Immagine
 nuvola temporalesca... di Admin
 
"
Io non sono mai stato un giornalista professionista, che vende la sua penna a chi gliela paga meglio e deve continuamente mentire, perchè la menzogna entra nella qualifica professionale. Sono stato giornalista liberissimo, sempre di una sola opinione, e non ho mai dovuto nascondere le mie profonde convinzioni per far piacere a dei padroni o dei manutengoli.

Antonio Gramsci
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 30/06/2005 @ 05:54:49, in Politica, linkato 286 volte)

Giustizia. Cavallaro: "Le contraddizioni del governo: meno sicurezza per tutti "

Dichiarazione del Senatore della Margherita, Mario Cavallaro

"Una  società  politica  sempre più isterica, sull'onda emotiva dell'ultimo conflitto  a  fuoco  dopo  una  rapina in gioielleria, forza le norme sulla legittima  difesa  quasi che il principio dell'autodifesa debba divenire la regola  dei  comportamenti  civili.  Il  giorno dopo, di fronte a tre nuovi cadaveri  di  servitori  dello  stato e cittadini uccisi da un folle armato fino  ai  denti,  la  stessa  società  politica, istericamente immemore, si interroga  su  come contenere il dilagare esattamente opposto dell'uso poco controllato  delle  armi  da  fuoco".  E' quanto dichiara il senatore della Margherita Mario Cavallaro.
"Esiste,  da  sempre,  un  rapporto  dialettico fra difesa delle garanzie e difesa della sicurezza, tanto nella coscienza sociale che negli ordinamenti più evoluti. E' un rapporto che - spiega Cavallaro - va risolto all'interno dei  principi  generali  del  nostro  diritto,  tutt'altro che superati. E' necessario,  però,  che  il  legislatore  non  segua  l'ondata  emotiva del momento,  spesso  isterica  e ipocrita. Ma disegni, per il Paese, una rotta culturale,  scientifica  e morale, forse prima ancora che politica. A cui i cittadini sentano di potersi affidare con fiducia".
"Ma  forse - conclude Cavallaro - chiedere il ripristino di questa legalità è  chiedere  troppo  a  chi  ha voluto leggi ad personam e contra personam, autentici  mostri giuridici prima ancora che etici, anche nel settore della giustizia e della sicurezza". Roma, 29 giugno 2005

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

ORDINAMENTO GIUDIZIARIO:
"IL GOVERNO SI E' DIMOSTRATO DEBOLE CON I FORTI E SPIETATO CON I DEBOLI"

Dichiarazione del sen. Tommaso Sodano di Rifondazione Comunista

"In quattro anni di governo Berlusconi nulla di serio è stato fatto per una vera riforma della giustizia. Il governo si è dimostrato debole  con i forti e spietato con i deboli", ha dichiarato il sen. Tommaso Sodano, intervenendo in aula per motivare il voto contrario dei senatori di Rifondazione Comunista.
"Quello che si propone oggi è un modello di giustizia in cui si prevede un'organizzazione gerarchica e verticista dei giudici, una notevole diminuzione dell'indipendenza della magistratura, una stretta repressiva sui reati minori; in questo modo si intasa ancor di più la macchina della giustizia italiana", aggiunge l'esponente del PRC.
"Il nuovo ordinamento giudiziario non potrà che determinare conseguenze negative se parallelamente non verranno approvate tutta una serie di leggi tese ad accelerare i tempi, vergognosamente lunghi, dei processi civili e penali, nonché norme finalizzate a contrastare efficacemente la piccola e grande criminalità. Il governo è stato sordo verso tutte le sollecitazione provenienti dai giuristi e dagli operatori del diritto e, invece, ha preferito varare delle leggi che depenalizzano, ad personam, alcuni reati. Oggi si arriva all'assurdo che venga punito più pesantemente un immigrato, che non ottempera all'ordine del giudice, che qualsiasi falso in bilancio. Il Paese aveva bisogno di una riforma che non scardinasse le regole dello stato di diritto e le garanzie individuali, il contrario dello scempio compiuto dal centrodestra".
"Il voto contrario di Rifondazione rappresenta, innanzitutto, una ferma opposizione contro questa  idea di giustizia, per impedire lo sfascio delle istituzioni democratiche e il disastro del paese in cui il governo ci sta trascinando", ha concluso Sodano.

