Immagine
 nuvola temporalesca... di Admin
 
"
Siate sempre capaci di sentire nel profondo qualsiasi ingiustizia commessa contro chiunque, in qualsiasi parte del mondo. E' la qualità più bella di un rivoluzionario.

Ernesto Che Guevara
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 01/09/2004 @ 18:08:21, in Giuristi, linkato 257 volte)

La prima presentazione del Rapporto si svolge venerdì 3 settembre a Milano, alle ore 21, presso la Festa dell'Unità (Spazio Libreria), nell'Area Mazda Palace. Partecipano don Andrea Gallo (fondatore della Comunità San Benedetto di Genova), Paolo Matteucci (assessore Provincia di Milano), Mauro Palma (rappresentante del Comitato prevenzione tortura Consiglio d'Europa), Achille Passoni (segretario confederale della Cgil), Sergio Segio (curatore del Rapporto). Coordina Riccardo Bonacina (direttore del settimanale Vita).

La seconda presentazione si svolge lunedì 6 settembre a Roma, alle ore 19, presso lo Spazio della Libreria Odradek alla Festa nazionale di Liberazione, negli Ex Mercati Generali (Via Ostiense). Partecipano Stefano Anastasia (presidente nazionale di Antigone), Lucio Babolin (presidente della Cnca), Paolo Nerozzi (segretario confederale della Cgil), Luigi Nieri (assessore alle Politiche del Lavoro del Comune di Roma), Sergio Segio (curatore del Rapporto).

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 01/09/2004 @ 13:50:14, in Indagini, linkato 2846 volte)
Spettabile il Punto Informatico,
 
sono a richiedere alla vostra redazione l'immediata cancellazione del post e dell'immagine ivi raffigurata sul sito di Mantellini, vostro collaboratore.
 
L'immagine, che mi raffigura, viola e vilipende i miei diritti/doveri costituzionali di cittadino italiano, inoltre l'immagine stessa è stata rubata a fotografo iscritto all'Albo e alla Siae.
 
 
 
Ai sensi della legge sulla stampa, l'articolo 8 e seguenti, sarebbe utile una vostra smentita formale in merito al comportamento del vostro collaboratore, che attualmente copre l'altrettanto noto Gianluca Neri, che ha procurato di mettere in rete un filmato che mi riprende con la mia famiglia ed in particolar modo con i miei figli minorenni, di cui mai è stata divulgata l'immagine prima d'ora.
 
L'autore del filmato è noto: si chiama Luca Di Ciaccio ex collaboratore della telestreet Tele Monte Orlando di Gaeta e intimo amico dell'ancor più famoso personaggio di Gaeta, da voi pubblicato, che pur di nuocere ad un imprenditore pubblicò l'indirizzo e il telefono del suo medico curante.
 
Qui vi si chiede deontologia professionale e senso di responsabilità, anche per il blogghino bello del pupo.
 
Suppongo voi siate una testata giornalistica seria, ed io sono al corrente che sui vostri forum sia già stata data la notizia del banner e, probabilmente, da voi in seguito cancellata.
 
Ritengo sia professionalmente rilevante un vostro intervento nei confronti del collaboratore, perchè la Rete è di tutti e non solo dei vecchi vip, ormai divenuti obsoleti ed evidentemente corrotti.
 
Credo sia inutile pronunciare l'ovvietà della formula di rito e netiquette, generalmente prevista e gradita da tutte le persone serie in Rete, cui intendo attenermi in vostra mancanza, per il vecchio adagio... "chi rompe, paga".
 
D'altronde, sono certa che provvederete immediatamente a quanto richiesto, visto e considerato che il pupo si diverte ormai da un tre mesi buoni.
 
Cordialmente
 
Roma, 1 settembre 2004.
 
