Immagine
 hodie ...... di Loredana Morandi
 
"
Quando un uomo comune attinge alla conoscenza, è un saggio; quando un saggio attinge alla comprensione, è un uomo comune.

detto Zen ...
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 26/08/2007 @ 12:43:01, in Economia, linkato 166 volte)

I rischi del download illegale

Il logo di uno dei più celebri programmi di interscambio online (Flickr - Onion83)

Non si illudano gli aficionados del P2P illegale: scaricare gratuitamente mp3, film e software protetti da copyright, è ancora attività a rischio. Ce lo hanno confermato, all’indomani della storica  sentenza (n. 149/07) della Cassazione che ha assolto due ragazzi del Politecnico di Torino, quasi tutti gli avvocati che abbiamo consultato. La Corte, ci hanno detto, fa chiarezza – dal punto di vista penale - su un’ipotesi di reato avvenuto nel 1999, prima dell’entrata in vigore della cd Legge Urbani, che ha modificato in senso restrittivo (per i downloader) la normativa n. 633/41 sul diritto d’autore. Non costituisce in sostanza un precedente. Vale per il passato.

Scaricare e (a maggior ragione) uplodare è attività illegale, secondo l’interpretazione giurisprudenziale prevalente, anche quando non vi sia palese scopo di lucro (per farne commercio). Basta che vi sia l’intenzione, secondo la legge Urbani, di «trarne profitto». Una dicitura giuridica che, secondo l’interpretazione sostenuta dalle major, significa sostanzialmente una cosa: downloadare e uploadare file illegali – anche a uso esclusivamente personale – configura un profitto individuale: il risparmio sul prezzo di acquisto del prodotto. Ed è quindi punibile ai sensi degli articoli 171 bis e ter della legge sul copyright modificata con decreto Urbani.

Certo, la questione, oltre che giurispridenziale, è politica. O meglio, è legata alla lettera della normativa, ma – caso per caso – i giudici sono chiamati anche a inquadrare la logica del legislatore, in un contesto in rapida trasformazione tecnologica, dove le due lobby, quella del «copyleft» e quella delle major, si fanno sentire eccome. Anche a colpi di pareri giurisprudenziali. Leggetevi, ad esempio, l’opinione dell’ Avv. Carlo Blengino, su

Altalex.com, il portale dove vengono pubblicate tutte le sentenze che fanno giurisprudenza. Come si vede, la questione è aperta. Il dibattito giurisprudenziale è in corso. Nessuno può cantare vittoria: né le major né i partigiani del copyleft, tra cui spiccano l’ex ministro Roberto Maroni e il cantautore Antonello Venditti.

Al di là del dibattito giurisprudenziale, per ora in Italia chi scarica e mette a disposizione file protetti da copyright, rischia poco. Le cause penali sono ancora troppo poche per definire un’interpretazione giurisprudenziale dominante. I server su cui si appoggiano i file scambiati con il P2P sono spesso localizzati all’estero. Chi si sobbarca costi di questa natura quando a commettere il reato sono semplici navigatori, dalle mura domestiche? E - anche secondo le major – le difficoltà tecniche a rintracciare (e poi fare causa) i downloader illegali rendono le azioni rare e, certamente, antieconomiche. Dal punto di vista penale, però, sembra assodato che l’attività di semplice download sia perseguibile, con una sanzione amministrativa (152 euro per file illegale), mentre

quella di file-sharing (cioé quella che fanno tutti i downloader online, attraverso una serie di programmi P2P come Emule o Xtorrent) è di fatto attività punita penalmente, con sanzioni che vanno dai 6 mesi ai tre anni, qualora vi siano intenzioni di trarne profitto. Affrontare la questione esclusivamente sul piano legale è però riduttivo. Perché la giurisprudenza sta muovendo soltanto i primi passi su un terreno, quello tecnologico, che corre assai più delle leggi. Intanto, sul piano del diritto civile, coloro che si sentono danneggiati possono chiedere i danni. Anche agli studenti di Torino.

