Immagine
 Antica macchina per tessuti... di Admin
 
"
Articolo 11. L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali

Costituzione Italiana
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 22/06/2005 @ 12:53:59, in Indagini, linkato 341 volte)

E' utile rivisitare il passato giudiziario del Punto Informatico, in quanto se ci si interroga politicamente sulle questioni legate ai brevetti del software e contestualmente si delinque in rete, si perde automaticamente la rappresentanza politica nei confronti dell'utenza. Utenza che viene vessata, danneggiata economicamente, spammizzata per pubblicità e quindi diffamata sistematicamente da il Punto Informatico. In fondo c'è una sola cosa vera in tutta questa vicenda: "Non si passa dal comune commercio al giornalismo." Questo ho detto al Centro di Documentazione per il giornalismo, questo dirò all'Ordine dei Giornalisti quando ricorrerò per diffamazione.

Punto Informatico condannato per diffamazione

di Alessio Balbi

Il quotidiano di casa De Andreis dovrà versare quasi 52 mila euro di risarcimento a Buongiorno.it per una vicenda legata allo scandalo spam della Lista Bonino. Una sentenza che fa vacillare il diritto di cronaca in Rete. Si è conclusa con una pesante condanna per la vicenda processuale che vedeva contrapposto il quotidiano della De Andreis editore al sito Buongiorno.it. Il Tribunale di Roma ha condannato Andrea e Roberto De Andreis in solido a versare nelle casse di Buongiorno la bellezza di 51 mila e rotti euro, pari a 100 milioni di vecchie lire. Una sentenza severa che pone fine ad una disputa durata oltre un anno ma solleva interrogativi sulla libertà di informazione in generale, ed in particolare online.

La De Andreis Editore era stata chiamata a rispondere dei reati di diffamazione e concorrenza sleale dalla Buongiorno.it SpA il 18 dicembre del 2000 in seguito alla pubblicazione su PI di un articolo riguardante lo «scandalo spam» della Lista Bonino. Contattati da HTML.it, sia i rappresentanti di Punto Informatico sia quelli di Buongiorno.it hanno preferito non commentare la sentenza. Di «problema legislativo gravissimo» ha parlato invece Enrico Pulcini, consulente della
Federazione Nazionale della Stampa (FNSI) nonché direttore di Infocity.it, il primo sito italiano ad essere riconosciuto come testata giornalistica. Pulcini arriva a lanciare l’idea di una tavola rotonda dei pionieri dell’informazione online nostrana per discutere il diritto di cronaca su Internet.

Tutto era iniziato con un articolo intitolato “
Bonino, mai tanto spamming in Italia”, apparso su Punto Informatico il 12 ottobre del 2000. Nell’articolo si parlava della condotta, successivamente giudicata illegale dal Garante per la Privacy, tenuta dalla Lista Bonino nel corso della campagna elettorale per le Europee 2000: in quel periodo, decine di migliaia di navigatori avevano ricevuto una valanga di spam elettorale da parte dei Radicali italiani (i quali erano stati anche premiati dalle urne per questo comportamento, ottenendo con l’8% il miglior risultato della loro storia).

Punto Informatico aveva denunciato «il ricorso agli indirizzari di numerose mailing list, da quelli di Netfraternity a quelli di Buongiorno.it,» cosa che non era piaciuta ai rappresentanti di quest’ultima società. In particolare, essi non avevano gradito la terminologia utilizzata da Punto Informatico, secondo il quale gli indirizzi degli utenti di B! erano stati «prestati» alla Lista Bonino. «L'Associazione Politica Nazionale Lista Marco Pannella ha semplicemente acquistato spazi pubblicitari all'interno delle newsletters gestite da Buongiorno.it,» avevano tenuto a specificare i legali di Buongiorno, diffidando PI dal proseguire su quella linea.

Punto Informatico aveva fatto appello al diritto di cronaca e si era arrogato la libertà di continuare a parlare di Buongiorno.it come di «un'azienda che ha prestato i propri servizi ad uno spammer». Era seguita la citazione in tribunale da parte di Buongiorno.it con la richiesta di 300milioni di lire come risarcimento per diffamazione e concorrenza sleale.

Nella
sentenza datata 28 febbraio, il giudice Alberto Bucci della Prima Sezione Penale del Tribunale di Roma ha assolto PI dall’accusa di concorrenza sleale; ma l’ha condannato pesantemente per diffamazione. Secondo il giudice Bucci, infatti, PI non può appellarsi al diritto di cronaca, in quanto non ha rispettato (con una verifica dei fatti definita «carente») il principio di verità della notizia. In sostanza, dice il giudice, la Lista Bonino ha tenuto un comportamento scorretto, ma il coinvolgimento di Buongiorno.it nello «scandalo spam» non è stato provato.