Loredana Morandi
Articolo (p)Link Commenti Commenti (18)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:30:11, in Sindacato, linkato 338 volte)

Prot. n. 146/C - Il Presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Francesco Angelo Siddi, a seguito della proposta dell’Associazione Articolo21 di intitolare il Forum dell’Informazione di Gubbio alla memoria di Enzo Baldoni, ha risposto con la seguente lettera:

“Carissimi Federico e Beppe,
giudico di grande significato la proposta dell’Associazione Art. 21 di intitolare il Forum di Gubbio a Enzo Baldoni, giornalista free lance, uomo di pace e cercatore di verità. E’ una proposta utile per la nostra società civile, ma anche per la Fnsi e per le istituzioni e l’associazionismo che, con essa,  cooperano ogni anno all’organizzazione del Forum per la liberta dell’informazione .
Il Segretario della Federazione della Stampa ha già annunciato che sottoporrà la proposta di “Articolo 21” alla prima riunione della Giunta Esecutiva dopo le ferie estive.
 A Gubbio la Fnsi, con le associazioni della società civile e d’impegno per la pace tra i popoli ha già avviato, sulla spinta dei drammi della guerra e del terrorismo le prime riflessioni di valore sulla funzione dei media e sull’esigenza vitale di una libera stampa che possa svelare misteri e trame oscure, dare luce e parola alle notizie negate e dimenticate.
Baldoni, figlio di una terra di pace di solidarietà come quella umbra, esprimeva il meglio di  questi valori, svolgendo contemporaneamente a quella giornalista altre attività. Il desiderio di solidarietà e di pace, di sostenere il riscatto dei deboli era strettamente connesso alla ricerca un’informazione libera e completa, non intossicata dagli interessi dei belligeranti o delle fazioni del terrore nelle frontiere martoriate dalla guerra e dalla violenza.
 La Fnsi e l’organizzazione internazionale di categoria, Ifj, costantemente da tempo, nella tragica vicenda irachena,  si appellano alle forze militari sul campo e alle milizie islamiche perché risulti chiaro che i giornalisti non sono parte del conflitto né espressione delle politiche nazionali dei loro Paesi. Era chiarissimo, questo, nel caso di Enzio Baldoni, lo è oggi per i due colleghi francesi Chesnot e Malbrunot, per la cui sorte trepidiamo in queste ore, chiedono a gran voce la liberazione.  
Certo l’assassinio del free lance Baldoni riporta ancora una volta alla luce la condizione di alta esposizione dei colleghi di frontiera. Anche sulle regole del loro ingaggio di lavoro occorre una riflessione più attenta e disponibile da parte di tutti, a cominciare dagli editori.
La situazione è oggettivamente difficile, ma va rilanciato l’impegno della comunità internazionale per la sicurezza dei giornalisti. La convenzione di Ginevra non basta più. Va rafforzato il diritto internazionale affinché sia considerato crimine di guerra l’assassinio da parte di qualsiasi forza belligerante. Lo chiediamo con la Fij sin dai primi lutti al fronte patiti dal giornalismo italiano con gli assassini della collega Cutuli e del fotogiornalista  Ciriello in Afghanistan e in Palestina.
Ma sulle tragedie dei giornalisti (nostri e di tutto il mondo) che muoiono sempre più frequentemente in frontiera avevano già preso amaramente coscienza con le morti di Hrovatin., Alpi, Antonio Russo. Una catena di croci, pesante come lo è la negazione di verità e di giustizia che ancora grava sulla loro orribile fine. Roma, 31 agosto 2004

Federazione Nazionale della Stampa Italiana
Il Presidente

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:19:51, in Politica, linkato 339 volte)

Zanella: Prestigiacomo latitante e poco determinata

"La ministra per le pari opportunità Stefania Prestigiacomo non ha spostato di una virgola l'esito drammatico dell'iter legislativo che ha portato all'approvazione di una legge insensata e barbara. Nei dibattiti in Parlamento si è data alla latitanza". Lo ha dichiarato la deputata verde Luana Zanella. "Accodarsi ora - continua Luana Zanella - alla proposta di rivedere la legge, utile, ovviamente, a bloccare i referendum, non solo sembra una battaglia di retroguardia, ma è in linea con la scarsa determinazione e convinzione con cui la ministra ha partecipato al dibattito sulla legge. Stefania Prestigiacomo ha lasciato fare e non ha sostenuto le parlamentari della maggioranza che con coraggio e coerenza si erano battute insieme all'opposizione".

