Immagine
 urania ... di karen thole... di Admin
 
"
Articolo 11. L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali

Costituzione Italiana
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 21/09/2004 @ 10:13:09, in Redazionale, linkato 332 volte)

... dopo la strage degli innocenti.

Mi faccio aiutare dalla vignetta odierna del mitico Maramotti per dire, con ritardo, quello che penso delle parole di Gianfranco Fini sui pacifisti. Senza voler affatto prescindere dalla violenza del contenuto "..mobilitatevi contro i pacifisti", perchè si. Io me li ricordo i fasci che venivano a scuola con le spranghe e i giubetti di pelle, mi domando con quale presunzione l'uomo politico della destra italiota possa aver pronunciato tali affermazioni. Deve essere che le dichiarazioni dei gerarchi nazisti al processo di Norimberga ancora insegnano come si usano i pacifisti, sottospecie umana da relegarsi ad ambiti perversi ed anti sociali e conclamato anti patriottismo. Balle: i giovani forzanovisti sono decisamente peggio di così. Li incontro una sera, mentre imbrattano il mio quartiere dei dispendiosi manifesti pubblicitari politici, mentre il capetto locale li apostrofa: "Oh! La prossima volta ci organizziamo e andiamo ad affiggere a quella piazza grande con il colonnato bianco ..." La decenza mi impedisce di denominare con esattezza i metodi educativi della destra, visto che nel quartiere l'unica piazza che risponde alla descrizione è quella di San Pietro. Ascolterà la Moratti, la legnosa ministra dei capitolini e sospirosi "vicini e lontani"? Povero il "milite ignoto", che umile patriota, ha dovuto sorbire il lungo belato ministeriale da chi di un partito tale da giustificare gli spari a bruciapelo contro la folla inerme. Stamane me ne voglio proprio approfittare. Avete visto mai tante facce arabe annoiate nel corso della visita di Frattini in medioriente? Lui invece sembrava benito redivivo, con tutta la sua prosopopea. Fortuna un presidente "babbo di famiglia" a tamponare le peculiarità dei governativi, che in questi giorni per la multa alla convertita in burqa e le dichiarazioni del leghista Borghezio è riuscita a fare gossip anche AlJazeera (con tutto il da fare che ha). Anche qui un simpatico e bravo collega comunista a rappezzare le dichiarazioni: Gianfranco Pagliarulo, direttore di Rinascita e senatore del PdCI. Quanto ai cappelli della Varroni, da donna moderna, nell'attuale contingenza ostaggi non posso che augurarle un figlio astronauta. Se c'è una cosa della quale non ha diritto è esperimentare sulla vita altrui le "nuove diversità acquisite". Il burqa non se lo era mai messo prima, o l'avrebbero multata in precedenza che la legge c'era, non lo metta ora alla ricerca di una pubblicità che può costare la vita di quattro persone o lo indossi alle marce per la Pace, che hanno un significato politico e non al mercato dove l'ortolano può pensare che ella rubi, come tanti altri in Italia, di sotto il pesante velo ...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/09/2004 @ 19:19:39, in Ambiente, linkato 272 volte)
Namibia e Sud Africa vogliono bandire quasi del tutto la caccia agli ormai rari rinoceronti neri africani, facendo un passo verso le tesi degli ambientalisti che sostengono che questa specie si sta appena riprendendo da decenni di uccisioni selvagge. Entrambi i paesi hanno promosso ricerche sulle attuali condizioni di vita dei rinoceronti neri, e presenteranno le loro conclusioni il mese prossimo alla 'conferenza sul commercio internazionale delle specie a rischio, della fauna e flora selvatiche' (Cites), che regola il mercato globale degli animali selvatici. La popolazione di rinoceronti neri è stata decimata dalla caccia negli anni '90, che ne ha ridotto il numero a circa 2400 rispetto ai 65 mila di solo vent'anni prima. I bracconieri sono interessati solo alle corna - usate come medicine alternative in estremo oriente - e lasciano le enormi carcasse ad arrostire al sole. Oggi, secondo il Cites, il numero dei rinoceronti neri sembra aver smesso di diminuire. Alcune oasi di protezione hanno preservato questi animali selvatici, che secondo stime recenti sono 3600 in tutta l'Africa, in gran parte concentrati in Namibia e Sud Africa. La Namibia intende stabilire una quota di cinque rinoceronti all'anno per i cacciatori di trofei, su una popolazione totale stimata in 1134 esemplari, mentre il Sud Africa vuole fissare a 10 il numero di rinoceronti cacciabili ogni anno, su circa 1200 animali. "Dieci maschi cacciati all'anno in un totale di circa 1200 rinoceronti neri non dovrebbero avere un impatto grave", si legge nella presentazione del Sud Africa al Cites. Ma gli animalisti dicono che non c'é nulla da festeggiare. "la popolazione dei rinoceronti neri deve ancora riprendersi e il commercio delle loro corna continua", dichiara Jason Bell-Leask, il direttore sudafricano per il Fondo internazionale della protezione animali. (Ansa-Reuters-Verdi)
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
ROMA, 20 SET – “Speriamo che ora Sirchia non inviti gli anziani a trascorrere il proprio tempo nei supermercati anche dopo l’emergenza caldo…”. Luana Zanella, deputata dei Verdi, ironizza “sulle battute a cui ormai il ministro della Salute ci ha abituati, sebbene – precisa - ci sia davvero poco da ridere. Sotto l’invito di buon senso, quello di vedere poca TV, si nasconde una grave sottovalutazione dei problemi degli anziani causati da uno Stato Sociale in via di smantellamento, grazie alle picconate del governo Berlusconi. E’ davvero desolante che il ministro della Salute in questo paese si limiti a pontificare sulla pelle di milione di persone che subiscono da soli i disagi, spesso gravi, delle malattie e quelli di una pensione misera”.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/09/2004 @ 18:19:02, in Politica, linkato 269 volte)