«Si tratta di un problema legislativo gravissimo,» dichiara Enrico Pulcini, che prescinde dal caso particolare per parlare del diritto di cronaca, soprattutto online: «Se passa l’idea che un grande gruppo economico può far condannare ad un risarcimento milionario una piccola testata, magari a conduzione familiare, nessuno farà più inchieste online».

«Tutti possiamo essere condannati,» spiega Pulcini: «ma mentre un giornalista del Corriere della Sera sa di avere alle spalle un gruppo che gli permette di affrontare una querela, cosa può fare un giornalista che lavora per un piccolo editore online?» Secondo Pulcini, sarebbe una buona idea se tutti i pionieri dell’informazione online italiana («Infocity, Punto Informatico, ma anche Interlex ed altri») chiamassero intorno ad un tavolo le varie parti in causa tentando di colmare un vuoto legislativo che non fornisce nessuna garanzia a chi fa informazione su Internet.

La sentenza di primo grado condanna la De Andreis editore ad un risarcimento di 51.645,68 euro per diffamazione, più altri 6.889,52 euro per le spese legali. Ricordiamo che, con l’approvazione dell’articolo 13 della legge sulla sicurezza 6 marzo 2001, è stata modificata la parte dell’articolo 593 codice di procedura penale che sanciva l’inappellabilità delle sentenze di condanna per diffamazione a mezzo stampa. Punto Informatico potrà quindi ricorrere in appello contro la sentenza.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/06/2005 @ 12:47:28, in Indagini, linkato 255 volte)

A beneficio della redazione di PUNTO INFORMATICO, che attualmente pubblica insulti gravissimi a me rivolti.

Art. 1 (Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47)

1. Dopo il primo comma dell'articolo 1 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, è aggiunto il seguente:
"Le disposizioni della presente legge si applicano, altresì, ai siti Internet aventi natura editoriale".

2. All'articolo 8 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al secondo comma, dopo le parole: "sono pubblicate" sono inserite le seguenti: "senza commento";

b) dopo il terzo comma è inserito il seguente:
"Per le trasmissioni radiofoniche o televisive, le dichiarazioni o le rettifiche sono effettuate ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 agosto 1990. Per i siti informatici, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono";

c) dopo il quarto comma è inserito il seguente:
"Per la stampa non periodica l'autore dello scritto, ovvero i soggetti di cui all'articolo 57-bis del codice penale, provvedono, su richiesta della persona offesa, alla pubblicazione, a propria cura e spese su non più di due quotidiani a tiratura nazionale indicati dalla stessa delle dichiarazioni o delle rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro reputazione o contrari a verità, purché le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale. La pubblicazione in rettifica deve essere effettuata entro sette giorni dalla richiesta con idonea collocazione e caratteristica grafica e deve inoltre fare chiaro riferimento allo scritto che l'ha determinata";

d) al quinto comma, primo periodo, le parole: "trascorso il termine di cui al secondo e terzo comma "sono sostituite dalle seguenti: "trascorso il termine di cui al secondo, terzo, quarto, per quanto riguarda i siti informatici, e sesto comma" e le parole: 'In violazione di quanto disposto dal secondo, terzo e quarto comma" sono sostituite dalle seguenti: "in violazione di quanto disposto dal secondo, terzo, quarto, per quanto riguarda i siti informatici, quinto e sesto comma".

e) dopo il quinto comma è inserito il seguente: "Della stessa procedura può avvalersi l'autore dell'offesa, qualora il direttore responsabile del giornale o del periodico, il responsabile della trasmissione radiofonica, televisiva o delle trasmissioni informatiche o telematiche non pubblicano la smentita o la rettifica richiesta".

3. Dopo l'articolo 11 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, è inserito il seguente:
"Art. 11-bis - (Risarcimento del danno)

1. Nella determinazione del danno derivante dalla pubblicazione ritenuta lesiva della reputazione o contraria a verità, il giudice tiene conto dell'effetto riparatorio della pubblicazione della rettifica, se richiesta dalla persona offesa.

2. Quando il giudice procede alla liquidazione del danno in via equitativa, l'entità del danno non patrimoniale non può comunque eccedere la somma di euro 30.000. Il giudice non è vincolato al limite predetto nel caso in cui l'imputato sia già stato condannato, in sede civile o penale, con sentenza definitiva, al risarcimento del danno in favore della medesima parte offesa.