De Petris: Prestigiacomo parla senza costrutto

"La ministra Prestigiacomo continua ad aprir bocca e a dargli fiato sulla legge sulla fecondazione assistita senza alcun costrutto, così come ha fatto durante la discussione della legge in Parlamento". Lo afferma la senatrice verde Loredana De Petris, criticando la proposta del ministro di modificare la legge in Parlamento e sostenendo che l'unica strada per cambiare la normativa è il referendum. Secondo De Petris già durante l'esame della legge "le promesse d'intervento" fatte dalla Prestigiacomo "per migliorarla non portarono assolutamente a nulla. Nessuno nella sua maggioranza e nel Governo di cui fa parte l'ha ascoltata. E' inutile ripetere oggi lo stesso copione, per di più affermando che la proposta Bianconi-Tomassini incardinata al Senato può essere un buon punto di partenza per migliorare seriamente una legge medievale e contro le donne. L'unica strada davvero seria ed efficace e percorribile - sostiene l'esponente verde - è quella referendaria. E' per questo che è necessaria la massima mobilitazione di tutti coloro che vogliono seriamente cambiare la legge per raggiungere l'obiettivo entro settembre".(Ansa)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:18:30, in Politica, linkato 342 volte)

"E' positivo che DL riconosca la necessità di riconsegnare allo stato la competenza in materia di energia, ma attenzione a come si affronta la liberalizzazione del mercato. Ora se ne discuta al tavolo ambiente delle opposizioni". Lo ha dichiarato il responsabile ambiente dei Verdi e coordinatore del tavolo ambiente dei partiti di opposizione, Fabrizio Fabbri. "Con la crisi petrolifera in atto, la lobby nucleare che preme e il disastroso piano Enel che prevede di arrivare al 2008 con la copertura del 50% del fabbisogno energetico nazionale ancora affidata al carbone, occorre che il tavolo ambiente definisca un programma comune del centrosinistra, al più presto". "Occorrerà parlare  conclude Fabbri - non solo delle fonti, anche per noi pulite e rinnovabili, ma anche della necessità di decentralizzare la produzione di energia, affidandola a centrali più piccole, che permettano di ottimizzare costi e benefici con un minor impatto ambientale".

Pecoraro a Margherita: occorre un tavolo dell'Ulivo

Il leader dei Verdi, Alfonso Pecoraro Scanio, solleva dei rilievi di metodo e di merito sulla proposta di riforma nel campo dell'energia avanzata dalla Margherita: su questo tema come su altri occorre piuttosto, ha spiegato Pecoraro, un tavolo comune dell'Ulivo. "Servirebbero dei tavoli comuni dell'Ulivo - ha affermato Pecoraro intervenendo alla festa dell'Udeur - per affrontare le diverse tematiche del programma di Governo, perché bisogna discutere tutti insieme". "La proposta della Margherita - ha aggiunto il leader dei Verdi - può essere utile se serve a segnalare un argomento. Però se la Margherita inizia a dire che è importante la liberalizzazione noi diciamo invece che è importante l'autoproduzione, perché la liberalizzazione avvenuta ha creato il primo black out nella storia d'Italia". (Ansa)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:16:36, in Politica, linkato 344 volte)

Islam. Pecoraro: combattere tutti i fondamentalismi e tutte le guerre

"Prima di parlare, il presidente del Senato Pera farebbe bene ad informarsi, per evitare, in futuro, quella che risulta un'assurda istigazione a uno scontro di religione". Lo ha dichiarato il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio. "Pera - continua Alfonso Pecoraro Scanio- si prenda un paio d'ore e vada a vedere il film di Michael Moore Fahrenheit 9/11 per capire come il fondamentalismo occidentale sia odioso quanto quello islamico. Per battere i fondamentalismi ed evitare le guerre serve un'alleanza tra tutti i laici del mondo contro chi ha interesse a fomentare la folle spirale di bombe e decapitazioni". "Servono parole di pace- conclude il leader del sole che ride- e nuove politiche di sviluppo sostenibile e cooperazione internazionale, perché l'occidente deve rendersi conto che non può continuare all'infinito a consumare da solo l'80% delle risorse del pianeta".

