\\ Home Page : Articolo : Stampa
Una Breve di Agenzia
Di Loredana Morandi (del 27/06/2005 @ 12:44:30, in Indagini, linkato 297 volte)

Qui sotto potete leggere l'articolo originale per il quale sono stata messa in croce, come se fossi una *pornografa*, da Buongiovanni, Neri, Mantellini, il tizio de Il Foglio.it, Pfaal, Vogliaditerra e tanti altri, compreso Caravita che intervenne solo per darmi della pazza mentre mi trovavo nella necessità di denunciare a Poltel il furto degli identificativi personali e delle password, su semplice richiesta di una donna fuggita in Egitto dall'Italia. Dopo vennero le minacce e altri reati contro la libertà di ogni cittadino.

Consiglio a cotanta scienza: cancellate i vostri blog. Sono una inutile perdita di tempo  indegna della professione del giornalista ma, soprattutto, non vi candidate come paladini dei diritti dell'utenza: NON LO SIETE! Io? Io ho già aperto la mia campagna politica contro la delinquenza commerciale del web.

CARCERI DELL'OCCUPAZIONE IRAQ: TUTTE LE FOTo

03.05.2004
by
@ 13:26

da http://bloggersperlapace.splinder.it/

Al servizio di Cbs news si aggiunge, sotto gli occhi di tutti, la denuncia del Daily Mirror sulle violenze agli iracheni ad opera dei militari usa e inglesi. Ai link che seguono trovate gli articoli e le foto di quello, che accade nelle carceri della occupazione e contro la popolazione civile irachena. Da Albasrah l'intera rassegna, ma anche da Memory Hole e sulla violenza alle donne. In questi mesi abbiamo ricevuto notizia di questi fatti tramite alcune lettere fuggite al controllo degli aguzzini. Loro, i potenti, si dicono disgustati. Specialmente Blair. Ma le primissime foto circolate nell'aprile 2003 riprendevano proprio i soldati inglesi per la foto ricordo con l'iracheno prigioniero legato, imbavagliato e sotto gli scarponi del "turista" armato fino ai denti. C'era da aspettarselo, una soldataglia composta in parte di uomini (e donne) esaltati e da facinorosi, lasciata allo stato brado in un paese occupato, sviluppa sempre queste tematiche. Da che mondo è mondo. Una raccomandazione sulle foto: resistete alla speranza che siano false.