Immagine
 justitia ...... di Loredana Morandi
 
"
Articolo 11. L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali

Costituzione Italiana
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Dichiarazione on. Giorgio Pasetto, responsabile Trasporti della Margherita. “Le dichiarazioni  del consigliere regionale della Lega Boni circa le intenzioni del suo partito di proporre una compagnia aerea lombarda confermano quanto abbiamo più volte sostenuto in aula e in commissione Trasporti della Camera sulla gestione localistica che il partito del ministro Maroni sta facendo della crisi Alitalia. Il ministro del Lavoro sta facendo di tutto per ostacolare il futuro della compagnia di bandiera con l’atteggiamento della sua base più che con lo spirito di un ministro della Repubblica. Alla faccia del senso di responsabilità tante volte richiamato dai diversi membri del governo. Per adesso gli unici responsabili sono stati i lavoratori che, con spirito costruttivo, hanno preso decisioni gravose.” Roma, 4 ottobre 2004
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Un allarme sanitario importante è stato lanciato anche in Italia dal servizio sanitario del Codacons e dallo sportello ARTICOLO 32 (www.articolo32.net ), il sito internet per la tutela dei malati attivato dall’associazione. La tac total body, molto in uso nel nostro paese quando non si vuole perdere tempo in diagnosi internistiche difficili e non si vuole far risparmiare né alle assicurazioni né al SSN, sono a rischio. Un nuovo studio ha accertato infatti che le radiazioni assorbite in tutto il corpo con tale tac sono comparabili con quelle ricevute dai sopravvissuti di Hiroshima e Nagasaki e causano un piccolo ma significativo aumento del rischio di cancro.
Uno studio della Columbia University ha verificato che le radiazioni di una tac total body equivale a 100 mammografie e che le total body causano un caso di cancro ogni 50 pazienti tra i 30 e 45 anni di età. Ma ancora più preoccupante l'allarme sulle nuove ecografie tridimensionali in uso anche in Italia, quelle fatte al feto in tardo periodo di gravidanza per creare films piacevoli del feto e dei suoi movimenti a colori e per averne un ricordo. Si tratta , secondo la FDA americana, di pratiche da evitare, salvo le normali ecografie praticate a 20 settimane dal concepimento per ragioni diagnostiche. Così anche l'istituto americano di ultrasuoni in medicina si è opposto strenuamente a queste ecografie tardive sostenendo anche che l’esposizione prolungata e inutile ad ultrasuoni può essere causa di rischi alla salute, e che in futuro con anni di pratiche si possano verificare anche effetti biologici negativi sui feti.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

GRAVI ILLEGITTIMITA' DELLA SUA NOMINA ALL'ESAME DEL CONSIGLIO DI STATO: SE LA SUA NOMINA FOSSE AZZERATA ANCHE LA PARTE CIVILE CADREBBE. LA CONSOB DOVREBBE ESSERE SUL BANCO DEGLI IMPUTATI E NON E' IN GRADO DI FARE L'ACCUSA E INSIEME METTERE IN MUTANDE TUTTI I SUOI FUNZIONARI CHE NON HANNO CONTROLLATO NULLA PER ANNI

Il Codacons, che dinanzi al Tribunale di Milano chiederà di essere ammesso parte civile in occasione dell’udienza preliminare di domani, si oppone con forza alla costituzione del Commissario Enrico Bondi nel processo Parmalat. Per l’associazione, infatti, Bondi non può certo rappresentare i risparmiatori italiani: in base alla legge 231 sulla responsabilità amministrativa delle società per reati commessi, la Parmalat e il suo attuale commissario straordinario dovrebbero stare dall’altra parte della barricata, e cioè tra gli imputati, non certo tra le parti offese. Senza contare – prosegue il Codacons – che la nomina di Bondi a Commissario straordinario della Parmalat, è attualmente all’esame del Consiglio di Stato, al quale l’associazione si è rivolta sollevando vari profili di illegittimità relativi alla nomina del Bondi. Questo significa che in caso di annullamento della nomina da parte del CdS, anche la costituzione di parte civile cadrebbe automaticamente. Il Codacons però si oppone anche ad una eventuale costituzione di parte civile della Consob: anche quest’organismo – afferma l’associazione – dovrebbe stare sul banco degli imputati, in relazione al mancato controllo da parte dei suoi funzionari, omissioni che hanno contribuito a danneggiare migliaia di risparmiatori incappati nella vicenda Parmalat. Se la Consob deciderà di costituirsi – conclude il Codacons – dovrà nominare un curatore, perché certamente Cardia non può fare la parte dell’accusatore e al contempo sollevare le omissioni dei suoi funzionari. 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