Roma 28-giugno-2005
l'Ufficio Stampa PRC Senato

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/06/2005 @ 18:33:10, in Politica, linkato 287 volte)

GIUSTIZIA: DALLA CHIESA, IN AULA POCHI SENATORI E TANTE TESSERE

Dichiarazione del senatore della Margherita Nando dalla Chiesa

"Non mi permetto di entrare nelle liti di maggioranza ma speriamo che nella Cdl che si impegna a stare in aula la prossima settimana non sia compreso anche il partito dei pianisti". Lo dichiara il senatore della Margherita Nando dalla Chiesa riferendosi alla riforma sulla giustizia. "Vorrei ricordare al presidente Schifani che ieri in aula si contavano più voti che senatori. Questa irregolarità - ha concluso Dalla Chiesa - è stata denunciata con forza dall'opposizione con le conseguenze che tutti conosciamo".

Giustizia. Petrini. "Governo ignora i bisogni dei cittadini e le istanze della magistratura"

Dichiarazione del senatore della Margherita, Pierluigi Petrini

"E'  scandaloso  che  il  governo e la maggioranza continuino a ignorare le istanze   provenienti   dal   mondo   forense   e,  in  particolare,  dalla Magistratura". Così il senatore della Margherita Pierluigi Petrini interviene sulla riforma dell'ordinamento giudiziario.
"La  Magistratura  -  continua  Petrini  -  per la quarta volta in tre anni sciopera  contro  la  riforma  proposta dal Ministro della Giustizia. Ma il governo  e  la  maggioranza  che  lo  sostiene, anziché prendere atto della preoccupazione   del   mondo   della  giustizia  e  della  società  civile, preferiscono   far   finta   di  nulla  dimostrando,  peraltro,  di  essere assolutamente  disinteressati  ai  reali  bisogni  dei  i  cittadini  e  al principio basilare per ogni democrazia, la divisione dei poteri". Roma, 28 giugno 2005

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/06/2005 @ 18:31:14, in Politica, linkato 316 volte)

GIUSTIZIA: BOCO, VINCE IL MINISTRO KILLER

"Con il voto di oggi si distrugge il sistema giustizia. Infatti, la Cdl ha raggiunto semplicemente l'obiettivo che ha sempre avuto: la sottomissione della magistratura al potere politico. E con questa riforma i problemi della macchina giudiziaria non si risolvono ma si aggravano. Insomma, oggi si è compiuto l'assassinio della giustizia italiana". Lo afferma il capogruppo dei Verdi al Senato, Stefano Boco, commentando il voto alla riforma dell'ordinamento giudiziario.
''Il centrodestra - aggiunge - ha perso ogni dignita' ed e'stato aiutato dal ministro della Giustizia, l'uomo giusto per compiere il killeraggio del sistema giudiziario italiano'.
Ma le sorprese continueranno. Infatti, per il futuro immediato, il centrodestra approvera' anche la legge ''Salva-Previti'. Insomma, la vergogna continua, in questo Parlamento si lavora per gli interessi di pochi eletti e non per i cittadini.
Basta avere un po' di pazienza - conclude Boco - e ne vedremo delle belle''.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/06/2005 @ 17:57:08, in Magistratura, linkato 289 volte)