3. Nei casi previsti dalla presente legge, l'azione civile per il risarcimento del danno alla reputazione si prescrive in un anno dalla pubblicazione".

4. L’articolo 13 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, è sostituito dal seguente:
"Art. 13 - (Pene per la diffamazione)

1. Nel caso di diffamazione commessa con il mezzo della stampa, consistente nell'attribuzione di un fatto determinato, si applica la pena della multa da euro 5.000 a euro 10.000.

2. Alla condanna per il delitto di cui al comma 1 consegue la pena accessoria della pubblicazione della sentenza nei modi stabiliti dall'articolo 36 del codice penale e, nelle ipotesi di cui all'articolo 99, secondo comma, del codice penale, la pena accessoria dell'interdizione dalla professione di giornalista per un periodo da un mese a sei mesi.

3. L’autore dell'offesa non è punibile se provvede, ai sensi dell'articolo 8, alla pubblicazione di dichiarazioni o rettifiche.

3-bis. Nel dichiarare la non punibilità, il giudice valuta la rispondenza della rettifica ai requisiti di legge.

4. Con la sentenza di condanna il giudice dispone la trasmissione degli atti al competente ordine professionale per le determinazioni relative alle sanzioni disciplinari".

5. L’articolo 12 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, è abrogato.

Art. 2 (Modifiche al codice penale)

11. L'articolo 57 del codice penale è sostituito dal seguente:
"ART. 57 - (Reati commessi con il mezzo della stampa, della diffusione radiotelevisiva o con altri mezzi di diffusione)
Salva la responsabilità dell'autore della pubblicazione, e fuori dei casi di concorso, il direttore o il vicedirettore responsabile del quotidiano, del periodico o della testata giornalistica, radiofonica o televisiva, risponde dei delitti commessi con il mezzo della stampa, della diffusione radiotelevisiva o con altri mezzi di diffusione se il delitto è conseguenza della violazione dei doveri di vigilanza sul contenuto della pubblicazione. La pena è in ogni caso ridotta di un terzo".

2. L'articolo 594 del codice penale è sostituito dal seguente:

"Art. 594 - (Ingiuria). Chiunque offende l'onore o il decoro di una persona presente è punito con la multa fino a euro 5.000. Alla stessa pena soggiace chi commette il fatto mediante comunicazione telegrafica, telefonica o telematica, o con scritti o disegni, diretti alla persona offesa. Le pene sono aumentate qualora l'offesa consista nell'attribuzione di un fatto determinato, ovvero sia commessa in presenza di più persone".

3. All'articolo 595 del codice penale, i commi primo, secondo e terzo sono sostituiti dai seguenti:
"Art. 595 - (Diffamazione). Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo 594, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la multa da euro 1.500 a euro 6.000. La pena è aumentata se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato. Se l'offesa è arrecata con il mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, si applica la pena della multa da euro 3.000 a euro 8.000. Si applicano le disposizioni di cui al comma 3 dell'articolo 13 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, e successive modificazioni, nel caso in cui l'autore dell'offesa pubblichi una completa rettifica del giudizio o del contenuto lesivo dell'altrui reputazione. Alla condanna consegue la pena accessoria dell'interdizione dalla professione di giornalista per un periodo da un mese a sei mesi, nelle ipotesi di cui all'articolo 99, secondo comma, del codice penale. Se l'offesa è arrecata ad un corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una autorità costituita in collegio, le pene sono aumentata sino al triplo".

Art. 3 (Modifica all'articolo 427 del codice di procedura penale)

1. Dopo il comma 3 dell'articolo 427 del codice di procedura penale, è inserito il seguente:
"3-bis. Il giudice può altresì condannare il querelante al pagamento di una somma da 1.000 euro a 10.000 euro a favore della cassa delle ammende".

Art. 4 (Norma transitoria)

1. Nel caso in cui la condanna a pena detentiva per i reati di cui alla presente legge debba essere ancora eseguita prima della data di entrata in vigore della legge stessa, ovvero, a tale data, sia in corso di esecuzione, la pena della reclusione è convertita in pena pecuniaria ai sensi dell'articolo 135 del codice penale.

Da .Com del 27 ottobre 2004

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/06/2005 @ 12:28:44, in Indagini, linkato 349 volte)

Cari Lettori,

questa mattina ho ricevuto il secondo report dell'attacco hacker dal quale ho dedotto che è facile identificare il personaggio, addirittura potrebbe trattarsi di una vecchia conoscenza...

