Immagine
 laments of the dawn .... ann von holt... di Admin
 
"
"Devi concentrarti interamente a ciascuna giornata, come se un fuoco infuriasse fra i tuoi capelli."

Deshimaru
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 15/07/2005 @ 18:46:17, in Magistratura, linkato 226 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

FERMATE TUTTE LE UDIENZE IN CASSAZIONE
PER LO SCIOPERO DEI MAGISTRATI

Lo sciopero ha bloccato integralmente le udienze della Cassazione. Sono state sospese e rinviate tutte le udienze civili e tutte quelle penali nelle quali, peraltro, sono stati ugualmente trattati, nonostante lo sciopero, i processi con detenuti.

Roma, 14 luglio 2005
La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 15/07/2005 @ 18:44:11, in Magistratura, linkato 237 volte)

Associazione  Nazionale Magistrati

DATI PROVVISORI SULL’ADESIONE ALLO SCIOPERO DEI MAGISTRATI

Dai primi dati provvisori pervenuti dai vari uffici giudiziari risulta che anche questa volta l’astensione dei magistrati italiani dalle attività giudiziarie è stata compatta, con una percentuale di circa l’85%. 

I primi distretti pervenuti sono: Palermo con un’adesione dell’83%, Milano dell’85%, Cagliari oltre il 93%, Venezia l’80%, Alessandria l’87% e Modena l’89%. I dati stanno ancora affluendo. In Cassazione sono state sospese tutte le udienze civili e penali ad eccezione di quelle relative ai processi con detenuti o comunque urgenti. A Roma si registra un’adesione altissima. Dappertutto sono stati assicurati i servizi essenziali a tutela dei diritti fondamentali e della sicurezza dei cittadini.

Roma, 14 luglio 2005
La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 15/07/2005 @ 18:40:28, in Politica, linkato 240 volte)

E Castelli: «Ciampi è troppo saggio, firmerà la riforma»
Sciopero toghe, esposto di Calderoli
Il ministro denuncia la protesta dei giudici: «Viola legge». Replica dell'Anm: «Siamo tranquilli». Durissimo D'Alema
 
ROMA - Mentre molti magistrati in tutta Italia incrociano le braccia per il loro quarto sciopero in tre anni contro la riforma della Giustizia firmata dal Guardasigilli Roberto Castelli che attende il varo alla Camera, il ministro leghista delle Riforme Roberto Calderoli passa dalle parole ai fatti e presenta un esposto al Senato contro la protesta delle toghe. E lo spiega così: «Con questo atto - dice il ministro ai giornalisti - chiedo di accertare la sussistenza e di verificare i presupposti criminosi previsti dall'articolo 503 del codice penale, ossia quello che prevede sanzioni contro chi effettua scioperi o serrate per fini non contrattuali».

CASTELLI: CIAMPI FIRMERA' - Intanto nelle stesse ore, lo stesso Castelli interviene sul tema della giustizia smentendo le indiscrezioni secondo cui Ciampi potrebbe rinviare per la seconda alle Camere la riforma dell'ordinamento giudiziario. «Il Capo dello Stato non firma la riforma dell'ordinamento giudiziario per la seconda volta? Non credo proprio. Ciampi è troppo saggio per pensare a cose di questa natura», chiosa Castelli.

BUFERA SU CALDEROLI - Tornando a Calderoli, il gesto del ministro riaccende il clima di contrapposizione fra il governo e i togati, che ritengono la riforma dell'ordinamento lesiva della propria indipendenza. Subito dopo, l'ex magistrato Antonio Di Pietro, leadel del movimento Italia dei Valori, ha a sua volta annunciato di aver presentato un contro-esposto nei confronti del ministro: «Lo abbiamo denunciato – ha spiegato Di Pietro in una nota - per aver falsamente accusato i magistrati scioperanti di aver commesso un reato, pur sapendo che lo sciopero è un diritto costituzionalmente garantito». Durissimo il commento di Massimo D'Alema: «È sconcertante che un soggetto simile possa far parte del governo di un paese civile». Secondo Francesco Rutelli, leader della Margherita «prenderli sul serio è la peggiore maniera per occuparsi dei problemi dell'Italia».