MARZANO NON DICA BUGIE!. L’ACCISA SULLA BENZINA SI PUO’ RIDURRE!

Abbiamo denunciato, proprio in questi giorni, come IntesaConsumatori, le incredibili impennate del prezzo del petrolio e le speculazioni da parte delle compagnie petrolifere che, invece di registrare perdite, hanno anzi aumentato gli utili. Perché questa strana simmetria?. Le compagnie petrolifere incassano sempre di più perché hanno contratti più che vantaggiosi con i paesi che le ospitano, quindi le compagnie che producono e non solo che raffinano il greggio, hanno la possibilità di far cassa. Ne è un chiaro esempio l’Eni che ha visto aumentare il titolo quotato in borsa da inizio anno del 25% e un più 5% di dividendo. Ogni dollaro in più al barile, fanno 400 milioni di utili operativi, su 12,4 miliardi preventivati per il 2004. E non è solo l’Eni a guadagnare, ma, in cinque anni, anche Shell ( 57% ), Total( 42% ), Exxon ( da 4,1 a 5,8 gli utili netti del secondo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2003 ) e Chevron ( passata da 1,2 a 2,9 nel secondo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2003). I prezzi del greggio sono così orientati al rialzo e non accennano quindi a diminuire.  E’ inutile pertanto lamentarsi, come invece fa il Ministro Marzano, sull’impossibilità di diminuire l’accisa sulla benzina. Il veto sull’accisa è una mera bugia, in quanto l’accisa è già stata modificata a dicembre 2003, pertanto, il Governo dovrebbe diminuire l’accisa sulla benzina di almeno 4 centesimi al litro affinché si riducano sia i costi diretti che indiretti dei beni di consumo. E’ necessario, infine, che nella prossima manovra finanziaria siano previste forti agevolazioni per chi investe nelle nuove tecnologie per il risparmio energetico e nelle fonti alternative.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/10/2004 @ 18:29:53, in Economia, linkato 348 volte)

FINANZIARIA: UNA VERGOGNA PEDAGGIARE LE STRADE STATALI CON UN ONERE AGGIUNTIVO DI 3 MILIARDI DI EURO,150 EURO A FAMIGLIA, A FRONTE DEI PERICOLI DERIVANTI DALLA CATTIVA MANUTENZIONE  !
IL GOVERNO DICA LA VERITA’ CON IL PROSSIMO SLOGAN ELTTORALE: “PIU’ TASSE PER TUTTI”, MENO GARANZIE: LEGGE TRUFFA SALVACOMPAGNIE” !
A REGIME, LA FINANZIARIA CHE NON AIUTA IL SUD, MA AL CONTRARIO INTRODUCE PER IL MERIDIONE NUOVE TASSE E BALZELLI PER LA MARTORIATA POPOLAZIONE MERIDIONALE, COSTERA’ QUINDI 470 EURO A FAMIGLIA!