L'hacker utilizza una connessione web della Società Eutelia Spa, fornita alla Societa ASM, in via Lamarmora 230 di Brescia. In pratica è una persona che punta uno dei computer della ASM, che è la società municipale dei servizi di Brescia, contro i singoli files di questo sito.

Come tutti gli hacker è una persona che soffre di manie di grandezza, essendo nella realtà personcina mediocre e dipendente pubblico. Infatti la frequenza oraria degli attacchi indica che il tizio si siede al computer alle ore 8,30 e lascia il lavoro alle ore 17,30.

Io ho telefonato allertando entrambe le società, ma per la ASM la chiarificazione sull'orario di lavoro, in un contesto dove il personale fa più turni, è fondamentale perchè procederanno anche a livello amministrativo presso la società collegata Selene Spa.

Quanto alla redazione di Punto Informatico ho fatto una piccola indagine: uno solo fra di loro è giornalista. Tutti gli altri no, compreso Mantellini che non è giornalista.

L'unico giornalista, ovvero il direttore responsabile, che è la persona da citare per reati contro le libertà del cittadino italiano è il signor Paolo De Andreis, nato a Roma il 31.10.1970 e iscritto all'albo dei giornalisti il 7.03.2003 (scrive su una testata dal 1996, ma dalla data di iscrizione si deduce che sia stato inserito nell'albo "spintaneamente").

Attenti allora a chi date credibilità nel web: troppo comodo iscriversi ai google allert sulle nuove tecnologie e tradurre, qualche volta male, per spacciarsi poi come media o testata giornalistica autorevole.

Ultimo chiarimento: tutte le denunce sono inoltrate realmente presso le Autorità preposte.

L.M.

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/06/2005 @ 13:29:06, in Indagini, linkato 300 volte)

A seguito del tentato hackeraggio di questa notte.

E' da ritenersi informato nonchè diffidato personalmente il signor Andrea De Andreis, cui ho telefonato oggi sull'utenza cellulare reperibile in rete, in merito ad altri danni, come facilmente dimostrabile dai tabulati in uscita della mia utenza telefonica, da contratto Telecom.

Spettabili Autorità,
 
Poltel
Garante Privacy
Carabinieri
Procura di Roma

 
per conoscenza

Signori Providers
 
Si richiede che la presente venga acquisita agli atti delle precedenti denunce nei confronti della testata giornalistica registrata al nr 51 del 7.02.1996, denominata PUNTO INFORMATICO, editore Andrea De Andreis, in quanto mandante e responsabile in solido di ogni danno e disturbo alla regolare gestione del sito web
www.giustiziaquotidiana.net , che è interamente dedicato alla pubblicazione dei comunicati stampa originali della Magistratura Italiana.
 
Si vedano i precedenti:
 
Rif: precedente segnalazione del 13.06.05 alle ore 15.45 circa
Rif: precedente segnalazione del 16.06.05 alle ore 17.24 circa
Rif: precedente segnalazione del 1.09.04
 
Si veda inoltre il forum pubblico sul quale il signor Andrea De Andreis, in qualità di editore, ha organizzato l'operazione denigratoria ai danni della scrivente sig.ra Loredana Morandi.
 
http://punto-informatico.it/p.asp?i=53477&r=PI
 
In settimana mi recherò personalmente per la ulteriore formalizzazione della denuncia presso vs sedi.
 
Distinti saluti.
Loredana Morandi

Articolo (p)Link Commenti Commenti (8)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/06/2005 @ 00:19:04, in Magistratura, linkato 241 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

La Giunta Esecutiva Centrale dell’Associazione Nazionale Magistrati ha indetto per MERCOLEDI’ 22 GIUGNO p.v. alle ore 16,00, presso la propria sede in Roma – Piazza Cavour (ascensore n. 3 - 6° piano), una

CONFERENZA STAMPA

per la presentazione della manifestazione dei magistrati italiani organizzata dall’ANM, prevista per il 25 giugno 2005 e altre iniziative in corso.

Vi ricordiamo che le richieste di accredito vanno inoltrate direttamente all’Ufficio Controllo e Sicurezza della Corte di Cassazione via fax.