MAGISTRATURA DEMOCRATICA

Md sulla Controriforma Ordinamento Giudiziario

La legge votata dalla maggioranza del Senato stravolge l'assetto della magistratura e compromette ogni possibilità di razionale organizzazione del sistema giudiziario voluto dalla Costituzione.
Sono state clamorosamente eluse e aggirate le specifiche censure di incostituzionalità del Presidente della Repubblica.
Sono state completamente ignorate le critiche mosse dai costituzionalisti e dagli esperti di ordinamento giudiziario.
La maggioranza di governo, rimasta sorda ai rilievi sollevati da sedi tanto autorevoli, mette in crisi lo Stato costituzionale di diritto.
Il 14 luglio i magistrati faranno sentire, con forza e determinazione, la loro protesta per far giungere ai cittadini una voce di allarme, pur nella speranza che alla Camera componenti della maggioranza sappiano recuperare razionalità e responsabile equilibrio: questa legge, se sarà definitivamente approvata, condizionerà la indipendenza della magistratura e peggiorerà ulteriormente il funzionamento della giustizia.
Il Ministro Castelli e con lui il sottosegretario Vietti e i saggi La Russa e Gargani forse passeranno alla storia, ma come gli autori di una riforma incostituzionale, irrazionale e contraria agli interessi dei cittadini ad una giustizia indipendente ed efficiente.

Franco Ippolito - Presidente
Ignazio Juan Patrone -  Segretario Nazionale

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/06/2005 @ 10:14:50, in Magistratura, linkato 345 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

Approvata dal Senato la contro-riforma dell'ordinamento giudiziario

E' una giornata triste per la giustizia e per il Paese. Il Senato, sostanzialmente senza alcuna discussione,  approva una pessima contro-riforma dell'ordinamento giudiziario per larghi versi incostituzionali e inapplicabile, che non risponde ai rilievi del Capo dello Stato e che provocherà gravissimi danni all'organizzazione giudiziaria, impedirà il regolare funzionamento dell'autogoverno, diminuirà l'indipendenza, interna ed esterna della magistratura, contribuirà ad una ulteriore dilatazione dei tempi dei processi, inciderà sulla vita professionale quotidiana dei magistrati. I profili di ingestibilità della contro-riforma, inutilmente denunciati dall'Associazione, provocheranno una sostanziale paralisi dell'apparato giudiziario.

Il diritto dei cittadini ad una giustizia rapida, efficiente e indipendente viene ulteriormente compromesso. Il Paese ha bisogno di riforme che rendano ragionevole la durata dei processi, per la tutela dei diritti di ciascuno.

L'A.N.M. auspica che la Camera dei deputati voglia approfondire i temi che la magistratura e la cultura giuridica hanno posto,  anche nelle recente Manifestazione  del 25 giugno scorso, ed esaminare le proposte che l'Associazione ha formulato per ciascuno dei punti toccati dalla riforma, facendo prevalere l'esigenza di un  esame sereno e completo del progetto di legge, che è mancato nei lavori del Senato.

La Giunta Esecutiva Centrale, in adempimento del mandato ricevuto dal C.D.C. procede agli adempimenti formali per la indizione dell'astensione dall'attività giudiziaria dei magistrati per la giornata del 14 luglio 2005. In tal modo la magistratura italiana intende esprimere il dissenso più fermo e la protesta più netta per il contenuto della proposta di contro-riforma e per il metodo adottato nell'approvarla.

Roma, 28 giugno 2005.
La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/06/2005 @ 10:11:52, in Magistratura, linkato 280 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA

L'approvazione al Senato della "controriforma" dell'Ordinamento giudiziario segna un momento triste non solo per i magistrati ma anche per i cittadini,ai quali viene ancora una volta negata una riforma che realmente contribuisca a migliorare il funzionamento della giustizia.

Si tratta di una legge ispirata alla volontà di consumare ritorsioni nei confronti della magistratura,colpevole solo di aver fatto il proprio dovere,di voler amministrare una giustizia eguale per tutti,senza distinzioni di censo,di potere o di ruolo politico.

E invece nulla questo Governo ha fatto per affrontare i veri problemi del funzionamento della giustizia,per fornire ai cittadini un servizio giustizia veloce ed efficiente.

Anche in questa fase parlamentare si sono registrate forzature e compressioni nel dibattito,con un sostanziale rifiuto della maggioranza di affrontare con ponderazione una materia di fondamentale importanza,e con la volontà di giungere all'approvazione a tutti i costi.,senza non tener conto delle proposte migliorative che da tutte le parti sono giunte.