Non accettiamo liste di proscrizione

Roma, 20 set. – "No a liste di proscrizione: non ci faremo intimidire da questo episodio inaccettabile". Così Paolo Cento, deputato dei Verdi e vicepresidente della commissione Giustizia di Montecitorio commenta quanto accaduto in una scuola romana dove si sono recati i carabinieri per sapere “se c'erano insegnanti in sciopero contro l'applicazione della riforma Moratti", secondo quanto denunciato dallo stesso presidente, Lino Fazio. Cento ha presentato sulla grave vicenda una interrogazione ai ministri dell’Interno e della Pubblica Istruzione "dai quali vogliamo sapere – sottolinea – chi ha preso la decisione di inviare carabinieri nelle scuole contro gli insegnati. La riforma Moratti, oltre a devastare l’istruzione pubblica, ora rischia di diventare anche l’occasione di una azione antidemocratica e di pressione  nei confronti degli insegnanti e della loro libertà di sciopero. Richiamiamo per questo tutte le autorità al rispetto dei principi costituzionali fra cui c’è quello fondamento della libertà di espressione e di sciopero”.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/09/2004 @ 18:17:51, in Politica, linkato 258 volte)
“Prodi dovrebbe sapere che la lacerazione nella società italiana è stata prodotta proprio dalla legge 40, il risultato di un oscurantismo mostruoso che speravamo superato per sempre, un attrezzo legislativo degno del Medioevo, che colpisce le donne, i diritti di una libera e responsabile cittadinanza. – così Elettra Deiana, parlamentare di Rifondazione Comunista, ha commentato i timori di Romano Prodi che il referendum contro la legge sulla fecondazione assistita potrebbe spaccare l’Italia e per questo è bene fare di tutto per evitarlo. - La raccolta delle firme – prosegue Deiana - nella grande rispondenza che ha incontrato, ha confermata la distanza che c’è tra chi ha voluto la legge e parti rilevanti della società italiana. La legge 40 va abrogata proprio per sanare la ferita che ha provocato, per restituire dignità alle donne e agli uomini di questo paese Non si può pensare a un’alternativa alla CDL senza tenere conto di questo.” Roma, 20 settembre 2004
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/09/2004 @ 18:16:09, in Politica, linkato 260 volte)