Iraq. Cento: no al fondamentalismo di Pera

"Il presidente del Senato Pera vorrebbe ridurre la politica a braccio operativo della scrittrice Oriana Fallaci e a una visione del mondo senza speranza - ha dichiarato il deputato verde Paolo Cento. Questo è il grande guasto che la guerra sta producendo, oltre alla tragedia di migliaia di vittime civili ed è grave che tutto ciò sia accettato e rilanciato dalla seconda carica dello stato. Altro che scontro di civiltà è necessario invece aprire lo spazio per il confronto tra civiltà e religioni diverse senza accettare i fondamentalismi e gli integralismi da qualunque parte essi vengano. Anche per questo decisiva rimane la richiesta del ritiro dei soldati come unico atto di rottura contro il dominio della guerra e del terrorismo".

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:05:43, in Sindacato, linkato 346 volte)

Federazione Nazionale della Stampa Italiana - Prot.n. 145

Il Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Paolo Serventi Longhi, a seguito della proposta dell’Associazione Articolo21 di intitolare il Forum dell’Informazione di Gubbio alla memoria di Enzo Baldoni, ha risposto con la seguente lettera:

“Carissimi amici,
apprezzo molto la proposta che l’Associazione Art. 21 avanza alle istituzioni, al mondo dell’informazione ed alla società civile. Sottoporrò la proposta di “Art. 21” alla prima riunione della Giunta della Federazione nazionale della Stampa dopo le ferie estive, prevista per la prossima settimana, suggerendo un’iniziativa che vada nel senso da voi indicato.
Il Sindacato unitario dei giornalisti, che da anni organizza il Forum dell’Informazione a Gubbio d’intesa con la Regione Umbria e il Comune di Gubbio, non può non ritenere di grande rilievo una riflessione, che coinvolga tutte le associazioni della società civile, i movimenti e i sindacati sui temi della libertà, dei diritti e della pace, nel nome di Enzo Baldoni.
Enzo era una giornalista atipico, rigorosamente indipendente e profondamente sensibile alle innovazioni e allo sviluppo dei new media. E’ pertanto giusto ricordarlo sia sul fronte del lavoro autonomo giornalistico, sia su quello del cambiamento, nel rispetto delle regole, sia anche su quello della sicurezza degli inviati di guerra. Mentre era impegnato su questi fronti, Enzo è stato barbaramente assassinato. Egli amava la pace e noi giornalisti sappiamo quanto la guerra, le violenze, le intimidazioni, le censure, la propaganda siano nemiche della verità. 
In qualità di componente dell’Esecutivo della Federazione Internazionale dei Giornalisti, proporrò inoltre, nella prima riunione del nuovo organismo, fissata per metà ottobre a Bruxelles, di assumere una iniziativa di analisi dello stato dell’informazione in rapporto all’esigenza di difendere la pace e di condannare ogni forma di violenza che prenda a pretesto la necessità dei giornalisti di vedere con i propri occhi la realtà e di raccontarla. Troppi ormai sono i colleghi che, non potendo sottrarsi dalla inderogabile funzione sociale di informare, sono a rischio di odiosi e inaccettabili ricatti, di sequestri e di barbare uccisioni.
Un momento significativamente unitario, che coinvolga tutte le organizzazioni degli operatori del mondo ed in particolare delle aree di crisi e del mondo islamico, mi sembra sempre più opportuno e utile. Per questo suggerirò alla Federazione internazionale un grande seminario da organizzare a Gubbio al più presto. Fraterni saluti”. Roma, 31 agosto 2004