L'ANM: SIAMO TRANQUILLI - «Noi siamo assolutamente tranquilli e sereni». Così il presidente dell'Associazione nazionale magistrati replica alla denuncia presentata da Calderoli . «Il nostro sciopero - afferma Riviezzo - è perfettamente legittimo ed è stato valutato così anche dall'autorità preposta dalla legge al controllo, ossia dal garante per i servizi pubblici essenziali. Ripeto, quindi, che siamo perfettamente tranquilli. Avremmo preferito che la politica discutesse sul contenuto della riforma e sulle nostre proposte piuttosto che rispondere con le denunce».
Intanto con comunicato l'Anm diffonde i primi dati provvisori pervenuti dai vari uffici giudiziari, dai quali risulta che «l'astensione dei magistrati italiani dalle attività giudiziarie è stata compatta, con una percentuale di circa l'85%».

14 luglio 2005
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2005/07_Luglio/14/calderoli.shtml

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 14/07/2005 @ 01:32:16, in Magistratura, linkato 274 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

I capi degli uffici giudiziari scioperano contro la proposta di riforma dell’ordinamento giudiziario.

Ampia solidarietà all’ANM

Sono già pervenute oltre 170 adesioni di capi degli uffici all’astensione del 14 luglio 2005 come da elenco che segue.

La massiccia adesione dimostra la contrarietà anche dei dirigenti alle forme di gerarchizzazione previste nella proposta di riforma.

Hanno aderito allo sciopero anche diversi magistrati che prestano servizio all’Ispettorato del Ministero della Giustizia.

Stanno pervenendo all’ANM attestati di solidarietà da parte di associazioni di magistrati europei come  A.E.M. e MEDEL, di sindacati e di associazioni della società civile, della Federazione Nazionale della Stampa italiana.

Al manifesto del 25 giugno 2005 contro la proposta di riforma hanno aderito numerosi professori universitari.

In occasione dello sciopero, in vari distretti si terranno manifestazioni con la presenza di costituzionalisti, avvocati, esponenti della società civile.

E’ diffuso il consenso alle preoccupazioni per l’indipendenza e l’autonomia della magistratura manifestate dall’ANM. E’ auspicio dell’Associazione che di tutto ciò si tenga conto nel corso dell’esame parlamentare.

Roma, 13 luglio 2005

Allegato 1: SCIOPERO MAGISTRATI 14 LUGLIO 2005

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 14/07/2005 @ 01:30:36, in Magistratura, linkato 237 volte)

Associazione Nazionale Magistrati
Sezione Emilia Romagna

La Giunta
In occasione della astensione dalle udienze  deliberata per la giornata del 14.7.2005

Indice una
ASSEMBLEA DISTRETTUALE
presso l'aula delle udienze civili del Tribunale di Bologna ore 11 sul tema:

RIFORMA DELL'ORDINAMENTO GIUDIZIARIO
CRISI DEL SERVIZIO GIUSTIZIA

invita magistrati, avvocati,  tutti gli  operatori degli uffici giudiziari del distretto  a partecipare .

Interverranno:

il Presidente della Corte di Appello, il Procuratore Generale presso la Corte di Appello, il Presidente del Tribunale di Bologna, il Procuratore della Repubblica del Tribunale  di Bologna, il Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Bologna , il Presidente della Camera  Penale di Bologna , il rappresentante del Sindacato Avvocati Bologna , il rappresentante delle organizzazioni sindacali della funzione pubblica  e rappresentanti della Università di Bologna

Il Presidente della Giunta Anm Emilia Romagna

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 14/07/2005 @ 01:26:58, in Sindacato, linkato 328 volte)

SOLIDARIETA' DELLA F.P. C.G.I.L. - F.P.S. C.I.S.L. U.I.L. P.A. E SAG. UNSA
ALLO SCIOPERO DEI MAGISTRATI DEL GIORNO 14 LUGLIO

