\\ Home Page : Articolo : Stampa
L'Unione Internazionale dei magistrati sulla riforma dell'ordinamento giudiziario
Di Loredana Morandi (del 08/11/2004 @ 11:14:37, in Magistratura, linkato 272 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

L’Associazione Nazionale Magistrati ha ricevuto dall’Unione Internazionale dei Magistrati, di cui è socio fondatore, il seguente documento:

"La E.A.J. -Gruppo europeo dell'Unione Internazione dei Magistrati-, riunita nell'ambito del 47°meeting internazionale che si tiene in Messico, a Valle de Bravo, e al quale partecipano magistrati in rappresentanza di 65 nazioni di tutto il mondo, il 31 ottobre 2004 ha approvato un documento nel quale, con riferimento al disegno di legge di riforma dell'ordinamento giudiziario in discussione dinanzi al Parlamento italiano, si legge che "l'attuale sistema giudiziario italiano è stato preso a modello in numerosi altri Paesi europei… in quanto è sicuramente uno dei più in linea con gli standard internazionali previsti dai documenti internazionali come, ad esempio, i principi base per l'indipendenza del sistema giudiziario fissati dalle Nazioni Unite (1985), la raccomandazione n. R(94)12 del Consiglio dei Ministri del Consiglio di Europa agli Stati membri sull'indipendenza, l'efficienza e il ruolo dei giudici (1994), la Carta Europea dello Statuto dei giudici del Consiglio d'Europa (1998), lo Statuto del giudice in Europa fissato dall'Associazione Europea dei Giudici (E.A.J.) e lo statuto universale del giudice dell'Unione Internazionale dei Magistrati (I.A.J.).

Le legislazioni e i governi nazionali dovrebbero rispettare il principio essenziale e universalmente riconosciuto dell'indipendenza del potere giudiziario. La E.A.J. pertanto chiede alle autorità italiane di riconsiderare la sopramenzionata proposta"

Roma, 8 novembre 2004

La Giunta Esecutiva Centrale