Roma, 20 giugno 2005
La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link Commenti Commenti (8)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/06/2005 @ 00:13:15, in Magistratura, linkato 275 volte)

Consiglio Superiore  della Magistratura
Osservatorio romano sulla Giustizia Civile
www.civoroma.it

Ufficio del referente distrettuale per la formazione decentrata nel settore civile

Aula magna della Corte d'Appello di Roma
Via Varisco, 11

Incontro pubblico
23 giugno 2005 ore 15.30-18.30

IL NUOVO PROCESSO CIVILE DOPO LA LEGGE N. 80/2005
 
INTRODUZIONE

Avv. Alessandro Cajola
Osservatorio Romano sulla Giustizia Civile

RELAZIONI

La nuova fase introduttiva e di trattazione del giudizio di cognizione.

Le modifiche al procedimento cautelare

Dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca - Dott. Antonio Lamorgese - Giudici del Tribunale civile di Roma - Osservatorio Romano sulla Giustizia Civile

Le novità in tema di revocatoria fallimentare e concordato preventivo
Dott. Andrea Scaldaferri - Giudice del Tribunale civile di Roma Sezione fallimentare - Osservatorio Romano sulla Giustizia Civile

La riforma delle procedure esecutive
Dott. Francesco Vigorito - Giudice del Tribunale civile di Roma Sezione esecuzioni - Osservatorio Romano sulla Giustizia Civile

INTERVENTI PROGRAMMATI
Avv. Giancarlo Renzetti - Associazione Nazionale Forense
Avv. Giuliano Leuzzi - Associazione Italiana Giovani Avvocati

DIBATTITO

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/06/2005 @ 17:40:55, in Indagini, linkato 2665 volte)

Vedere qui:

http://www.giustiziaquotidiana.net/public/Chi_è_De_Andreis_Punto_Informatico.txt

http://www.giustiziaquotidiana.net/public/Chi_è_De_Andreis_Punto_Informatico2.txt

http://www.giustiziaquotidiana.net/public/Chi_è_De_Andreis_Punto_Informatico3.txt

http://www.giustiziaquotidiana.net/public/Chi_è_De_Andreis_Punto_Informatico4.txt

http://www.giustiziaquotidiana.net/public/Chi_è_De_Andreis_Punto_Informatico5.txt

http://www.giustiziaquotidiana.net/public/Chi_è_De_Andreis_Punto_Informatico6_firmato.txt

Tutte le pagine sono stampate e salvate, naturalmente.

Update: oltre alla solita gang del gangster (vedi qui sotto)

http://www.giustiziaquotidiana.net/public/la_solita_gang.txt

abbiamo suscitato anche l'interesse del Topo, che ci fregia di una sua citazione. Povero misero. Qui ha già scritto, ma non ha coraggio di farlo con nome e cognome. Chissà..., forse alcuni degli insulti sono proprio i suoi. Quale miseranda figura ad auto attribuirsi la paternità morale di tanta scienza.

Licenze Creative Commons NO grazie!

NON in mano loro o ruberanno tutto!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (44)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/06/2005 @ 17:04:06, in Indagini, linkato 242 volte)

Indagini e perquisizioni per una ventina di persone in tutta Italia
Tra loro alcuni minorenni. Passavano per i computer di ignari cittadini

Catania, presa banda di hacker attaccavano siti istituzionali

Contestato, per la prima volta il reato di associazione a delinquere finalizzata all'intrusione e al danneggiamento di materiale informatico.

CATANIA - Una banda di hacker che assalivano siti istituzionali mandandoli in tilt, o sostituendo le l'home page, è stata sgominata da un'operazione della polizia postale di Catania compiuta in diverse regioni italiane. Gli investigatori hanno compiuto perquisizioni nelle case di 20 indagati, 6 dei quali minorenni, su disposizioni della Procura della Repubblica di Catania e di quella per i minorenni. Per la prima volta in Italia, è stato contestato a dei pirati informatici il reato di associazione per delinquere finalizzata all'intrusione e al danneggiamento di sistemi informatici.

Secondo l'accusa i 20 si sarebbero organizzati tra loro per aggredire simultaneamente siti Internet istituzionali, come hanno fatto per esempio con quello dell'Università di Pisa, la cui home page è stata sostituita con quella di una radio, o a quella del sito delle finanze del governo che per 3 giorni è stata resa inaccessibile.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia postale di Catania, gli hacker riuscivano ad attivare i computer privati di ignari cittadini, con una tecnica denominata 'zombie', che attaccavano i siti istituzionali. La maggior parte dei computer erano di persone che erano completamente all'oscuro dell'iniziativa il cui sistema operativo era stato modificato dagli hacker con un 'Cavallo di Troia'. Secondo quanto riferiscono gli investigatori è la prima che in Italia viene scoperta una banda di hacker che operano in rete tra loro e al quale è contestato un reato di violazione telematica in concorso. Gli hacker sarebbero tutti giovanissimi e grandi conoscitori di sistemi informatici e di computer.