FONTI

  • Legge sul diritto d’autore
  • Gli articoli chiave
  • La sentenza della Terza Corte di Cassazione
  • Decreto Urbani
  • Il parere dell’avvocato copyleft
  • Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
     
    Di Loredana Morandi (del 01/08/2007 @ 16:56:07, in Magistratura, linkato 182 volte)

    Associazione Nazionale Magistrati
    La Giunta Esecutiva Centrale

    Sul caso Rignano: rispettare elementari regole di deontologia professionale.


    Per la portata dei contrapposti interessi che sono chiamati in causa  (la libertà, l’onore,  la posizione professionale degli indagati e le esigenze di salvaguardia e di tutela di bambini in tenerissima età) il procedimento in corso sul caso di Rignano è straordinariamente delicato e difficile.

    Proprio per questo è necessario che tutti gli attori del procedimento - senza rinunciare a nessuna delle loro prerogative ed esercitando con pienezza tutte le facoltà che la legge processuale gli assegna – rimangano aderenti e fedeli  ai criteri di deontologia professionale che,  unitamente al rispetto delle procedure, possono garantire lo svolgimento più proficuo degli accertamenti in corso.

    Pur non entrando, come è suo costante costume, nel merito di un procedimento che conosce,  al pari di tutti, solo attraverso i resoconti della stampa,  la Giunta dell’associazione rileva che ad alcuni difensori degli imputati risultano attribuite dalla stampa (senza che si conoscano smentite) espressioni che si collocano del tutto al di fuori della fisiologia del processo, anche il più aspro ed arduo, e di ogni corretta dialettica processuale.

    Ci si riferisce in particolare ad affermazioni di difensori che avrebbero definito “inaccettabile” e “vergognoso” lo svolgimento della procedura, affermando tra l’altro che uno dei  minori ascoltati è divenuto “ostaggio del perito e del giudice”.

    Si tratta di comportamenti che non hanno precedenti e riscontri negli ordinamenti dei paesi avanzati (siano essi di cultura anglosassone o dell’Europa continentale)  che impongono agli avvocati di osservare precise regole deontologiche e di non immettere ulteriore animosità in vicende processuali già di per sé difficili, rispettando il compito ed il lavoro del giudice e dei periti (i cui esiti potranno censurare dinanzi ai giudici delle successive istanze).

    Un giudice o un magistrato del pubblico ministero che usassero le espressioni prima riferite nei confronti di un avvocato sarebbero - giustamente - oggetto di aspre censure e passibili di provvedimenti disciplinari.

    Agli avvocati, protagonisti essenziali del processo, si può e si deve chiedere lo stesso livello di correttezza nello svolgimento della loro indispensabile attività difensiva.

    Altrimenti si corre il rischio che il procedimento degradi a scontro animoso, smarrendo la via maestra del rigoroso accertamento dei fatti, e che il doveroso silenzio serbato dal giudice (esclusivamente impegnato nella sua  attività) lo faccia apparire, agli occhi degli osservatori meno addentro alle cose di giustizia, come effettivamente meritevole delle pesanti espressioni usate nei suoi confronti.

    Roma , 1 agosto 2007
    La Giunta dell’ANM

    Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
     
    Pagine: 1
    Ci sono 19 persone collegate

    < agosto 2019 >
    L
    M
    M
    G
    V
    S
    D
       
    1
    2
    3
    4
    5
    6
    7
    8
    9
    10
    11
    12
    13
    14
    15
    16
    17
    18
    19
    20
    21
    22
    23
    24
    25
    26
    27
    28
    29
    30
    31
     
                 




    Cerca per parola chiave
     

    Titolo
    Ambiente (25)
    Economia (27)
    Estero (43)
    Giuristi (25)
    Indagini (87)
    Magistratura (394)
    Osservatorio Famiglia (10)
    Politica (335)
    Redazionale (10)
    Sindacato (30)
    Telestreet (6)
    Varie (37)

