Immagine
 courage and devotion ... c. young... di Loredana Morandi
 
"
"Le cose sono esattamente come appaiono e dietro di esse non c'è nulla."

Sartre
"
 
\\ Home Page : Storico : Magistratura (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 01/02/2005 @ 19:18:54, in Magistratura, linkato 256 volte)

Mi permetto di ribadire un punto sottolineato dal collega della redazione di cui vi posto l'articolo in prima pagina de L'Unità on line: chi definisce il comune sentire? Quando, prima d'ora, si era visto un esercito di Resistenza obbligato a scrivere o filmare comunicati di rivendicazioni per atti comuni di guerra? Cadono dal cielo iracheno aerei ed elicotteri, non sarà che piove? Viviamo in piena follia e non ce ne rendiamo neppure conto, data la manipolazione sostanziale dei media.

Terroristi o guerriglieri?
Il giudice di Brescia rovescia la sentenza di Milano

Interni di red

Sentenze contraddittorie, quasi opposte. La sentenza con la quale il Gup di Milano, Clementina Forleo, aveva assolto tre islamici accusati di terrorismo internazionale, classificando le loro attività come guerriglia, è stata capovolta da un'ordinanza della procura di Brescia alla quale era passato il fascicolo di altri due presunti terroristi, per i quali il giudice milanese aveva stabilito la scarcerazione. Per il gip di Brescia Roberto Spanò, il potere giudiziario deve interpretare «il comune modo di sentire della comunità politica». Se la politica dice che gli attacchi kamikaze contro i miltari sono «atti di terrorismo», la giustizia si adegua. Ma di quale comunità politica si parla? E chi definisce il comune sentire?

Terroristi o guerriglieri?
Il giudice di Brescia rovescia la sentenza di Milano
01.02.2005 di red

 Sentenze contraddittorie, quasi opposte, che non nascondono un profondo contrasto nell’interpretazione delle leggi. La sentenza con la quale il Gup di Milano, Clementina Forleo, aveva assolto tre islamici accusati di terrorismo internazionale, classificando le loro attività come guerriglia, è stata capovolta da un'ordinanza della procura di Brescia alla quale era passato il fascicolo di altri due presunti terroristi, per i quali il giudice milanese aveva stabilito la scarcerazione.

La scorsa settimana il Gup di Milano, Clementina Forleo, suscitando un coro di polemiche, aveva sostenuto che le attività dei cinque islamici sotto processo, ossia «finanziamento di strutture di addestramento paramilitare nel nord dell’Iraq, e arruolamento di volontari», fossero classificabili come guerriglia, dunque legittime, e non come terrorismo internazionale. Tre islamici sono stati comunque condannati per reati minori mentre per gli altri due, Nourredine Drissi e Kamel Hamraoui, entrambi di nazionalità tunisina, il gup aveva revocato la necessità di tenerli in prigione, trasferendo allo stesso tempo la pratica alla magistratura di Brescia per competenza territoriale.

Una volta a Brescia e la situazione si è capovolta. Martedì, il giudice per le indagini preliminari della procura bresciana, Roberto Spanò (nella foto) ha infatti ordinato nuovamente la custodia cautelare per terrorismo internazionale (articolo 270 bis del codice penale) nei confronti dei due presunti terroristi islamici di nazionalità tunisina, rovesciando sostanzialmente la sentenza del gup di Milano.

Roberto Spanò, il giudice di Brescia, evidenzia la rottura: «Questa autorità giudiziaria intende discostarsi in modo radicale da tale ragionamento che, a proprio giudizio, appare frutto di erronea applicazione di norme, nonché di una valutazione bidimensionale delle carte processuali e, più in generale, del fenomeno terroristico nel suo complesso».

La spiegazione della sentenza è destinata a suscitare polemiche non inferiori a quelle provocate dalla sentenza di Milano. Il ragionamento è capovolto. E si teorizza una sorta di subordinazione del potere giudiziario al «comune sentire politico». Una giustizia ad indipendenza limitata.

L’idea di partenza ripropone un principio fondamentale del pensiero giuridico: «Le leggi - scrive il giudice - vanno interpretate non secondo la propria opinione personale, bensì in conformità delle scelte politiche di fondo che hanno indotto il legislatore del passato ad emanarle e il legislatore del presente a mantenerle in vigore». Da questo enunciato Forleo ne fa però discendere un altro, molto meno scontato. Ecco le sue parole: «Alla luce del comune modo di sentire della comunità politica (o delle comunità politiche) che ha prodotto l'articolo 270 bis del Codice Penale (o altre norme equivalenti) deve ritenersi che azioni violente condotte anche con il ricorso a “kamikaze” da portatori di ideologie estremiste islamiche nei confronti di unità militari attualmente impiegate in Asia (tra cui un contingente italiano) non possono qualificarsi come atti di legittima e giustificata “guerriglia”, ma vanno senz'altro definiti ad ogni effetto come atti di “terrorismo”».