Fra i giovani indagati c'è uno studente di 17 anni di Frosinone. Lo studente è figlio di una coppia di commercianti molto conosciuti nel capoluogo ciociaro. Gli investigatori della polizia postale hanno fatto irruzione questa mattina nella sua abitazione, sequestrando un computer e diverso materiale informatico.

Il resto dell operazione si è sviluppato tra Milano, Bergamo, Rovigo, Savona, Bologna, Perugia, Teramo, Latina, Napoli, Bari, Foggia, Cosenza, Palermo, Reggio.

Secondo i sospetti della polizia postale, il giovane ciociaro e gli altri denunciati (tutti di buona famiglia) utilizzavano il programma di messaggistica istantanea mIRC per organizzare gli attacchi ai siti. Tra i nickname utilizzati dagli hacker c'erano nomi come Zeus o Sinapsi.

(18 giugno 2005)
http://www.repubblica.it/2005/f/sezioni/scienza_e_tecnologia/hackercatania/hackercatania/hackercatania.html

Articolo (p)Link Commenti Commenti (7)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/06/2005 @ 19:39:59, in Giuristi, linkato 1973 volte)

Un ulteriore sforzo per chiarire la mia posizione nei confronti del Punto Informatico, mi giunge via email in una lettera firmata, che suggerisce quanto segue:

La weblog community Bloggersperlapace, oggi costituitasi nella Associazione Culturale e di Promozione Sociale "ARGON" di cui la signora Loredana Morandi è presidente e fondatrice, pubblica ed ha pubblicato ad oggi articoli e comunicati stampa originali, in tempo reale, nelle seguenti lingue:

ebraico,
arabo,
greco,
inglese,
francese,
tedesco,
spagnolo,
kurdo turco

e naturalmente in italiano per un totale di 9 lingue diverse.

Ne consegue che tutti i relativi articoli sono recensiti dai motori di ricerca nelle rispettive lingue.

Valga per tutti l'esempio dell'appello per la liberazione delle due Simone, che la Morandi conosce di persona per la lunga collaborazione intercorsa con l'Ong Un Ponte Per..., che nei giorni del sequestro è stato leggibile fra i primi 10 risultati (su 180.000 circa) del motore di ricerca Google in lingua Araba. Idem nel caso del rapimento della giornalista de Il Manifesto.

E' esatta quindi l'attribuzione del titolo di NOTIZIA allo scritto autografo della Morandi, abusato a fini commerciali dalla redazione di Punto Informatico, nell'ipotesi vi fosse stata una cessione e non c'è stata, per l'importo di 26 euro.

A ciò si somma l'uso quotidiano in regime di abuso di una proprietà intellettuale, status che non decade mai neppure in caso di cessione pro pubblicazione, esercitata dal Punto Informatico ai danni della Morandi per l'inserimento dello scritto originale autografo nella "rotazione" delle frasi "Virgolettate", dicasi anche le "frasi celebri".

A ciò si attribuisce un valore medio di 3 (tre) passaggi al giorno sulla prima pagina della testata giornalistica denominata Punto Informatico, registrata presso il Tribunale di Roma al nr. 51 del 7.02.96 nell'apposito elenco delle testate a carattere commerciale, con carattere di sostanziale rapporto coordinato, dalla rotazione di utilizzo, e continuativo per la durata effettiva d'uso.

Pertanto alla somma iniziale di euro 26 deve essere attribuito il valore economico dell'utilizzo per la durata accertata di 1 (uno) anno solare, ovvero 365 (trecentosessantacinque) giorni, con "sconto" a partire dalla data in cui fu crackato il sito web http://bloggersperlapace.splinder.it, cioè il 18 giugno del 2004.

E' utile alla valutazione pro fatturazione, ricorrendo inoltre l'abuso della proprietà intellettuale iscrivibile a reato, il solo Titolo II (secondo) delle collaborazioni professionali coordinate e continuative del Tariffario 2005 dell'Ordine dei Giornalisti, da ritenersi efficacemente in corso sul biennio 2004/2005, a cavallo del quale si colloca l'utilizzo ai danni della Morandi, e da applicarsi con adeguata previsione di "sconto commerciale" la tariffa a punto nr. 4 derivante dalla semplice operazione:

€ 11.312,00 :  14 =  €  808,00 / giorno.

e non 750 come erroneamente affermato.