Lo sciopero indetto dall' Associazione Nazionale Magistrati  per il giorno 14 Luglio 2005 rappresenta l'ennesima manifestazione di dissenso della gestione del sistema giudiziario del nostro Paese.
L'iniziativa di protesta dei magistrati mette in evidenza la sofferenza che si registra nei confronti di chi crede che le problematiche del sistema giudiziario possano essere risolte esclusivamente  con una riforma che è mirata a ledere l'autonomia della magistratura e, peggio ancora, in contrasto con la Costituzione senza affrontare con la dovuta razionalità e consapevolezza le cause che determinano la lungaggine dei procedimenti giudiziari.
A tal fine i lavoratori che operano negli uffici giudiziari della regione Emilia Romagna il giorno 1 luglio hanno effettuato in tutte le città delle manifestazioni di protesta per denunciare la grave carenza di organico alla quale si tenta di far fronte con lavoratori precari che non hanno garanzie per il loro futuro lavorativo, con la continua erosione delle risorse economiche che di fatto non consente neanche di acquistare il materiale di cancelleria,  e con le condizioni degli edifici giudiziari sia per quanto riguarda la posizione logistica, sia per quel che concerne la condizione abitativa, che di fatto non corrispondono ai minimi criteri di decorosa
abitabilità.
In pratica si vuole organizzare  il  sistema  giudiziario senza avere la vera consapevolezza  delle problematiche esistenti.
Per queste ragioni Vincenzo Santoro, Giancarlo Vitelli, Luigi Febbraro e Rosa Maria Fino esprimono - a nome delle segreterie provinciali F.p. C.G.I.L., F.p.S. C.I.S.L., U.I.L. P.A.  e S.A.G. UNSA - la loro solidarietà alla protesta indetta dall'Associazione Nazionale dei Magistrati considerata la comune  certezza che  una riforma vera e seria della giustizia deve avere a riferimento i veri problemi dei cittadini che chiedono un servizio giudiziario migliore da coloro che oggi loro malgrado sono impossibilitati a renderlo.

Modena 13 Luglio 2005

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 13/07/2005 @ 13:32:02, in Sindacato, linkato 294 volte)

Federazione Nazionale della Stampa Italiana

Roma, 12 luglio 2005
Prot. n. 165/C

Il Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Paolo Serventi Longhi, ha inviato al Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, Dott Ciro Riviezzo, la seguente lettera:

“Egregio Presidente,

nell’imminenza dello sciopero nazionale dei magistrati proclamato dalla Sua Associazione per giovedì 14 luglio, Le esprimo la solidarietà alla categoria che Ella guida, il cui ruolo e la cui autonomia rappresentano elementi fondamentali per la certezza del diritto. La stessa Costituzione della Repubblica ne fissa i contorni e ne stabilisce i principi essenziali.
Ritengo pertanto necessario che la riforma dell’ordinamento giudiziario in discussione in Parlamento proceda con un’ampia consultazione e con il consenso della Magistratura. Sarebbe assurda una approvazione del provvedimento che non tenga conto delle preoccupazioni espresse dall’Associazione Nazionale Magistrati circa gli aspetti di incostituzionalità e di ingestibilità . D’altra parte lo stesso Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi è più volte intervenuto per sottolineare le esigenze di autonomia della magistratura.
Proprio in queste settimane anche i giornalisti sono impegnati in una dura battaglia per difendere l’indipendenza e la qualità della loro professione più volte sottoposta ad attacchi dai diversi poteri. Così come i magistrati, anche i giornalisti sono stati costretti ad azioni di sciopero motivate dalla posizione delle imprese pubbliche e private nelle vertenze contrattuali.
Ella ha avuto modo di sottolineare l’amarezza con la quale l’ANM ha deciso di ricorrere allo strumento dello sciopero, che è e resta un atto estremo, sia per i magistrati sia per i giornalisti. Nella consapevolezza, però,  che la responsabilità di entrambe le categorie non consente di evitare questa forma di lotta per difendere diritti e libertà.
I giornalisti, poi, hanno un motivo di ulteriore preoccupazione sulla riforma  per quanto attiene all’esercizio della libertà di informazione e del diritto di cronaca. Non condividiamo infatti la norma, contenuta nel Disegno di legge del Governo, che prevede che le informazioni sulle attività dell’ufficio del pubblico ministero debbano essere attribuite esclusivamente e personalmente al Procuratore della Repubblica. I magistrati in contrasto con questa disposizione sarebbero poi perseguiti disciplinarmente. Riteniamo che ciò determinerebbe un’informazione giudiziaria controllata direttamente dal Procuratore Capo della Repubblica e, per questo, sarebbe limitativa della libertà del cronista giudiziario di avere chiarimenti e notizie direttamente dai singoli magistrati dell’ufficio. Un ‘informazione, quindi, che rischierebbe di essere reticente.
Nella speranza che le preoccupazione dell’ANM e quelle della Fnsi vengano recepite dal legislatore, La ringrazio per l’attenzione e Le auguro i migliori auguri di riuscita dello sciopero dei magistrati”.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 13/07/2005 @ 13:14:55, in Magistratura , linkato 260 volte)