Quale comunità politica? Quale comune sentire? Il centrodestra, naturalmente, già esulta. «L'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Brescia nei confronti di Noureddine Drissi e Kamel Hamroui fa tornare un minimo di fiducia e di rispetto nei confronti della giustizia», afferma il leghista Roberto Calderoli. «Se vi è specializzazione del magistrato su un fronte così delicato e complesso vi è anche efficienza operativa», aggiunge Alfredo Mantovano di Alleanza nazionale, che osserva: «La repressione del terrorismo internazionale deve avere il medesimo approccio a suo tempo avuto per il contrasto della criminalità mafiosa, quando furono istituite la procura nazionale e le procure distrettuali antimafia».

Anche il ministro degli interni Pisanu parla di «ordinanza che rasserena le donne e gli uomini delle forze dell'ordine». Ma sottolinea «il problema di adeguare la legislazione penale alle inedite modalità di azione del terrorismo internazionale, specialmente per quanto riguarda l'impiego degli uomini-bomba come arma micidiale di offesa indiscriminata».

http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=40617

 
Di Loredana Morandi (del 29/01/2005 @ 09:24:59, in Magistratura, linkato 354 volte)

Bari, da un convegno dell'Associazione magistrati per i minorenni emerge un dato spaventoso: l'età media è di 10 anni e mezzo.
I piccoli soldati delle mafie: le cosche usano 1.721 bambini
I dati raccolti dai processi e dalle testimonianze di pentiti
"Ho cominciato a spacciare da piccolo, agli ordini di mio zio"

di MARA CHIARELLI
 
BARI - La mafia in Puglia, Campania, Calabria e Sicilia può contare su un esercito di 1.721 piccoli soldati: bambini di dieci anni e mezzo arruolati dai clan e con la vita praticamente segnata, scadenzata da provvedimenti dell'autorità giudiziaria. Un dato sconfortante, emerso a Bari durante il convegno nazionale "I ragazzi della mafia", organizzato dall'Associazione dei magistrati per i minorenni e la famiglia e dalla Camera minorile di Bari.

Magistrati, sociologi e operatori hanno messo insieme i pezzi di un'inchiesta, avviata a 360 gradi sulla situazione nelle quattro regioni a rischio del sud Italia, nel tentativo di arrivare ad un percorso comune di prevenzione e riabilitazione. Prendendo le mosse dai numerosi fatti di cronaca, anche locale, e dalle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, a loro volta ex bimbi al soldo, i relatori hanno lanciato l'allarme su quello che la mafia rappresenta per i minori: un'istituzione totale, un potente mezzo di intimidazione sulla popolazione, un delirio di onnipotenza che li rende indifferenti alle sanguinose conseguenze delle loro azioni.

E, allo stesso tempo, un generoso datore di lavoro, che impiega i bambini per trafficare e spacciare droga, piazzarli agli angoli delle strade come vedette, affidare loro armi da tenere a disposizione in caso di necessità. In cambio, ricevono lauti guadagni e droga a volontà, ma soprattutto la possibilità di sentirsi importanti, salendo rapidamente nella scala gerarchica del clan mafioso, dove alla fine si affermano diventando protagonisti di sparatorie.
 
"Ho iniziato a spacciare a dieci anni - ha raccontato un collaboratore di giustizia al pm antimafia Desirée Digeronimo, che lo ha riportato nella sua relazione - Ero con altri minorenni e sotto la supervisione di mio zio. Lo sapevo fin da piccolo che erano mafiosi, li ho sempre frequentati: li vedevo con le pistole in mano, mi piacevano, volevo diventare come loro". Un altro, invece, ha spiegato al magistrato: "Ero piccolo, non è che mi piacesse quel mondo, però ho visto le macchine, i motori, la ricchezza, e mi ci sono buttato".

Quel denaro facile che viene poi usato per giocare ai videopoker e vestirsi griffati. E la promessa di affiliarli, una volta cresciuti, genera in loro un vincolo di dipendenza dal boss, "studiano" per diventare a loro volta capiclan, sono fieri di essere identificati come appartenenti all'associazione mafiosa. Per questo la Dda di Bari sta valutando di contestare, per la prima volta, al capoclan e ai suoi affiliati, l'aggravante di aver arruolato ragazzini, talvolta anche figli e parenti.

Ma al crimine ci si avvicina anche nei corridoi della scuola, ha lanciato il presidente del tribunale per i minorenni di Bari, Franco Occhiogrosso. "Diversi ragazzini - ha spiegato - hanno costretto loro coetanei più deboli a mettere negli zaini sostanze stupefacenti, da spacciare nei bagni o nei corridoi dell'istituto. Così come accade che gli assistenti sociali, prima confidenti delle famiglie a rischio, vengano allontanti dai malavitosi".