Intesaconsumatori, che aveva calcolato in 320 euro l’impatto della peggiore legge finanziaria delle tre carte, presentata da uno dei pessimi Governi del dopoguerra, per favorire le beneamate compagnie di assicurazioni e mettere le mani nelle tasche dei cittadini, deve fare ammenda: oltre a 150 euro per la RC CASA, ai 50 euro di tassa sui rifiuti, ai 40 di ICI, ai 30 euro dei valori bollati (con la finalità di ammazzare definitivamente i processi davanti ai Giudici di Pace), ai 25 di tariffe idriche ed aumenti giochi lotto e lotterie, bisogna aggiungere ulteriori 150 euro derivanti dal “pedaggiamento delle strade”  messo nero su bianco con ricavi di 3 miliardi di euro ! O la finanziaria è fasulla e poco credibile, oppure  l'ipotesi di mettere i caselli di pagamento sulle strade statali (specie nel martoriato sud che al posto di tasse e balzelli avrebbe bisogno di una finanziaria di sviluppo), messa nero su bianco per la prima volta su circa 1.500 chilometri di strade tra quelle in esercizio e quelle in costruzione, con un introito di 3 miliardi di euro, comporterà un onere di 150 euro a famiglia, oltre alle ricadute sui beni trasportati più costosi,quindi sull’inflazione.

RINCARI PREVISTI IN FINANZIARIA 2005 (STIME INTESA CONSUMATORI SU DATI UFFICIALI)

Assicurazione casa eventi catastrofici

 150

Pedaggi strade Anas

150

Tassa sui rifiuti

50

ICI

40

Valori bollati in processi

30

Tariffe idriche

25

Giochi lotto

25

TOTALE AUMENTI

470

 

E’ una vergogna per un Governo che ha vinto le elezioni con lo slogan elettorale: “meno tasse per tutti”, prevedere ulteriori tassazioni indirette facendo pagare l’ennesimo balzello per percorrere strade già finanziate dal costo di manutenzione delle auto, visto che ogni famiglia italiana paga 239,5 euro al mese, ossia 2.875 euro l’anno di tasse ed imposte per i trasporti su strada, versando la ragguardevole somma complessiva di ben 57,5 miliardi di euro l’anno così ripartiti: iva e imposta di fabbricazione sui carburanti: 31,5 miliardi di euro; iva su acquisto veicoli e accessori: 8,2 miliardi; tasse automobilistiche: 5,3 miliardi; iva su manutenzione e gomme: 4,8 miliardi; tasse varie su RC Auto: 4,2 miliardi; tasse ed iva sui parcheggi: 1,1 miliardi; iva sui pedaggi autostradali: 0,750 miliardi; altri oneri vari: 1,2 miliardi. Se le famiglie si svenano versando al fisco 57,5 miliardi di euro l’anno - spiega l’Intesa - cioè il 2,26% del Pil ed impegnano il 18% circa del loro reddito medio annuo (16.000 euro), hanno o no diritto ad avere strade sicure e con una buona manutenzione, ampi parcheggi, marciapiedi protetti e manto stradale ben tenuto e diverso dalle vere e proprie groviere che spesso caratterizzano le strade italiane ?  Ma governo dei “pedaggiamenti” e delle tasse da uno schiaffo a quel Sud sul cui rilancio tutti si lavano la bocca il quale, oltre a restare a bocca asciutta, dovrà mettere mano al portafoglio per percorrere la A3 Salerno-Reggio Calabria, la A19 Palermo-Catania, la A29 Palermo-Mazara del Vallo.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/10/2004 @ 18:28:50, in Politica, linkato 304 volte)

Dichiarazione dell’on. della Margherita Rosy Bindi. “Il tentativo di omologare la figura e la predicazione di Francesco alle categorie della realpolitik, distinguendo tra mezzi e fini, è un’offesa allo spirito francescano e alla scelta incondizionata e non violenta per la pace di Francesco. Il Santo di Assisi ha insegnato ai cristiani e agli uomini di buona volontà che la pace è la somma di tutti i beni ed è quindi insieme mezzo e fine del nostro operare nella storia. Il vicepresidente del Consiglio ha fatto una caricatura di San Francesco per smussare e depotenziare la radicalità del suo messaggio di fratellanza universale. Ed è davvero triste per la coscienza nazionale che ci si eserciti in banali prove di revisionismo storico applicato alla vita dei santi.” Roma, 4 ottobre 2004