Si è approvata una legge che non tiene conto delle critiche motivate dei magistrati,degli avvocati,dei docenti universitari,della dottrina giuridica.

E nemmeno risponde compiutamente ai rilievi formulati dal Capo dello Stato,con il messaggio di rinvio alle Camere,in relazione ai palesi profili di incostituzionalità.

Continuiamo a sperare che il successivo esame alla Camera dei Deputati fornisca l'occasione per un esame effettivamente meditato e ispirato alla volontà di fare una buona legge nell'interesse della collettività.

Il Movimento per la Giustizia conferma l'impegno affinchè il dissenso diffuso fra tutti i magistrati si esprima nel modo più fermo ed evidente con l'astensione dalle udienze proclamata dall'ANM per il 14 luglio prossimo.

Piero Martello
Presidente del Movimento per la Giustizia

SCHEDA INFORMATIVA.

Il MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA  è uno dei gruppi che compongono l’ANM.

Fondato nel 1988 su iniziativa, fra gli altri, di Giovanni Falcone, Calogero, Spataro, Tamburino, Zagrebelsky, Almerighi, Di Nicola, Nannucci, si è successivamente unito al gruppo di  “Proposta ‘88” (tra i fondatori: Rachelie Amatucci). Attualmente raccoglie il consenso e il voto del 15% dei magistrati italiani e ciò gli ha consentito di esprimere 3 componenti del CSM, 5 componenti del CDC dell’ANM e un alto numero di membri dei Consigli giudiziari nelle Corti d’Appello.
 
Piero MARTELLO, Presidente
Nino CONDORELLI, Segretario Generale

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 28/06/2005 @ 09:11:59, in Magistratura, linkato 238 volte)

Sciopero toghe: Bobbio, li denuncio
Interruzione pubblico servizio, scommetto su archiviazione
(ANSA)-ROMA,27 GIU- Luigi Bobbio (An), relatore al Senato sulla riforma dell'ordinamento giudiziario, si scaglia contro lo sciopero dei magistrati del 14 luglio. E avverte che e' pronto a contrastare una scelta 'demagogica, illegittima e incostituzionale' denunciando gli scioperanti per interruzione di pubblico servizio. Ma si dice altrettanto pronto a scommettere che la denuncia verra' archiviata 'a conferma del fatto che la magistratura e' un ordine autoreferente mai disposto a mettersi in discussione'. 

Nota del redattore: considerato che Bobbio è un ex pm della procura di Napoli, cresciuto sotto l'ala di Cordova, non ci sono parole.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 27/06/2005 @ 12:44:30, in Indagini, linkato 296 volte)

Qui sotto potete leggere l'articolo originale per il quale sono stata messa in croce, come se fossi una *pornografa*, da Buongiovanni, Neri, Mantellini, il tizio de Il Foglio.it, Pfaal, Vogliaditerra e tanti altri, compreso Caravita che intervenne solo per darmi della pazza mentre mi trovavo nella necessità di denunciare a Poltel il furto degli identificativi personali e delle password, su semplice richiesta di una donna fuggita in Egitto dall'Italia. Dopo vennero le minacce e altri reati contro la libertà di ogni cittadino.

Consiglio a cotanta scienza: cancellate i vostri blog. Sono una inutile perdita di tempo  indegna della professione del giornalista ma, soprattutto, non vi candidate come paladini dei diritti dell'utenza: NON LO SIETE! Io? Io ho già aperto la mia campagna politica contro la delinquenza commerciale del web.