L'allarme, del resto, era stato lanciato dal procuratore generale di Bari Riccardo Dibitonto, durante l'inaugurazione del nuovo anno giudiziario: "La criminalità barese - aveva detto - è l'unica in Italia ad utilizzare in modo continuo e professionale soggetti adolescenti, ai quali insegna l'uso delle armi e che utilizza, come sicari, quando dimostrano particolari capacità".

(La Repubblica 28 gennaio 2005)

 
Di Loredana Morandi (del 28/01/2005 @ 21:16:46, in Magistratura, linkato 349 volte)

Tommaso Frosini invita il Gip di Milano a leggere un testo di De Vergottini. Piero Ostellino sul Corriere della Sera aveva invitato il magistrato  a leggere Montesquieu. Più modestamente suggerisco a l'uno e all'altro di leggere l'ordinanza del Gip . In essa, infatti, non vi è il benché minimo accenno alle conclusioni che i due commentatori danno invece per certe.

Mai quel giudice ha messo in dubbio che atti di violenza indiscriminati costituiscano terrorismo, ai fini delle convenzioni internazionali e dell'applicazione dell'art. 270 bis c.p..

Il giudice, molto più semplicemente, ha dichiarato inutilizzabili come prove le informative anonime dei servizi segreti, quelle della polizia giudiziaria fondate su anonimi, una commissione rogatoria assunta senza il rispetto delle garanzie difensive. Ha ritenuto poi che dalle residue fonti di prova non emergesse alcun elemento che potesse far ritenere che gli imputati avessero reclutato kamikaze.

A seguito di queste valutazioni ha ritenuto che mancasse la prova che gli imputati avessero progettato attacchi indiscriminati; in caso contrario, ha scritto, avrebbe potuto ritenersi sussistente il delitto contestato e ciò proprio richiamando gli strumenti internazionali pattizi che, secondo gli autorevoli commentatori, ignorava.

Io non so se questa valutazione sia effettivamente fondata sugli atti processuali. Il pubblico ministero ritiene che gli elementi raccolti fossero più che sufficienti per la condanna e lo ha, civilmente, ribadito manifestando al contempo rispetto per la decisione e per il giudice. Ma tutto questo non ha niente a che vedere con la legittimazione del terrorismo, di cui si favoleggia.

La d.ssa Forleo ha dunque adempiuto il proprio dovere di giudice: ha valutato i fatti sulla base delle prove legittime, senza preoccuparsi delle reazioni dell'opinione pubblica alla sua decisione.

E' questo e solo questo il dovere del giudice.

Se ha sbagliato nella valutazione giuridica la decisione potrà essere riformata.

Mi rendo conto che ciò possa non soddisfare le esigenze di "sicurezza". Ma queste non competono al giudice. Far prevalere la sicurezza e la logica "amico-nemico" sulle garanzie dei cittadini è un grave errore.

L'esperienza italiana di contrasto al terrorismo interno ci ha insegnato che è possibile non rinunciare alle garanzie. Il dibattito internazionale (sia in sede di preparazione delle convenzioni internazionali che di loro ratifica) ci insegna poi che la distinzione tra terrorismo e altre forme di violenta opposizione di popolazioni civili è fondamentale per la tutela della democrazia e per il riconoscimento del diritto di resistenza.

Il Riformista è garantista a corrente alternata?

Lettera firmata pubblicata su "Il Riformista" del 27 gennaio 05

 
Di Loredana Morandi (del 28/01/2005 @ 21:09:29, in Magistratura, linkato 335 volte)

Jusgenova, Osservatorio genovese sulla Giustizia civile, Associazione Nazionale Magistrati, ANM Giunta Sezionale di Genova, AIGA Sezione di Genova, Osservatori sulla Giustizia civile, Fondazione Carlo Maria Verardi

Promuovono il Convegno

MAGISTRATURA ONORARIA
"Ruolo e strategie d'impiego della magistratura onoraria nel settore civile  tra riforme processuali e ordinamentali"

Venerdì 18 e sabato 19 febbraio 2005

Università degli Studi di Genova
Salone delle lauree, Facoltà di Ingegneria,
Villa Cambiaso - Via Montallegro 1 Genova

Programma

I sessione - venerdì 18, ore 15.00:
"La magistratura onoraria in Tribunale"

- introduce la sessione e coordina il dibattito : dr. Roberto BRACCIALINI
- Cons. Luigi MARINI : le indicazioni della circolare del CSM e le prospettive di impiego dei GOT;
- Relazioni degli Osservatori sulla giustizia civile : effettiva utilizzazione dei GOT nei tribunali e principali problemi emersi;
- Interventi liberi
- Intervento conclusivo : prof. Sergio CHIARLONI

II sessione - sabato 19, ore 9.00:
"L'esperienza del Giudice di Pace"