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:00:50, in Ambiente, linkato 346 volte)
L'Europa propone una strategia per fronteggiare il pericolo inondazioni. Dal 1998 al 2003 si sono verificate in Europa più di 100 inondazioni gravi, che hanno causato la morte di oltre 700 persone, migrazioni forzate di almeno 500 mila individui e danni economici che ammontano a oltre 25 miliardi di euro. Le inondazioni non rappresentano un pericolo virtuale ma una vera e propria minaccia che deve essere affrontata con un'azione concertata che si svilupperà su tutto il territorio comunitario, attraverso la predisposizione di programmi di gestione del rischio, la redazione di procedure e piani di emergenza, finalizzati soprattutto a conoscere, prevenire ed affrontare i pericoli idrogeologici nei bacini fluviali e nelle zone costiere. La Commissione indica anche tra le priorità la creazione di una mappa del rischio, mediante la predisposizione di una cartografia continuamente aggiornata, e l' avvio di un efficace sistema di
circolazione delle informazioni e i dati tecnici e scientifici. Dovranno anche essere approntate misure per l'informazione e la sensibilizzazione dei cittadini, in modo da coinvolgerli e orientarne i comportamenti sia in materia di tutela che di gestione delle emergenze. L'informazione ai cittadini, secondo la commissione, si rende necessaria anche perché è probabile che il rischio aumenti negli anni futuri. Le cause di un possibile incremento di questi eventi estremi sono riconducibili prima di tutto alle conseguenze del cambiamento climatico: precipitazioni più abbondanti e innalzamento del livello del mare. Anche la manomissione del territorio contribuisce a aumentare il rischio, a causa della deforestazione, degli interventi artificiali sui corsi dei fiumi, della soppressione di vaste aree che un tempo si allagavano periodicamente, creando una zona cuscinetto con gli abitati. Anche gli effetti delle inondazioni saranno sempre più gravi, nella misura in cui le aree a maggior rischio sono quelle che negli anni hanno attratto investimenti, urbanizzazione, industrializzazione, agricoltura intensiva. E la strategia anti alluvione è stata annoverata nell'agenda del prossimo consiglio informale dell'ambiente che si svolgerà in questi giorni. (Ansa)
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 18:58:04, in Politica, linkato 339 volte)
"Una decisione sconcertante e pericolosa che produrra' conseguenze disastrose alle popolazioni selvatiche". Questo il commento di Angelo Bonelli, coordinatore nazionale dell'esecutivo dei Verdi, a proposito della preapertura della caccia prevista per il primo settembre. "In Italia non c'e' sensibilita' per la popolazione animale- afferma Bonelli - nel nostro paese, invece, si fa di tutto pur di accontentare le lobby venatorie. E cio' accade nonostante i cacciatori diminuiscano vertiginosamente. Sta di fatto- conclude Bonelli- che l'apertura anticipata della caccia, in contrasto con la Legge 157/92, dara' il via libera alla strage degli animali selvatici. Molti di essi, infatti, si stanno riproducendo e il fuoco delle doppiette uccidera' non solo gli esemplari adulti ma anche i tanti piccoli che rimarranno soli, indifesi e incustoditi". (Dire)
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Basterebbe un emendamento al disegno di legge sul risparmio, che dovrebbe essere votato alla riapertura della Camera, per restituire subito 15 miliardi di euro ai contribuenti italiani che attendono da più di 10 anni i famigerati rimborsi fiscali, senza incidere sul bilancio dello stato. Infatti, in questi giorni lo stato e le banche si stanno contendendo i cosidetti "dormant account", cioè i conti correnti dimenticati dai risparmiatori che le banche trattengono a tempo indeterminato nel caso in cui non possano essere restituiti ai legittimi proprietari. "I soldi dimenticati nelle banche - afferma Vittorio Carlomagno, presidente di Contribuenti.it, Associazione Contribuenti Italiani - devono essere sempre restituiti ai proprietari o ai loro eredi. Se ciò non è possibile, spettano allo Stato e non alle banche. Attualmente, le banche trattengono perfino i soldi di bambini orfani di genitori scomparsi o delle vittime di incidenti stradali". La Banca d'Italia, il Ministero dell'Economia e l'Abi nulla dicono al riguardo. Lo Sportello del Contribuente, che stima una giacenza presso le banche di circa 15 miliardi di euro, pari al debito dello Stato nei confronti dei Contribuenti per i rimborsi fiscali, chiede al Ministro Siniscalco di intervenire a favore degli italiani con una vera manovra di "finanza creativa", affinché le somme abbandonate siano utilizzate dallo Stato per sanare il debito dello stesso nei confronti di milioni di italiani e per ristabilire la fiducia e la credibilità nelle Istituzioni.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 11 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





08/12/2019 @ 19:06:49
script eseguito in 245 ms