Immagine
 ... G Q old... di Admin
 
"
Quando un uomo comune attinge alla conoscenza, è un saggio; quando un saggio attinge alla comprensione, è un uomo comune.

detto Zen ...
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 09/12/2004 @ 11:47:50, in Redazionale, linkato 360 volte)
La rete nazionale degli Artisti contro la guerra e i membri del gruppo di continuità: Edvino Ugolini, Stella Cappellini, Loredana Morandi, Pino Petraccia, Farid Adli, Mariangela Giordano, Lorella Nardi e Rodolfo Marconcini, Pino De March, Paolo Buffoni, Saverio Tommasi sono lieti di presentare:

Artists Against Wars
la Carovana
con
Riccardo Sanfilippo
Ass.ne Argon Bloggersperlapace
12, 13 e 14 dicembre - Torino Venaria Reale

Artists Against Wars - Torino Venaria Reale 12 -13 - 14 dicembre 2004

Nei giorni 12, 13 e 14 dicembre 2004, presso il Teatro della Concordia di Venaria, si svolgerà la prima tappa della Carovana - spettacolo per la Pace “Artists against wars”.
La manifestazione, che ha raggiunto nel mese di ottobre nove città italiane, da Trieste a Bologna, da Milano a Roma, attraversando la Sardegna e la Sicilia e i gemellaggi con le città europee di Francoforte, Thessaloniki e Novi Sad giunge infine a Torino - Venaria Reale con una tre giorni interamente dedicata all’arte per la pace ed una vasta programmazione rivolta sia agli adulti, che ai bambini.

La manifestazione “Artists against war” nasce dal documento politico degli Artisti per la Pace contro tutte le guerre ed ogni altra forma di sopraffazione, occupazione territoriale e violenza ai danni dei popoli, cui hanno aderito numerosissimi artisti nazionali e internazionali.
Fra questi ricordiamo l'adesione dell'artista italiano Paolo Belli e l'adesione internazionale del cantautore Manu Chao.

La Rete Artisti contro le guerre esprime con lo "sciopero bianco", in cui il lavoro ed il contributo artistico di ognuno di noi sarà devoluto interamente per la Pace, la ferma condanna per gli atti di guerra compiuti a Falluja ed in altre città irachene ai danni dell'intera popolazione e la contestuale condanna per tutti quegli atti di sopraffazione violenta e di tortura, che ne conseguono.
Rileviamo che, mentre vi sono pressioni per le elezioni irachene di gennaio, che allo stato attuale non rifletteranno la volontà del popolo iracheno, al contrario si concede uno scarso interesse alla volontà del popolo palestinese, di svolgere regolari e democratiche elezioni nello stesso periodo.
La Rete degli Artisti contro le guerre, solidale nei confronti di entrambi i Popoli, chiede alle Autorità politiche nazionali ed internazionali un immediato intervento per interrompere gli atti barbarici di guerra e le torture ai danni del popolo iracheno ed altresì di vigilare affinchè non vengano barbaramente sopraffatti i diritti legali e democratici del popolo palestinese, in sede elettorale.

L’iniziativa, patrocinata dall’assessorato alla cultura del Comune di Venaria, è promossa da numerosi soggetti attivi sul territorio torinese, dalla “Ass. Argon Bloggersperlapace”, alla “Rete degli Artisti contro le guerre”, dall’associazione “Nuove Resistenze” di Venaria, al Circolo Arci il “Pueblo” di Torino.

Il fitto programma di iniziative, incontri, attività creative, mostre e spettacoli, avrà inizio domenica 12 dicembre alle 10,30, per protrarsi fino alla serata di martedì 14, ospiterà molteplici attività: dall’esposizione delle opere visive degli Artisti insieme ai dei disegni dei Bambini delle scuole, ai concerti di pizzica e taranta, alle performance teatrali, ai dibattiti a tema.

Nella serata di domenica si terrà la presentazione della carovana della Pace dei gruppi ACMOS e TERRADELFUOCO in partenza per Beslan e Grozny, in Cecenia, per consegnare i disegni dei bambini delle scuole premiati durante la manifestazione cui seguirà un intervento della presidente della Ass.ne ARGON BLOGGERSPERLAPACE per presentare le sessioni del WORLD TRIBUNAL ON IRAQ, che si terranno in Italia nel prossimo dicembre e nel febbraio 2005. La serata proseguirà con una esibizione del il trio di cabaret femminile “Le Spaventapassere” con Guido Catalano, poeta comico e autore di parte dello spettacolo, cui seguirà il concerto del gruppo jazz “Cuori in Barrique”.