- introduce la sessione e coordina il dibattito : avv. Annamaria SEGANTI
- Cons. Ernesto AGHINA  : le attività del CSM per i giudici di pace
- relazioni degli Osservatori sulla giustizia civile: principali questioni processuali, ordinamentali e organizzative emerse in tema di attività del giudice di pace, con particolare riferimento a direzione degli uffici, procedimento tabellare, confronto giurisprudenziale interno, vigilanza sugli uffici;
- intervento programmato: avv. Francesco MOLLO (co-presidente Federazione Unitaria Giudici di Pace)
- interventi liberi
- intervento conclusivo :  prof. Modestino ACONE

ore 11.30 Coffee Break

ore 13.15 servizio di rinfresco

III Sessione - sabato 19, ore 14.30: Tavola rotonda:
"Le prospettive della magistratura onoraria tra riforme processuali ed ordinamentali"

partecipano :

- Guido ALPA (presidente del Consiglio Nazionale Forense);
- Sergio GALLO (responsabile nazionale del gruppo di lavoro sulla magistratura onoraria dell'ANM);
- Gabriele LONGO (co-presidente Federazione Unitaria Giudici di Pace)
- Mario PAPA (presidente AIGA)
- Andrea PASQUALIN (giunta esecutiva dell'OUA);
- Paolo VALERIO (presidente FEDERMOT)
- interventi liberi

Coordina e conclude : Claudio VIAZZI
(Presidente di sezione Tribunale di Genova)

 
Di Loredana Morandi (del 28/01/2005 @ 21:05:43, in Magistratura, linkato 333 volte)

I pareri espressi sul decreto legge che dispone la proroga dell'incarico all'attuale Procuratore Nazionale Antimafia sono due: il primo votato a larga maggioranza dall'assemblea, che ha avuto come relatori i membri togati Marini, De Nunzio e Fici, ed il secondo parere B redatto dai membri laici con relatore il prof. Spangher.

1) - Nota in data 11 gennaio 2005 del Ministro della giustizia con la quale trasmette, per il parere, copia del decreto legge n. 314 del 30 dicembre 2004, approvato dal Consiglio dei Ministri in data 29 dicembre 2004 concernente "Proroga dei termini" con riferimento alle norme contenute nell'articolo 2.

Proposta "A", che ha conseguito cinque voti a favore
(relatori Dottori MARINI, DE NUNZIO e FICI)

1. Il Ministro della giustizia, con nota dell'11 gennaio 2005, ha chiesto, ai sensi dell'art. 10, secondo comma, della legge 24 marzo 1958, n.195, un parere sul disegno di legge n. 5521 di conversione del decreto legge 30 dicembre 2004, n. 314, dal titolo "Proroga di termini", pubblicato sulla G.U. del successivo 31 dicembre. Detto decreto all'art.2 dispone che: "Il magistrato preposto alla Direzione nazionale antimafia alla data di entrata in vigore del presente decreto continua ad esercitare le proprie funzioni fino al compimento del settantaduesimo anno di età".
Nella Relazione che accompagna il disegno di legge di conversione si legge che, "anticipando in tal modo i contenuti di una specifica disposizione inserita nel disegno di legge di riforma dell'ordinamento giudiziario (A.C.4636)...ad evitare la vacanza nell'Ufficio dopo la data di scadenza (14 gennaio 2005) dell'incarico del magistrato attualmente in carica, già prorogato una volta, ed, in ragione della gravità della situazione determinata dall'attività criminale in alcune zone del Paese, il decreto proroga la durata dell'incarico dell'attuale Procuratore nazionale antimafia al compimento del settantaduesimo anno di età (1° agosto 2005)".

2. Quanto appena riferito impone di richiamare il giudizio di inopportunità - ancora di recente formulato dal Consiglio in occasione dei pareri espressi su diversi provvedimenti normativi - del ricorso allo strumento della decretazione di urgenza in materia ordinamentale. Per la sua delicatezza e complessità la legge di ordinamento giudiziario è stata disegnata dal Costituente come 'legge organica' (si veda la riserva contenuta nell'art.108 della Costituzione), che richiede interventi di riforma meditati e non settoriali che non sono compatibili con i tempi ristretti della discussione parlamentare sui disegni di legge di conversione.

3. Va poi osservato che la natura ed i compiti istituzionali della DNA e la sua organizzazione, che prevede la presenza di un magistrato con compiti vicari, consentono di escludere che il rispetto di tempi fisiologici nella sostituzione del magistrato preposto comporti la perdita di operatività della struttura e renda necessario un intervento emergenziale. A questo proposito si ricorda che, essendo nota la scadenza del secondo e non prorogabile incarico dell'attuale Procuratore nazionale antimafia, il Consiglio con deliberazione del 4 novembre 2004 ha provveduto a pubblicare anticipatamente il posto che si sarebbe reso vacante alla data del 15 gennaio 2005. Il termine per l'inoltro delle domande è scaduto il giorno 6 dicembre 2004 (così individuandosi definitivamente i magistrati legittimati al concorso) e la susseguente procedura è già all'esame della competente Commissione referente. Tale attività, condotta in attuazione delle esclusive attribuzioni consiliari in tema di assegnazioni e trasferimenti dei magistrati (art. 105 Cost.), è prossima alla definizione ed alla conseguente designazione del nuovo dirigente dell'Ufficio. In questo contesto la proroga, quanto meno per i tempi e le modalità fissati dal decreto legge, non sembra rispondere a criteri di necessità.