Quindi tale cifra è da moltiplicarsi per l'anno solare sommando in ultimo i 26 euro dovuti per la "NOTIZIA", onde ricavare la cifra base della citazione in giudizio, che riceverà la testata giornalistica registrata per l'abuso della proprietà intellettuale, utilizzata inoltre a titolo denigratorio e uso commerciale.

Perciò:

€ 808,00  x  365  =  € 294.920,00
€ 294.920,00  +  € 26,00  =  € 294.946,00

Alla cifra risultante al NETTO sono da aggiungersi le ritenute fiscali e pensionistiche, riportate dal medesimo Tariffario vigente.

Appare ovvio che trattandosi nel caso del Punto Informatico di testata registrata all'Albo delle testate giornalistiche commerciali sarà richiesto il parere di congruità all'Ordine dei Giornalisti, che di già afferma NON si possa scendere al di sotto delle cifre stabilite per i compensi giornalistici, cui all'atto di presentazione sarà allegata nota sulle violazioni al codice deontologico e richiesta di prosecuzione in sede di Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti.

Tutti gli insulti scritti dall'utenza ai danni della signora Morandi sono ascrivibili seduta stante alla responsabilità civile e penale del Punto Informatico, anche e soprattutto per il reato di istigazione (art. 115 c.p.) per l'attivazione di uno specifico Articolo aperto al commento dell'utenza, nonchè per la risultanza giudiziaria del furto della proprietà intellettuale equiparata oggi al reato di cui all'art. 640 del codice penale, cioè la truffa, i cui danni sono da quantificarsi sia in sede penale, che civile. E, naturalmente, per tutti i precedenti e l'attuale divulgazione dei banner già denunciati in precedenza.

Resta solo il giusto plauso per l'esatta ed immediata attribuzione della titolarità di mandato di ogni eventuale danno materiale al Punto Informatico, loro responsabilità civile e penale, data dalla signora Morandi nelle prime ore di attivazione del forum, che allo stato consta di oltre 900 messaggi, con 240 tread, fra cui numerosissimi sono i testi da ritenersi volontariamente ingiuriosi, nonchè indotti dalla falsa moderazione posta in essere dalla testata giornalistica.

Ultima nota: anche i forum della testata sono da ritenersi efficacemente pubblicati, con obbligo di deposito, in ragione del disclaimer che reca ad ogni pagina i dati della gerenza, pertanto decadono le dichiarazioni di NON responsabilità per gli scritti dell'utenza.

Cordialmente

Un Giurista

Si veda rassegna e precedenti

http://www.giustiziaquotidiana.net/dblog/articolo.asp?id=89
http://www.giustiziaquotidiana.net/dblog/articolo.asp?id=706
http://www.giustiziaquotidiana.net/dblog/articolo.asp?id=717



 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (27)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 17/06/2005 @ 14:34:26, in Sindacato, linkato 318 volte)

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana

comunica:

Si riportano di seguito le modalità dello sciopero dei giornalisti:
 
i giornalisti dei quotidiani del mattino si asterranno dal lavoro nella giornata di venerdì 17 giugno per impedire l’uscita dei quotidiani nella giornata di sabato 18 giugno;

i giornalisti dei quotidiani del pomeriggio si asterranno dal lavoro nella giornata di sabato 18 giugno per impedire l’uscita dei quotidiani nello stesso giorno;

i giornalisti dei quotidiani che non escono il sabato (free press) si asterranno dal lavoro nella giornata di giovedì 16 giugno in modo da impedire l’uscita dei quotidiani nella giornata di venerdì 17;

i giornalisti delle agenzie di stampa, dei service, delle strutture sinergiche nazionali e locali, dei giornali telematici, dei siti web e dei portali internet  si asterranno dal lavoro dalle ore 07.00 di venerdì 17 alle ore 07.00 di sabato 18 giugno;

i giornalisti free-lance, i collaboratori ed i corrispondenti e i giornalisti degli uffici stampa si asterranno dal lavoro per l’intera giornata di venerdì 17 giugno;

i giornalisti dei settimanali, degli infrasettimanali e dei mensili si asterranno dal lavoro venerdì 17 giugno;

i giornalisti dell’emittenza radiotelevisiva pubblica e privata analogica e digitale, nazionale e locale, e dei canali tematici satellitari legati o no a network terrestri si asterranno dal lavoro a partire dalle ore 06.00 di lunedì 20 giugno alle ore 06.00 di martedì 21 giugno.

