alle rotaie. E' comunque - ha aggiunto - una decisione che riguarda la responsabilità personale di ciascuno.

Il treno che trasportava i residui diretti al centro di stoccaggio di Gorlaben, in Germania, era partito ieri sera dal centro della Cogena, a Valognes. Trasporta 12 imballaggi di materiale nucleare trattato e vetrificato. In base a un accordo tra i governi francese e tedesco del gennaio del 2001, è previsto che ogni anno arrivino dalla Germania una parte dei residui di materiale nucleare utilizzato per la produzione di energia elettrica. Questo materiale viene lavorato e vetrificato per essere poi ricaricato su un treno e sistemato nel centro di stoccaggio di Garleben.

E in previsione dell'arrivo del convoglio sale la tensione in Germania. Migliaia di poliziotti antisommossa sono pronti a intervenire per controllare le numerose manifestazioni di protesta annunciate dagli antinuclearisti lungo il tragitto del convoglio. Centinaia di persone hanno manifestato questa sera a Hitzacker, nel nord. Con fiaccole e candele, i dimostranti hanno chiesto la chiusura di "tutti gli impianti nucleari nel mondo".

(7 novembre 2004)