4. Passando all'esame dei contenuti del decreto legge, si rileva in primo luogo che la disposizione contenuta nell'art.2 ha evidente carattere di eccezionalità e si colloca in posizione anomala all'interno del sistema ordinamentale. E, infatti, sotto un primo profilo essa si caratterizza per interessare non "il magistrato preposto" alla DNA, ma esclusivamente colui che lo è alla data di entrata in vigore del decreto legge, così che la disposizione non è destinata ad applicarsi successivamente al 1° agosto 2005, e non interesserà i magistrati che rivestiranno successivamente detto incarico. Sotto un secondo profilo, la disposizione individua come data di cessazione dell'esercizio delle funzioni (prorogate) non il momento in cui verrà meno l'esigenza da soddisfare, ma il compimento del settantaduesimo anno di età da parte di quel magistrato. Si tratta, fra l'altro, di termine che non corrisponde né alla ordinaria età pensionabile dei magistrati (settanta anni) né alla diversa età oggi raggiungibile a seguito dell'art. 34, co.12 della legge 27 dicembre 2002 n. 289 (settantacinque anni). Va ricordato che la natura peculiare della DNA giustificò la scelta del legislatore del 1991 di introdurre per la prima (e per ora unica) volta la temporaneità dell'incarico direttivo, 2 con una disposizione (l'art. 76-bis, co. 3 del R.D. 30 gennaio 1941, n.12, come modificato dal d.l. 20 novembre 1991, n.36 e successiva conversione) che porta ad escludere che allo scadere del secondo quadriennio sia possibile una proroga nelle funzioni mediante il ricorso ai provvedimenti amministrativi che il Ministro può assumere in via ordinaria ai sensi dell'art.10 dell'ordinamento giudiziario (cfr. parere dell'Ufficio Studi n.397/96 del 31.10.1996). La non riconducibilità della disposizione alle ordinarie norme in tema di ordinamento giudiziario la priva, dunque, di valore sistematico anche con riferimento al carattere temporaneo dell'incarico oggetto dell'art.76-bis ordinamento giudiziario, e fa di essa un unicum. Nessun precedente può essere rinvenuto, neppure nei decreti legislativi n. 24 e n. 77 del 1990, che conservarono alcuni magistrati nelle funzioni di giudice istruttore, abolite dal nuovo codice di rito, ma lo fecero con riferimento esclusivo a situazioni processuali specifiche ed ancorate a dati di fatto obiettivi. La norma in esame, invece, assume un significato e una portata che non possono essere condivisi nel momento in cui la legge di riforma dell'ordinamento giudiziario intende introdurre, avendo sul punto ricevuto una valutazione favorevole nei pareri espressi dal Consiglio superiore della magistratura, la temporaneità degli incarichi direttivi come prescrizione di ordine generale.

5. La disposizione contenuta nell'art. 2 del decreto legge ha dunque carattere eccezionale e non sistemico (elementi non presenti in interventi certamente incidenti sulla gestione consiliare dei magistrati, ma aventi portata generale e "di sistema", quale la legge che ha innalzato l'età pensionabile da 72 a 75 anni), ed altera la previsione contenuta nella disposizione generale dell'art. 76-bis citato fino ad incidere sulle competenze consiliari. Dall'insieme di tali circostanze il Consiglio desume l'esistenza di un potenziale contrasto con il contenuto dell'art. 105 della Costituzione, che riserva all'organo di governo della magistratura le deliberazioni in tema di assegnazioni e trasferimenti dei magistrati: materia, questa, in cui vanno ricompresi non solo la procedura ed i contenuti della deliberazione, ma anche la garanzia dell'assenza di interferenze sull'efficacia della volontà formalizzata dal Consiglio stesso. Sotto tale profilo, viene in evidenza il fatto che la proroga nelle funzioni è ancorata all'età del magistrato e non alle esigenze di effettiva copertura dell'ufficio, così condizionandosi la prossima deliberazione consiliare di nomina del Procuratore nazionale antimafia con riferimento, quanto meno, ai tempi di esecuzione.