Nota del redattore del Blog: S. Francesco prega per noi! Specie quando saremo alle elezioni per cacciare via tutti i guerrafondai!!! L.M.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/10/2004 @ 18:16:28, in Estero, linkato 336 volte)
ROMA, 4 OTT - ''Subito il governo alle Camere per informare il paese sulla morte di Ajad Anwar Wali, l'imprenditore iracheno di 43 anni che viveva in Veneto''. Lo chiede la Verde Laura Cima che ha presentato una interpellanza al governo per sapere "quante imprese italiane sono impegnate in questo momento in Iraq e quale sia il numero complessivo di nostri concittadini in questo paese. E' evidente che le tragica notizia sulla sorte di Wali, conferma ancora una volta l'urgenza di una iniziatiava di pace di parte del governo italiano, in assenza della quale il nostro paese è destinato ad essere bersaglio di tragiche rappresaglie".
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/10/2004 @ 18:15:33, in Ambiente, linkato 419 volte)
Roma, 4 ott. – “Se davvero il parlamento vuole celebrare il Santo di Assisi può farlo cancellando definitivamente le proposte di legge presentate dal centro destra per smantellare la legislazione sulla caccia”. Luana Zanella, coordinatrice dei deputati Verdi, sottolinea che il suo Gruppo “ha espresso un voto di profonda convinzione al testo della legge approvata dalla Camera che istitutuisce la festività del 4 ottobre. Tuttavia, insieme ai valori della pace e del dialogo, non possiamo dimenticare il rispetto e la tutela degli animali: proprio le intenzioni di buona parte della attuale maggioranza sono davvero sconfortanti in questo senso perché mirano a fare carta straccia delle legislazione attuale, saggio punto di equilibrio tra le istanze del mondo venatorio non fondamentalista e le necessità di tutela dell’ecosistema”.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/10/2004 @ 18:14:33, in Politica, linkato 257 volte)
Dichiarazione on. della Margherita Mario Lettieri. “Il Mezzogiorno è scomparso dal vocabolario anche del ministro Siniscalco. La sua esposizione della legge finanziaria alla Camera ha ignorato del tutto le esigenze di sviluppo e di rilancio economico delle regioni meridionali. La relazione, assai reticente e burocratica, ha teso a nascondere l’introduzione di nuove tasse e balzelli nel quadro della situazione economica mondiale. Non ha indicato come rendere competitivo il nostro paese in questa fase di avvio della ripresa dell’economia internazionale e tanto meno ha evidenziato gli interventi indispensabili per il rilancio del Mezzogiorno. Anzi, la finanziaria di Siniscalco e Berlusconi è un ulteriore salasso per il Sud. Di fronte a tutto ciò è dovere del centrosinistra e delle forze sociali aprire una vera e propria vertenza sul tema per ridare centralità al Sud del paese nelle politiche nazionali.” Roma, 4 ottobre 2004
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Dichiarazione on. Giuseppe Fanfani, responsabile Giustizia della Margherita. “Sono apprezzabili le aperture sulla riforma della giustizia avanzate dal sottosegretario Vietti e corrette le autocritiche che lui svolge nell’intervista a “Repubblica”. Se questo significa che c’è una disponibilità del governo ad un confronto serio e completo, su tutta la riforma, la Margherita è disponibile a discuterne. Sbaglia invece Vietti a far ruotare tutto il problema attorno agli emendamenti dell’Udc. La riforma è tutta sbagliata, sia nel metodo che nei contenuti. Nel metodo perchè fatta a colpi di maggioranza e con il ricorso ai voti di fiducia, tanto da far suscitare l’intervento del Capo dello Stato. Nel merito perché non affronta i veri problemi della giustizia, quale servizio efficiente per i cittadini, e scontenta tutti gli operatori (magistrati e avvocati) che la dovrebbero far funzionare. Ora si tratta di capire quale sia l’esatto orientamento del governo, dando per assodato che questa riforma, così com’è, è totalmente inaccettabile.” Roma, 4 ottobre 2004
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 28 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





07/12/2019 @ 10:13:12
script eseguito in 255 ms