    Catalogati per mese:
    Novembre 2005
    Dicembre 2005
    Gennaio 2006
    Febbraio 2006
    Marzo 2006
    Aprile 2006
    Maggio 2006
    Giugno 2006
    Luglio 2006
    Agosto 2006
    Settembre 2006
    Ottobre 2006
    Novembre 2006
    Dicembre 2006
    Gennaio 2007
    Febbraio 2007
    Marzo 2007
    Aprile 2007
    Maggio 2007
    Giugno 2007
    Luglio 2007
    Agosto 2007
    Settembre 2007
    Ottobre 2007
    Novembre 2007
    Dicembre 2007
    Gennaio 2008
    Febbraio 2008
    Marzo 2008
    Aprile 2008
    Maggio 2008
    Giugno 2008
    Luglio 2008
    Agosto 2008
    Settembre 2008
    Ottobre 2008
    Novembre 2008
    Dicembre 2008
    Gennaio 2009
    Febbraio 2009
    Marzo 2009
    Aprile 2009
    Maggio 2009
    Giugno 2009
    Luglio 2009
    Agosto 2009
    Settembre 2009
    Ottobre 2009
    Novembre 2009
    Dicembre 2009
    Gennaio 2010
    Febbraio 2010
    Marzo 2010
    Aprile 2010
    Maggio 2010
    Giugno 2010
    Luglio 2010
    Agosto 2010
    Settembre 2010
    Ottobre 2010
    Novembre 2010
    Dicembre 2010
    Gennaio 2011
    Febbraio 2011
    Marzo 2011
    Aprile 2011
    Maggio 2011
    Giugno 2011
    Luglio 2011
    Agosto 2011
    Settembre 2011
    Ottobre 2011
    Novembre 2011
    Dicembre 2011
    Gennaio 2012
    Febbraio 2012
    Marzo 2012
    Aprile 2012
    Maggio 2012
    Giugno 2012
    Luglio 2012
    Agosto 2012
    Settembre 2012
    Ottobre 2012
    Novembre 2012
    Dicembre 2012
    Gennaio 2013
    Febbraio 2013
    Marzo 2013
    Aprile 2013
    Maggio 2013
    Giugno 2013
    Luglio 2013
    Agosto 2013
    Settembre 2013
    Ottobre 2013
    Novembre 2013
    Dicembre 2013
    Gennaio 2014
    Febbraio 2014
    Marzo 2014
    Aprile 2014
    Maggio 2014
    Giugno 2014
    Luglio 2014
    Agosto 2014
    Settembre 2014
    Ottobre 2014
    Novembre 2014
    Dicembre 2014
    Gennaio 2015
    Febbraio 2015
    Marzo 2015
    Aprile 2015
    Maggio 2015
    Giugno 2015
    Luglio 2015
    Agosto 2015
    Settembre 2015
    Ottobre 2015
    Novembre 2015
    Dicembre 2015
    Gennaio 2016
    Febbraio 2016
    Marzo 2016
    Aprile 2016
    Maggio 2016
    Giugno 2016
    Luglio 2016
    Agosto 2016
    Settembre 2016
    Ottobre 2016
    Novembre 2016
    Dicembre 2016
    Gennaio 2017
    Febbraio 2017
    Marzo 2017
    Aprile 2017
    Maggio 2017
    Giugno 2017
    Luglio 2017
    Agosto 2017
    Settembre 2017
    Ottobre 2017
    Novembre 2017
    Dicembre 2017
    Gennaio 2018
    Febbraio 2018
    Marzo 2018
    Aprile 2018
    Maggio 2018
    Giugno 2018
    Luglio 2018
    Agosto 2018
    Settembre 2018
    Ottobre 2018
    Novembre 2018
    Dicembre 2018
    Gennaio 2019
    Febbraio 2019
    Marzo 2019
    Aprile 2019
    Maggio 2019
    Giugno 2019
    Luglio 2019
    Agosto 2019

    Gli interventi più cliccati

    Ultimi commenti:
    Not known Facts Abou...
    26/08/2018 @ 14:00:00
    Di Maybelle
    NRI Legal Services 8...
    25/08/2018 @ 11:43:58
    Di April
    NRI Legal Services
    25/08/2018 @ 09:54:26
    Di Odell

    Titolo
    Bianco e nero (38)

    Le fotografie più cliccate

    Titolo
    Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

     Si
     No
     Non lo so





    19/08/2019 @ 03:17:10
    script eseguito in 159 ms