Lunedì inizio dalle 18,30 con l’aperitivo multietnico, per proseguire poi con lo spettacolo di “Eikon Teatro” dal titolo “War (….um)?”, dedicato alla relazione tra pace e guerra. A seguire,  dal concerto “Solo una pietra”,  Francesca Rizzotti reciterà sui suoni di EGIN.

Martedì infine, dopo l’aperitivo multietnico dalle 18,30, la manifestazione si chiuderà con la compagnia Teatrale “ i MuTuANTI”, seguiti dal dibattito sulla pace promosso da “Emergency” e “Un ponte Per”. Quindi il gran finale con il concerto reggae degli “Absinthe Reves” e con la dj crew “Beautiful groove”.

La Rete Artisti contro le guerre

Leggi il programma ...

Vedi il manifesto dell'iniziativa:
http://artistinowartorino.clarence.com
 
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 07/12/2004 @ 19:51:54, in Varie, linkato 233 volte)



 

Grafico dell'oroscopo di Loredana Morandi

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 07/12/2004 @ 19:19:43, in Indagini, linkato 252 volte)

NAPOLI - Una imponente operazione delle forze dell' ordine contro la camorra e' in corso nel quartiere Secondigliano, a Napoli. Vengono eseguite numerose ordinanze di custodia cautelare, sia contro esponenti del clan Di Lauro sia contro il gruppo dei cosiddetti 'scissionisti'.

A quanto si e' appreso, sarebbero state eseguite alcune decine di ordinanze di custodia cautelare in carcere. Almeno 53 le persone sottoposte a fermo. Tra loro anche Ciro Di Lauro, figlio del boss Paolo, capo di una delle fazioni protagoniste della faida delle ultime settimane.
Nell'operazione sono impegnati complessivamente circa mille uomini tra polizia, carabinieri e guardia di finanza, che stanno controllando una gran parte del quartiere di Secondigliano.
Il rione Scampia e, soprattutto, la zona del cosiddetto 'Terzo mondo' sono, in pratica, cinti d'assedio. Le forze dell'ordine si stanno avvalendo anche del contributo di elicotteri che sorvolano l'intera zona. Vengono impiegati anche reparti speciali. Sul posto operano alcune squadre dei vigili del fuoco, utilizzate per l'abbattimento di cancellate in ferro e porte blindate. Mentre era in corso l'operazione congiunta delle forze dell'ordine a Secondigliano, controlli e perquisizioni sono state fatte, sempre alla ricerca di latitanti, anche in altre localita' della Campania, in particolare sul litorale domizio, in provincia di Caserta.

Interventi sono stati fatti anche in altre zone d'Italia,dove si ritiene possano essersi rifugiati alcuni degli aderenti ai due gruppi camorristici in lotta per la supremazia nello spaccio della droga a Secondigliano.

Nel quartiere Scampia le forze dell'ordine stanno proseguendo il lavoro di ''bonifica'' del quartiere. In zona sono ancora presenti oltre 200 agenti del locale Commissariato di Polizia, della Squadra Mobile e dell'ufficio Prevenzione Generale della Questura, del Reparto Mobile e del Reparto Prevenzione Crimine Campania. Tre squadre di Vigili del Fuoco, equipaggiate con gruppi da taglio e rimozione ostacoli in calcestruzzo, stanno collaborando con la polizia per rimuovere cancelli, inferriate e costruzioni poste a protezione dei ''fortini'' dei clan.