Nel corso dello sciopero, nelle emittenti radiotelevisive, saranno assicurati soltanto i notiziari in forma ridotta previsti da eventuali accordi aziendali. Le ARS potranno, in casi particolari, concedere deroghe alle emittenti locali per permettere l’emissione di una finestra informativa, di non più di 5 minuti, nel corso della quale dovrà essere data lettura dei comunicati sindacali. Pertanto, non andrà in onda nessuna trasmissione o rubrica giornalistica, né andranno in onda trasmissioni registrate in giornate precedenti, che abbiano come conduttori o protagonisti giornalisti, né avvenimenti sportivi con la cronaca di giornalisti. In ogni caso sarà assicurata la presenza dei comitati di redazione in tutte le redazioni al fine di predisporre notiziari straordinari in presenza di eventi di particolare gravità e interesse per l’utenza.
Per impedire recuperi di produttività i Comitati di redazione potranno proclamare, ove necessario, lo stato di agitazione ed il blocco degli straordinari nei giorni precedenti e successivi. Roma, 13 giugno 2005. Prot.  n. 140/C

***

Federazione Nazionale della Stampa Italiana

APPELLO DELLA SEGRETERIA FNSI PER LA PARTECIPAZIONE ALLO SCIOPERO
(Pubblicato ai sensi dell’articolo 34 del Contratto Collettivo di Lavoro Giornalistico)

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:

“La Segreteria della Federazione Nazionale della Stampa Italiana invita tutti i giornalisti, professionali e collaboratori, professionisti e pubblicisti, a partecipare alla prima grande manifestazione di protesta della categoria per rivendicare il diritto ai contratti, alla dignità del lavoro, all’indipendenza della professione. Questi sono valori messi in discussione dalla posizione assunta dal sistema delle imprese nelle rinnovazioni contrattuali con la Federazione Editori Giornali (Fieg), con l’Associazione delle Emittenti Aeranti-Corallo e con l’agenzia per la contrattazione nel pubblico impiego Aran.
Il Sindacato dei Giornalisti è costretto a far mancare l’informazione in una fase importante della vita economica, sociale e politica del Paese per tutelare il diritto dei cittadini ad essere informati in maniera corretta e completa, il pluralismo e la stessa qualità dei prodotti informativi. In una situazione nella quale la libertà di informazione è messa in discussione, gli editori pubblici e privati chiedono di cancellare regole e tutele conquistate negli anni dai giornalisti. Vogliono eliminare il lavoro collettivo dei giornalisti che rappresenta l’unico vero ostacolo alla manipolazione dell’informazione ed al prevalere degli interessi meramente commerciali, pubblicitari e di marketing delle aziende.
Vogliamo una informazione fatta meglio, più ricca di contenuti e di notizie, di commenti e opinioni, di inchieste e di approfondimenti, perché solo così le nostre testate saranno più credibili e quindi più apprezzate dall’opinione pubblica. Le imprese della carta stampata ritengono invece che la riduzione delle vendite si contrasta solo con un miglioramento della veste grafica e con l’abbinamento di prodotti non informativi
In questo quadro, occorre salvaguardare il lavoro dipendente e migliorarne l’organizzazione e la qualità ed allo stesso tempo assicurare finalmente tutele e dignità professionale alle migliaia di collaboratori che oggi ne sono privi, e sono sfruttati, mal pagati e ricattati. Occorre contrastare gli effetti dannosi sul giornalismo delle leggi di riforma del mercato del lavoro e delle ipotesi di revisione delle regole sulla contrattazione.
Scioperiamo anche per difendere i diritti e le retribuzioni dei giornalisti nelle aziende di tutta Italia per contrastare la piattaforma della Fieg che tenta di mortificare il nostro lavoro giornalistico. Scioperiamo per ottenere un consistente miglioramento del contratto dell’emittenza radiotelevisiva locale che ha fatto emergere centinaia di nuovi rapporti di lavoro giornalistici. Scioperiamo per ottenere dal Governo e dall’Aran l’apertura formale del negoziato contrattuale previsto da una legge dello Stato. Per questo chiediamo ai cittadini comprensione ed appoggio per una battaglia che non ha nulla di corporativo ma anzi si propone di difendere l’interesse collettivo al diritto all’informazione sancito dalla Costituzione”. Roma, 15 giugno 2005. Prot. n. 143

Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 52 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





07/12/2019 @ 11:10:49
script eseguito in 253 ms