6. Gli accennati profili di incostituzionalità potrebbero essere in concreto superati, o comunque contenuti, da una interpretazione adeguatrice della disposizione, che valorizza la circostanza che la disposizione in esame non modifica il termine massimo dell'incarico previsto dall'art. 76-bis citato né, tanto meno, costituisce nuovo incarico, ma, introducendo una deroga eccezionale e transitoria, consente al magistrato in carica di restare nelle proprie funzioni per un periodo che dovrebbe coprire i tempi di individuazione e destinazione del nuovo dirigente. Si può così ritenere che la proroga delle funzioni non incida in modo ablativo sulle procedure di destinazione e trasferimento relative al posto di Procuratore nazionale antimafia, che - pur con i limiti sopra indicati - restano in tal modo nella sfera del Consiglio superiore della magistratura ai sensi dell'art. 105 della Costituzione. Questa lettura dell'art. 2 del decreto legge in esame si pone del tutto in linea con le finalità indicate dal legislatore, in quanto soltanto la possibilità per il Consiglio di portare a conclusione la procedura concorsuale in atto risulta compatibile con la scelta di conservare transitoriamente l'attuale magistrato dirigente nelle funzioni svolte per evitare un periodo di vacanza al vertice della struttura."

Proposta "B", che ha conseguito un voto a favore
(relatore Prof. SPANGHER)

1. Il Ministro della giustizia, con nota dell'11 gennaio 2005, ha chiesto, ai sensi dell'art.10, secondo comma, legge 24 marzo 1958, n.195, un parere sul decreto legge 30 dicembre 2004, n.314, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 31 dicembre 2004, dal titolo "Proroga di termini", relativamente alla disposizione di cui all'art. 2, che così stabilisce: "Il magistrato preposto alla Direzione nazionale antimafia alla data di entrata in vigore del presente decreto continua ad esercitare le proprie funzioni fino al compimento del settantaduesimo anno di età". Nella Relazione che accompagna il d.d.l. di conversione, dopo aver premesso che, ai sensi dell'art.76-bis r.d. 30 gennaio 1941, n.12, nel testo risultante dalla modifica operata dal decreto legge 20 novembre 1991, n.367, l'incarico di Procuratore nazionale antimafia ha la durata di quattro anni e può essere rinnovato una sola volta, la previsione è giustificata dal fine di "evitare una vacanza dell'Ufficio dopo la data di scadenza (14 gennaio prossimo) dell'incarico del magistrato attualmente in carica, già prorogato una volta, ed in ragione della gravità della situazione determinatasi dall'attività della criminalità
organizzata in alcune zone del Paese", precisandosi che la proroga dell'attuale Procuratore fino al compimento del suo settantaduesimo anno di età avrà termine alla data del 1° agosto 2005. La previsione è suscettibile di considerazione sotto vari profili, alcuni dei quali anche adombranti rilievi in punto di costituzionalità. A tale proposito, tuttavia, con riferimento all'intervento normativo attraverso la decretazione d'urgenza in  materia ordinamentale, non può non farsi notare come la previsione qui considerata riproduca la norma già presente nella legge delega di riforma dell'ordinamento, approvata dal Parlamento, a seguito di vari passaggi in Commissione ed in Aula che, pur rimandata alle Camere dal Capo dello Stato per una nuova lettura, non è stata oggetto di rilievi né in quella occasione, né in quella della sottoscrizione del provvedimento di urgenza.

Per quanto attiene ai requisiti di necessità ed urgenza non può non evidenziarsi come il Consiglio Superiore della Magistratura non sia pervenuto nei termini di legge ad una proposta da sottoporre al concerto del Ministro per la successiva trasmissione della scelta del Procuratore nazionale antimafia al Plenum per le sue determinazioni finali. Va, per onestà, ricordato, come una iniziale proposta di bando del posto di Procuratore sia stata differita dallo stesso C.S.M. E' indubbiamente vero che alla carenza di titolarità si potrebbe supplire con la reggenza, ma non può non riconoscersi come non sia arbitrario ritenere che l'ufficio di cui si tratta necessiti, in una situazione della criminalità come quella attuale, di una direzione da esercitare nella pienezza dei poteri e delle funzioni. Sarebbe stato allora possibile - si afferma da taluno - fissare quale diversa scadenza - riconoscendo implicitamente, in tal modo, sia il presupposto legittimante la proroga sia l'urgenza della stessa - il momento della nomina del nuovo PNA. Questa scelta avrebbe, tuttavia, avuto l'inconveniente di rimettere alle dinamiche consiliari ed ai tempi del concerto la presa di possesso dell'ufficio da parte del nuovo titolare, facendo di fatto venir meno la peculiarità temporale di questo incarico che il legislatore ha voluto riservare alla propria competenza. La formulazione legislativa suscita, invece, non poche incertezze in ordine al preciso significato da attribuire alla proroga. Invero, le espressioni usate dal legislatore sembrerebbero privilegiare la tesi della protrazione dell'incarico del soggetto attualmente titolare dell'ufficio. Questa lettura dell'art. 2 del d.l. citato se ha il pregio di conservare la validità del concorso in atto, non elude alcune questioni di legittimità, pur potendosi parlare di una norma di ius singulare. La diversa interpretazione ovvero una diversa formulazione della proroga ancorata a termini oggettivi ovvero ad una generalizzata rimodulazione dei periodi di permanenza nell'incarico, se avrebbero il pregio di superare gli ipotizzati profili di illegittimità, aprirebbero inevitabilmente gli scenari delle questioni sottese ad un nuovo bando, connesso alla nuova vacanza così determinatasi."