''Nell'ultimo mese e' vero che ci sono stati nel napoletano 23 omicidi, quasi tutti di appartenenti alla camorra, ma e' altrettanto vero che dal primo novembre sono state arrestate 686 persone a Napoli''. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Giuseppe Pisanu. Inoltre, ha aggiunto, ''sono stati sequestrati beni illeciti per svariati milioni di euro e demoliti innumerevoli manufatti che facevano da scudo ad attivita' criminali''. Ansa

Domanda: ma perchè a San Giuseppe Vesuviano non ci vanno mai? 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/12/2004 @ 09:23:31, in Magistratura, linkato 316 volte)



Magistratura democratica compie 40 anni

(un compleanno speciale tra festa e riflessione)


Roma 3 - 4 dicembre 2004
Teatro Ambra Jovinelli - via Guglielmo Pepe 43


venerdì 3 dicembre

ore 9.30

introduzione

Claudio Castelli

I.

La nascita e la storia di Md: oltre l'eresia

ore 9.45 – 11.45

Le istituzioni alla prova degli anni settanta

Edmondo Bruti Liberati / Alberto Asor Rosa / Giuseppe Cotturri

Maria Grazia Giannichedda / Pietro Scoppola

ore 11.45

film: I cento passi

introducono Giovanni Impastato e Andrea Camilleri


ore 14.00: buffet


ore 15.00 – 19.00

La magistratura e la Costituzione

Franco Ippolito / Luigi Ferrajoli / Giovanni Palombarini

Alessandro Pizzorusso / Gaetano Silvestri / Carlo Smuraglia

dibattito

sabato 4 dicembre

II.

Tra eresia e progetto:

appunti per il futuro di md

ore 9.30 – 13.30

Giurisdizione e diritti

Salvatore Senese / Rosi Bindi / Guglielmo Epifani

Gianfranco Gilardi / Emilio Lupo / Stefano Rodotà

Libertà e garanzie

Livio Pepino / Perfecto Andrés Ibañez / Vittorio Borraccetti

Paolo Ferrua / Alberto Mittone / Domenico Pulitanò

dibattito

ore 13.30 : buffet

Ore 15.00 – 18.00

Politica e diritto

(l'orizzonte nazionale, il contesto internazionale)

Nello Rossi / Massimo Brutti / Alberto Burgio

Mario Dogliani / Elena Paciotti / Ignazio Juan Patrone


dibattito

ore 18.00

scherzando su giudici, diritti e potere

Dario Fo e Paolo Hendel


Gli interventi programmati apriranno solo il dibattito.
Ad esso concorreranno in molti, dentro e fuori la festa:
quelli che hanno contribuito a scrivere i
primi quarant’anni di Md
e quelli che si apprestano a scriverne gli anni futuri.

Scarica il volantino
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/12/2004 @ 09:12:25, in Magistratura, linkato 304 volte)

Vi  inviamo l'invito alla Conferenza stampa sul testo unico relativo alla sicurezza sul lavoro. La Conferenza si terra'  Roma il 4 dicembre 2004 - ore 11-12 c/o il Centro "Piccolo Jovinelli", Roma, Via Giolitti 287. Presenteremo le motivazioni per cui riteniamo inaccettabile la proposta del Governo (che va ora ai pareri di Regioni e Parlamento).

Parteciperanno, tra gli altri:
- Michele Di Lecce e Stefano Pesci (Magistratura Democratica)
- Carlo Smuraglia e Rino Pavanello (Associazione Ambiente e Lavoro)
- Paola Agnello Modica, Segretario naz. CGIL

Cordiali saluti.

Rino Pavanello - Segretario nazionale Ambiente e Lavoro
Claudio Castelli - Segretario nazionale Magistratura Democratica

Associazione Ambiente e Lavoro
Magistratura Democratica

invito-stampa 4 dicembre 2004
Conferenza-Stampa
Sabato 4 dicembre 2004 – ore 11-12
c/o “Piccolo Jovinelli” – Via Giolitti 287, Roma

“TESTO UNICO SICUREZZA LAVORO”

Proposte di modifiche allo schema di decreto all’esame del Parlamento per la tutela della salute sul lavoro

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 18 novembre 2004 una “proposta preliminare” per l’approvazione di un “Testo Unico” sulla salute e sicurezza sul lavoro, ai sensi della Legge 229/03.

Il testo sarà ora sottoposto ai pareri delle Regioni e delle Commissioni parlamentari.