CARCERI DELL'OCCUPAZIONE IRAQ: TUTTE LE FOTo

03.05.2004
by
@ 13:26

da http://bloggersperlapace.splinder.it/

Al servizio di Cbs news si aggiunge, sotto gli occhi di tutti, la denuncia del Daily Mirror sulle violenze agli iracheni ad opera dei militari usa e inglesi. Ai link che seguono trovate gli articoli e le foto di quello, che accade nelle carceri della occupazione e contro la popolazione civile irachena. Da Albasrah l'intera rassegna, ma anche da Memory Hole e sulla violenza alle donne. In questi mesi abbiamo ricevuto notizia di questi fatti tramite alcune lettere fuggite al controllo degli aguzzini. Loro, i potenti, si dicono disgustati. Specialmente Blair. Ma le primissime foto circolate nell'aprile 2003 riprendevano proprio i soldati inglesi per la foto ricordo con l'iracheno prigioniero legato, imbavagliato e sotto gli scarponi del "turista" armato fino ai denti. C'era da aspettarselo, una soldataglia composta in parte di uomini (e donne) esaltati e da facinorosi, lasciata allo stato brado in un paese occupato, sviluppa sempre queste tematiche. Da che mondo è mondo. Una raccomandazione sulle foto: resistete alla speranza che siano false.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 25/06/2005 @ 23:21:59, in Magistratura, linkato 249 volte)

A Roma si è tenuta una partecipata assemblea dell'ANM (tenuto conto dei tempi ristrettissimi nei quali è stato necessario organizzarla). Di Seguito il documento approvato all'unanimità dall'assemblea.

L'ASSEMBLEA A.N.M. DEL DISTRETTO DI ROMA

riunita il 23.6.05 presso l'aula magna della Corte di appello civile di Roma ha approvato all'unanimità il seguente

DOCUMENTO

- Una normativa minata da palesi illegittimità costituzionali (tanto da essere bocciata dal Capo dello Stato) viene riproposta, sostanzialmente immutata, in Senato.

- Va respinta la filosofia di fondo di chi vuole una Magistratura strutturata per gradi "da scalare", stimolando i magistrati non già a un miglioramento professionale in relazione alle funzioni svolte bensì solo ad un'esasperata progressione di carriera, sottovalutando  l'apporto e l'abnegazione del Giudice di primo grado (pilastro dell'istituzione giudiziaria), costretto a preparare i concorsi anziché rispondere alla domanda di giustizia dei cittadini.

- Va stigmatizzata la mortificazione del ruolo del C.S.M., sostanzialmente esautorato del compito di valutazione dei magistrati.

- È inaccettabile, inoltre, il perseverare in una procedura di approvazione della legge per maxi articoli che preclude la possibilità di confronto tra le forze politiche su specifici punti della materia trattata, al solo scopo di contingentare i tempi di approvazione, di evitare il dibattito e conseguentemente una seria riflessione da parte dell'opinione pubblica sulle conseguenze delle norme in via di approvazione.

PERTANTO

Preso atto della deprecata mancanza di volontà di dialogo da parte dell'attuale maggioranza parlamentare e dell'uso di metodi che non consentono un'adeguata informazione dell'opinione pubblica, l'Assemblea dei magistrati del distretto di Roma propone agli organismi centrali dell'A.N.M. di adottare tutte le più incisive e visibili forme di protesta possibili, nessuna esclusa, con particolare riferimento all'astensione dalle udienze.
Propone, inoltre, di promuovere iniziative idonee a coinvolgere l'Avvocatura, l'Accademia, il Personale amministrativo del Ministero della giustizia e le aggregazioni della Società civile, iniziative indispensabili per fare comprendere che la magistratura tutta non è estranea ai reali problemi del Paese.

L'ASSEMBLEA DELL'A.N.M. DEL DISTRETTO DI ROMA

SI SOTTOLINEA CHE L'ADESIONE E' RISERVATA ALLE SOLE PERSONALITA' ESTERNE ALLA MAGISTRATURA
  _____ 

Associazione Nazionale Magistrati

Adesioni al manifesto sulla contro-riforma dell'ordinamento giudiziario
 
Gli accademici e gli esponenti della cultura giuridica che intendano aderire al manifesto per la Manifestazione nazionale di Roma del 25 giugno 2005 sull'ordinamento giudiziario, possono farlo mandando un fax, indicando nome e qualifica.
L'adesione potrà pervenire anche dopo la Manifestazione, e l'A.N.M. ne darà notizia nei consueti modi.

Roma, 22 giugno 2005.
La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 6 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





08/12/2019 @ 19:06:19
script eseguito in 275 ms