ENNESIMO CASO CONFERMA URGENZA

"Si sottoponga subito al voto dell'Aula l'istituzione della commissione d'inchiesta volta a far luce sui casi di morte e sulle patologie, legate all'uso dell'uranio impoverito, che hanno colpito i militari impegnati in missioni internazionali". Lo afferma il senatore Stefano Boco, Capogruppo dei Verdi a Palazzo Madama, che alla prossima capigruppo chiederà di calendarizzare il provvedimento già licenziato dalla commissione difesa. "Il nuovo caso di tumore - prosegue l'esponente del Sole che Ride - segnalato dall'Unione nazionale arma dei carabinieri (Unac) conferma la necessità di avviare al più presto la commissione. E affinché le indagini siano rigorose sarà necessario coinvolgere nelle attività d'inchiesta anche le associazioni dei familiari delle vittime, le organizzazioni non governative, che hanno operato e operano nelle zone interessate dall'uso di queste armi micidiali, e le agenzie internazionali che, a vario titolo, hanno già condotto studi sugli effetti per l'uomo e per l'ambiente della contaminazione da uranio impoverito. Occorre una vera operazione di trasparenza.  E' responsabilità delle istituzioni restituire la verità ai cittadini e a coloro che per avere servito il proprio Paese ora rischiano la vita. Tra l'altro - conclude Boco - i nostri militari continuano ad essere esposti all'uranio senza alcuna protezione".

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/09/2004 @ 18:14:53, in Politica, linkato 331 volte)
"Ricordiamo a Prodi che l'unica possibilità per cambiare quest'abominevole legge sulla fecondazione è quella di raggiungere il numero di firme necessarie al referendum. Siamo ad un passo dal risultato, quindi, cerchiamo di lavorare per questo. Se non fosse stato per questa campagna referendaria il dibattito sulla procreazione non ci sarebbe stato e molti politici non avrebbero riconosciuto pubblicamente che la legge deve essere cambiata. L'ultima parola deve spettare esclusivamente ai cittadini: è un loro diritto esprimersi su un argomento così importante". Lo afferma la senatrice dei Verdi Loredana De Petris del direttivo del Comitato promotore del referendum sulla procreazione assistita. "Rinnoviamo l'invito a firmare. Solo in questo modo i cittadini potranno riappropriarsi di un diritto sancito dalla Costituzione: esprimersi mediante referendum".
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/09/2004 @ 18:13:11, in Politica, linkato 274 volte)
"Altro record negativo del governo Berlusconi: il nostro Paese è sceso dalla prima alla terza posizione nella graduatoria delle destinazioni turistiche tra i Paesi Europei dopo Francia e Spagna". Lo afferma il senatore della Margherita, Stefano Bastianoni, responsabile nazionale del turismo per la Margherita, a margine della Conferenza Nazionale sul turismo in corso a Genova. "Questo pessimo dato - spiega Bastianoni - è frutto del totale abbandono, da parte del governo, della prima industria del Paese che sta infatti attraversando una crisi senza precedenti. Per il settore turistico, il governo non si è mai preoccupato di tracciare una rotta per rendere più competitiva l'offerta turistica nazionale". "Perché la Conferenza in corso a Genova non risulti l'ennesima passerella, chi ha responsabilità di governo, ed in primis il Presidente del Consiglio atteso per domani, indichi come e in che tempi si intende riformare l'Enit, quante risorse si impegneranno per promuovere l'immagine dell'Italia all'estero, se si intende mettere mano ad una significativa riduzione dell'Iva nel settore che è attualmente al 10%, circa il doppio rispetto ai nostri concorrenti europei". "Ci auguriamo, pertanto, che chi ha la responsabilità di governare il Paese trovi risposte immediate ai gravi ritardi fin qui accumulati. La prossima legge Finanziaria - conclude Bastianoni - è un'ottima occasione per farlo". Roma, 20 settembre 2004
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