L’esame delle proposte contenute nella “proposta preliminare” del 18 novembre u.s. ha fatto esprimere un parere rigorosamente tecnico-scientifico e di merito a varie Associazioni (tra cui ANMIL, CGIL, CISL, UGL, UIL), oltre che alla scrivente Associazione Ambiente e Lavoro, che può essere sinteticamente riassunto in:

Alcune proposte sono condivisibili e apprezzabili

molte altre proposte impongono un giudizio di TOTALE NON CONDIVISIONE e di inaccettabilità tecnico-scientifica e sociale e impongono rilevanti modifiche, pena possibili rilievi di incostituzionalità, non conformità alle direttive UE, altissimi costi economici e sociali per la mancata prevenzione, ecc. come pubblicato sul sito Internet dedicato, all’indirizzo: http://www.amblav.it/html/testounico.htm

parteciperanno, tra gli altri:

Dott. Michele Di Lecce e Stefano Pesci, per Magistratura Democratica
Prof. Carlo Smuraglia e Rino Pavanello, per Associazione Ambiente e Lavoro
Paola Agnello Modica, Segretario naz. CGIL

Nell’incontro, Magistratura Democratica e Ambiente e Lavoro illustreranno le proposte che presentano a Regioni e Parlamento per chiedere la modifica dell’attuale proposta preliminare di T.U.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 02:03:18, in Magistratura, linkato 306 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

La legge delega sull’ordinamento giudiziario è stata approvata.

Le motivate valutazioni critiche e le proposte alternative prospettate dell’ANM non hanno trovato spazio alcuno.

Durante la fase di discussione l’ANM si è trovata costretta a ricorrere per ben tre volte in due anni, ed è un fatto senza precedenti, al gesto di protesta della astensione dall’attività giudiziaria di fronte ad una riforma “contro la magistratura”.

La legge è stata approvata: l’ANM esprime il più rigoroso rispetto per le prerogative del Parlamento.

Ma i magistrati hanno il diritto ed il dovere civile di esprimere l'opinione maturata sulla base della esperienza professionale specifica, unendosi alla critica ripetutamente espressa dagli altri operatori della giustizia e dal mondo accademico, e l'ANM non può che ribadire il più netto dissenso e la vivissima preoccupazione per un testo che pone a rischio la indipendenza della magistratura, modifica l'equilibrio tra i poteri dello Stato, diminuisce le garanzie dei cittadini.

Una riforma che migliori la giustizia è necessaria, ma deve essere attuata in conformità con i principi fondamentali della costituzione, come esige la VII Disposizione transitoria.

Questa riforma è sbagliata, inutile e per molti aspetti incostituzionale.

Roma, 1 dicembre 2004
La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 01:53:46, in Magistratura, linkato 326 volte)

Continuiamo a ritenere che la legge approvata sia una controriforma pessima, con profili di incostituzionalità, carenze di copertura finanziaria e problemi di praticabilità.
Non si tratta di una riforma della giustizia, nè si avrà alcun miglioramente nell'efficienza del servizio ( anzi il contrario).
Questo che si è voluta perseguire è invece l'ossessione di controllare i magistrati e di renderli sensibili ed asserviti al potere politico.
La battaglia che la magistratura italiana ha condotto in questi due anni contro questo disegno di legge continua nella delicata fase    della stesura, discussione e modifica dei decreti delegati nella convinzione e speranza che si possa giungere ad un ordinamento    giudiziario davvero innovativo e moderno superando una legge delega che vorrebbe riportarci agli anni 50.

Il segretario nazionale
Claudio Castelli

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 01:48:19, in Magistratura, linkato 310 volte)

MAGISTRATURA  DEMOCRATICA

La nota ufficiale del Presidente Casini che esprime stima ed amicizia all'on. Dell'Utri è sconcertante e evidenzia come sia stato ormai perso qualsiasi senso di responsabilità istituzionale. Che la terza carica dello Stato esprima tali sentimenti ad un parlamentare della Repubblica imputato di gravi reati, mentre è in corso la camera di consiglio del suo processo, è fatto grave che non si può in alcun modo sottacere o trascurare.
Un altro preoccupante segno del degrado istituzionale in corso.

Il segretario nazionale
Claudio Castelli

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 01:46:58, in Magistratura, linkato 287 volte)

Associazione Nazionale Magistrati
MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA


 
Il Parlamento italiano ha approvato la riforma dell'Ordinamento giudiziario.