Associazione Nazionale Magistrati
sezione di Milano
Il Presidente della Giunta

Cari colleghi ,

alcuni di voi , in questi giorni , si interrogano se valga ancora la pena scendere nuovamente in agitazione per la quarta volta in tre anni . Alcuni ritengono questo sciopero " inutile " a fronte di una chiara volontà del Parlamento di procedere in tempi rapidissimi alla approvazione di quella che ormai tutti considerano una vera e propria "controriforma " ( e alla quale seguirà , ciliegina finale sulla torta , la legge Cirielli in tema di prescrizione ) ; qualcun altro , al contrario , ha dubbi sull' aderire o meno , ritenendolo uno strumento troppo blando e di scarsa efficacia .  Senza avere certamente la presunzione di convincere i dubbiosi (nutrendo al massimo qualche speranza ), io credo che il motivo per cui la adesione alla giornata di sciopero del 14 Luglio sia ancora oggi "utile " e doverosa, riposa su questa , solo apparentemente , paradossale considerazione :
 
Noi scioperiamo perchè siamo e vogliamo rimanere - nel senso più alto del termine - servitori dello Stato ma non vogliamo trasformarci in servi di questa o quella parte politica , qualunque essa sia , che negli anni a venire governerà questo nostro Paese : perchè questa , per i motivi che tutti sanno , è la vera finalità della legge che il Parlamento si appresta a licenziare.
 
Noi scioperiamo perchè non vogliamo che si possa dire da parte di alcuno che la Magistratura Italiana , è rimasta indifferente o , peggio , si è resa complice di fronte al definitivo scempio del sistema giustizia ( e di quel che rimane del " senso " della giustizia ) di questo nostro Paese.
 
Noi scioperiamo perchè chi si sta per assumere la responsabilità di cancellare di fatto quei  valori che hanno guidato la vita professionale di tutti noi ( e  tra questi in primo luogo - che sia questo il nostro errore ? - quello rappresentato dalla scritta che ogni giorno ci sovrasta nelle nostre aule : " la legge è uguale per tutti" ), se la assuma pienamente ed in via esclusiva - senza alibi alcuno - di fronte alla storia di questo nostro Paese.
 
A me , che come tanti di noi , alle volte sento la stanchezza rischiare di prendere il sopravvento , sembrano, questi , motivi semplici ma validi per dimostrare ancora una volta , con l' unico mezzo che abbiamo , tutta la nostra contrarietà ad una riforma fatta ( non nascondiamoci dietro ad un dito ) " in odio " alla Magistratura ma che comporterà  - cosa assai più grave - danni assai peggiori per la convivenza civile .
 
Il Presidente della Giunta di Milano
Paolo Enrico Carfì
  

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 13/07/2005 @ 13:11:28, in Magistratura, linkato 213 volte)

MD NEWS

Sul sito di Magistratura Democratica, a cura del Dott. Giovanni Cannella, sono state pubblicate: la dichiarazione di MD sui Centri di permanenza temporanea (CPT). Inoltre è possibile leggere la dichiarazione congiunta MD, Arci, Asgi, Cgil, Msf dal titolo "Chiudere la Stagione del Diritto Speciale dei Migranti", a margine del Forum tenutosi a Bari fra le Regioni.
Sempre sul sito è pubblicata la toccante testimonianza del Dott. Giacinto Bisogni, diario da Londra nel giorno delle Bombe.

Buona Lettura

www.magistraturademocratica.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 13/07/2005 @ 13:04:07, in Magistratura, linkato 229 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

La Segreteria Generale

In occasione dello sciopero proclamato dall’Associazione Nazionale Magistrati, la Giunta Esecutiva Centrale ha indetto per domani 14 luglio - alle ore 16.30 - una

CONFERENZA STAMPA

presso la propria sede: Palazzo di Giustizia – Piazza Cavour.

Roma, 13 luglio 2005

La Giunta Esecutiva Centrale

N.B.: per la partecipazione alla conferenza stampa di cui sopra è necessario inviare all’attenzione del Primo Presidente aggiunto della Corte di Cassazione, dott. Vincenzo Carbone, richiesta di accredito entro e non oltre le ore 12.00 di domani 14 luglio.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 38 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





07/12/2019 @ 10:40:19
script eseguito in 281 ms