QUALSIASI ACCORDO DEVE PREVEDERE IL COINVOLGIMENTO DI TUTTE LE PARTI IN CAUSA E LA RIDUZIONE DEI PREZZI DI ALMENO IL 10-20%

I nostri soldi ... Per IntesaConsumatori l’accordo che si profila sul blocco dei prezzi della grande distribuzione ha di positivo solo il fatto che finalmente il Governo si sia accorto che vi è da lungo tempo un problema gravissimo di tariffe e prezzi nel nostro paese e che questa tardiva consapevolezza sia avvenuta alle tante battaglie messe in campo negli ultimi tre anni dall’Intesa, quali quelle del riuscitissimo sciopero della spesa di ieri. Ma non oltre!!!
Su una questione così importante il Governo non riesce neanche a coordinare gli interventi dei ministri: mentre Siniscalco ha cercato di ridurre con l’esperimento di Torino i prezzi del 2%, il ministro Marzano che ancora una volta colpisce le tasche dei consumatori ha vanificato quei timidi tentativi di riduzione dei prezzi ripresi poi dall’onorevole Fini per cercare di estendere tali procedure a livello nazionale. Il tentativo di congelare i prezzi dei prodotti a marchio delle grandi catene di distribuzione che raccolgono soltanto il 10% del totale, significa mettere il timbro ed avallare speculazioni avvenute con il pretesto dell’euro che hanno ridotto sul lastrico milioni di famiglie italiane. Se non vuole essere una mera operazione di marketing tutti i prezzi devono diminuire, intendendo sia quelli della grande che della piccola distribuzione. IntesaConsumatori, quindi, come dichiarato nell’incontro con il Presidente Fini, chiede la costituzione di un tavolo di contrattazione per incidere sui meccanismi di filiera che portano a speculare dalla produzione al consumo, con inaccettabili ricarichi fino al 400/550% su prodotti alimentari di largo consumo.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

TRAGICO BILANCIO DI DUE ANNI DI DEREGULATION VENATORIA.  LIPU: "SOLO UN ASSAGGIO DI CIO' CHE POTREBBE ACCADERE CON LA RIFORMA DELLA 157"

Sono praticamente triplicate le specie di rapaci feriti a fucilate durante la preapertura della stagione venatoria 2004-2005 rispetto a quella 2002-2003. Trentasei le specie protette abbattute in pochi giorni di preapertura della caccia. E' il tragico bilancio della LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) dopo due anni di deregulation venatoria avviata dal Parlamento italiano con l'introduzione della caccia in deroga nel Settembre 2002 e l'avvio dell'iter di riforma della 157, tutt'ora in corso alla Camera, volta a una totale liberalizzazione della caccia in Italia. I dati raccolti dalla LIPU sulla preapertura della stagione venatoria di quest'anno testimoniano di una spaventosa impennata della caccia illegale: Le specie di rapaci impallinate pervenute ai centri di recupero LIPU sono triplicate, passando dalle 4 del 2002 alle 12 di quest'anno: le vittime privilegiate sono state specie superprotette quali il Biancone, il Nibbio bruno, il Pecchiaolo e la Poiana, l'Albanella minore e il Falco di palude, lo Sparviere, il Lodolaio, il Gheppio e il Pellegrino, e infine l'Allocco. <<Questo grave fenomeno - spiega Danilo Selvaggi, Responsabile Rapporti Istituzionali LIPU - diventerà incontrollabile se le previste modifiche della legge 157 verranno approvate. Anziché procedere a questa riforma, che peraltro nessuno ha dichiarato di volere se non l'ala più oltranzista del mondo venatorio, si pensi piuttosto a una sua corretta ed effettiva applicazione sul territorio>>. Tutte gli animali ricoverati nei centri LIPU quest'anno appartengono a specie protette, e quindi nessuno di essi potrebbe essere cacciato legalmente. Tra gli uccelli impallinati anche due esemplari di Biancone, di cui 1 inanellato in Germania, e 2 esemplari di Occhione, specie la cui popolazione è limitata in Italia a sole 500 coppie. Parma, 17 Settembre 2004

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 12 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





07/12/2019 @ 09:50:46
script eseguito in 281 ms