 
Di Loredana Morandi (del 28/01/2005 @ 20:58:12, in Magistratura, linkato 320 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

GIORNATA DELLA MEMORIA

Nella giornata della memoria l’Associazione Nazionale Magistrati si unisce al monito “Ricordare affinché l’orrore non si possa ripetere”. Noi dobbiamo ricordare il Tribunale della Razza istituito con la legge 13 luglio 1939 n. 1024, in cui accettarono di prestare servizio magistrati: una pagina di disonore per la magistratura resa possibile dalla crisi del principio dell’indipendenza della magistratura.
 
Roma, 27 gennaio 2005

Edmondo Bruti Liberati 
Presidente Associazione Nazionale Magistrati

 
Di Loredana Morandi (del 28/01/2005 @ 10:13:21, in Magistratura, linkato 363 volte)

Ass. Italiana Magistrati Minorenni e Famiglia
Sezione di Bari


 
Camera Minorile di Bari
 
I RAGAZZI DELLA MAFIA
CONVEGNO NAZIONALE

BARI
Sala convegni della Camera di Commercio
28-29 gennaio 2005

PROGRAMMA

28 gennaio 2005
 
Ore 9.30 Presentazione
Concetta Potito - Segretario Associazione Italiana Magistrati Minorenni e della Famiglia, Sezione di Bari; Adriana Cimmino - Presidente Camera Minorile Bari
 
Ore 10.00 Saluti delle Autorità
Antonio Laforgia - Presidente Camera di Commercio di Bari
Michele Emiliano - Sindaco di Bari
Vincenzo Divella - Presidente della Provincia di Bari
Raffaele Fitto - Presidente della Regione Puglia
Mario de Cristofaro - Presidente Consiglio Regionale Puglia
Francesca Perrini - Direttore Centro Giustizia Minorile, Bari
Andrea Pisani Massamormile - Presidente Banca CARIME
Michelina Grillo - Presidente Organismo Unitario Avvocatura
Francesca La Malfa - Presidente Giunta Distrettuale A.N.M., Bari
 
Ore 11.00 Relazioni introduttive
Pasquale Andria - Presidente Associazione Magistrati Minorenni e della Famiglia
Il ruolo della giustizia penale minorile nella rieducazione dei minori di mafia
Fabrizia Bagnati - Presidente Unione Camere Minorili
I diritti dei minori fra repressione e rieducazione
 
Ore 13.30 Intervallo
 
Ore 15.00 Prima sessione tematica: analisi della realtà
Presiede: Fabrizia Bagnati
Maurizio Fiasco - Sociologo
La devianza minorile nel tessuto sociale delle quattro regioni a rischio
Francesco Paolo Occhiogrosso - Presidente Tribunale per i Minorenni Bari
Interventi a protezione del minore e famiglia mafiosa
Desireè Di Geronimo - Magistrato D.D.A., Bari
I minori nelle nuove organizzazioni criminali

Ore 17.00 Interventi
Anna Montefalcone - Coordinatrice Reg.le Consulta Infanzia e Adolescenza "Gianni Rodari"
Gli enti locali nelle politiche di recupero della devianza minorile
Franco Chiarello - Docente Universitario
Struttura urbana e devianza minorile
Nisio Palmieri - Presidente Fondazione Cesar
Il volontariato nel contrasto alla criminalità organizzata, con speciale riferimento al coinvolgimento dei minori
Tina Abbondanza - Psichiatra Associazione "G.i.r.a.f.f.a."
Le esperienze delle associazioni nei rapporti con i servizi pubblici
Licia Positò - Dirigente scol. - Ufficio Scolastico Regionale
I ragazzi di mafia nella scuola
Mariella Rossiello - Insegnante
L'educazione alla legalità nella scuola
Nicola Petruzzelli - Direttore I.P.M. Fornelli, Bari
L'impatto del minore con le strutture carcerarie
Maria Luisa Ciaravolo - Direttore U.S.S.M./Ministero Giustizia, Bari
Il ruolo dell'Ufficio del Servizio Sociale Minorile
Anna De Vanna - Psicologa
Mediazione e devianze giovanili
Giuseppe Caldarola - Parlamentare
La testimonianza di un uomo politico
 