La legge è stata approvata con la consapevolezza che si tratta di una pessima riforma, inadeguata e persino bisognosa di profonde modifiche e di incisivi miglioramenti secondo  la stessa maggioranza di governo

La riforma è stata portata in Aula ed esaminata senza una reale ed effettiva discussione; facendo ricorso a procedure accelerate e a "blindature" che hanno evidenziato il rifiuto di un confronto costruttivo, tale da consentire di migliorare almeno qualcuno dei punti più discutibili di una legge sbagliata,  inutile e sotto molti profili incostituzionale.

Pur rispettando  le  prerogative delle istituzioni parlamentari (oggi anch'esse a rischio di grave ridimensionamento), il Movimento per la Giustizia ribadisce netto dissenso e vivissima preoccupazione per un testo che indebolisce le garanzie dei cittadini, di fatto limitando  la indipendenza della magistratura, e  alterando  l'equilibrio tra i poteri dello Stato.

I problemi che essa affronta, anziché essere risolti, vengono aggravati da soluzioni assolutamente incompatibili con i principi costituzionali e, su tutto, con l'art.105 della Costituzione e con il ruolo del CSM di strumento insostituibile di garanzia dell'autonomia dell'Ordine Giudiziario e dell'indipendenza dei giudici.

Il sistema di carriera anacronistico, farraginoso ed ingestibile, in contrasto con il principio della pari dignità di tutte le funzioni (art. 107 comma 3 Cost.), peggiorerà la qualità professionale della magistratura; la struttura rigidamente gerarchizzata del PM, renderà meno indipendente ed efficace la attività di indagine; la separazione dei percorsi professionali dei giudici e pubblici ministeri si tradurrà in una separazione definitiva di carriere (con le inevitabili ricadute in termini di cultura delle garanzie e rischi di interferenze dell'Esecutivo); il sistema disciplinare insidierà l'indipendenza di giudizio del magistrato: queste le linee portanti di una riforma che pregiudicano il diritto dei cittadini ad un giudice indipendente da ogni altro potere. Tutto ciò nella perdurante assenza di qualsiasi intervento  per rendere i processi più rapidi e le decisioni efficaci.

Questa riforma è perciò sbagliata,  inutile e per molti aspetti incostituzionale.

Il Movimento per la Giustizia proseguirà, sia nell'ambito dell'ANM sia in ogni sede che consenta il coinvolgimento dei cittadini e delle loro libere associazioni,  nel suo impegno affinché trovi finalmente attuazione la VII disposizione transitoria della Costituzione per una nuova legge sull'ordinamento giudiziario in conformità con la Costituzione e non in contrasto con essa.

Nei prossimi giorni e nei prossimi mesi resterà alta l'attenzione del Movimento per la Giustizia e dei magistrati italiani per impedire nuovi attacchi a questi principi, e per reclamare un'adeguata risposta alla legittima ma sempre elusa aspettativa dei cittadini di una giustizia efficace e di qualità, capace di garantire  i diritti di tutti.

1 dicembre 2004

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 01:44:17, in Magistratura, linkato 296 volte)

Il CSM a larghissima maggioranza ha approvato un documento col quale si chiede un urgente confronto con il Ministro della Giustizia sui temi dell' efficienza e della effettiva disponibilità di risorse per la giustizia, rispetto a quelle previste dalla legge finanziaria.

Già due anni addietro il CSM aveva dedicato un plenum straordinario ai temi dell'efficienza e della ragionevole durata dei processi, sollecitando una serie di misure che non sono state adottate.

I laici del Polo, che hanno prima fatto mancare il numero legale, hanno infine votato un loro documento, che peraltro arriva alle medesime richieste e pure sottolinea la necessità di adeguati interventi in materia di efficienza della giustizia.

Con questo documento il CSM ribadisce ancora una volta la necessità che le risorse umane e materiali siano concentrate sull'efficienza e sulla riduzione dei tempi dei processi.

Ernesto Aghina, Paolo Arbasino, Maria Giuliana Civinini, Giuseppe Fici, Luigi Marini, Francesco Menditto, Giuseppe Salmè, Giovanni Salvi

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 20 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





07/12/2019 @ 09:54:06
script eseguito in 342 ms