29 gennaio 2005

Ore 9.30 Seconda sessione tematica: proposte
Presiede: Saverio Abbruzzese - Psicologo
Alessandro Leogrande - Giornalista
I minori di mafia nella realtà pugliese
Anna Rossiello - Avvocato
I figli dei collaboratori della giustizia
don Luigi Ciotti - Presidente Gruppo Abele
Devianza mafiosa minorile: repressione e prevenzione
 
Ore 10.30 Tavola rotonda
Moderatore: Sandro Ruotolo - ViceDirettore TG3
Erminia Mazzoni - Parlamentare; Anna Serafini - Presidente Naz.le Consulta Infanzia e Adolescenza "Gianni Rodari"; Salvatore Mazzaracchio - Assessore Regione Puglia; Nicola Occhiofino - Assessore Provincia Bari; Susy Mazzei - Assessore Comune Bari
 
Ore 12.30 Conclusione
Luigi Pannarale - Docente Universitario
Riflessioni conclusive
 
Si ringraziano
Presidente Camera di Commercio Bari, Presidente Regione Puglia, Presidente Consiglio Regionale Puglia, Presidente Provincia Bari, Sindaco Comune Bari, Dipartimento Giustizia Minorile - CGM Bari, Presidente Carime, Cooperativa Estense Modena, Fondazione Cesar, Casa Editrice Sapere 2000 ed. multimediali

Segreteria Organizzativa Convegno
Katia di Cagno - edizioni multimediali

 

Magistratura  Democratica
Il segretario nazionale


 
SULLA PROROGA DEL PROCURATORE  NAZIONALE  ANTIMAFIA
 
La decisione delle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera dei deputati di prorogare fino al 31 dicembre 2005 il mandato scaduto a Pierluigi Vigna come Procuratore nazionale Antimafia è una inaccettabile espropriazione delle competenze affidate dalla Costituzione al C.S.M. cui spettano in via esclusiva assegnazioni e trasferimenti.
Ciò appare tanto più grave alla luce delle dichiarazioni rese dal Presidente della Commissione Giustizia del Senato secondo cui “gli sforzi…sono finalizzati soprattutto ad evitare che il sostituto di Vigna diventi Caselli”
In questo modo, sia pure in modo surrettizio ( attraverso la conferma del dott. Vigna e la determinazione attraverso la legge della data di vacanza del posto) si affida di fatto al Governo e alla maggioranza parlamentare  la nomina di uno dei più importanti incarichi direttivi italiani.
La divisione dei poteri viene calpestata e si introduce nel sistema un precedente gravissimo che viola i  principi fondamentali del sistema.
Chiediamo a chi ha a cuore le sorti dello Stato di diritto (e tra questi al dr. Vigna) atti coerenti, idonei ad evitare che questo ulteriore strappo costituzionale sia portato a compimento.

Milano, 27 gennaio 2005
Claudio Castelli

 
Di Loredana Morandi (del 27/01/2005 @ 11:19:22, in Magistratura, linkato 271 volte)

UNITA’ PER LA COSTITUZIONE

IL SENSO DI UNA SENTENZA

Ancora una volta una sentenza emessa da un giudice nel pieno rispetto delle regole processuali è stata oggetto di aggressioni e strumentalizzazioni non accettabili.

La decisione del GIP di Milano in tema di terrorismo internazionale è una di quelle sentenze che potremmo definire ad “effetto politico” perché destinata ad assumere una particolare valenza sociale nella comunità attesa la gravità del fenomeno e la legittima diffusa preoccupazione dei cittadini sul tema della sicurezza transnazionale.
Non è certamente – ed in tale distinzione risiede la legittimità della giurisdizione- una sentenza “politica” cioè orientata da finalità politiche che esulano dall’interpretazione e dall’applicazione della legge. La particolare difficoltà di tradurre una fattispecie astratta non definita – e priva di decisioni precedenti consolidate- a singoli fatti storici accertati costituisce un profilo che accentua la difficoltà del lavoro del giudice ma che non può consentire strumentalizzazioni di sorta.

Le sentenze possono essere impugnate dalle parti e criticate dagli osservatori che non devono tuttavia –come ancora una volta è accaduto- aggredire il giudice per una decisione non conforme alle aspettative di una tesi soprattutto con frasi o richieste che esulano dalla cultura istituzionale dello Stato di diritto.

Milano 25 gennaio 2005

Il Segretario Generale
Fabio Roia
       

 
Di Loredana Morandi (del 27/01/2005 @ 11:05:14, in Magistratura, linkato 279 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

Le proposte dell’A.N.M. dopo il messaggio del Presidente Ciampi sull’ordinamento giudiziario

In occasione della ripresa dell’esame parlamentare al Senato del ddl sulla riforma dell’ordinamento giudiziario a seguito del messaggio di rinvio del Presidente della Repubblica l’Associazione Nazionale Magistrati ha predisposto un articolato documento che si allega.

L’ANM auspica che la riforma sia riesaminata alla luce della lettera e dello spirito delle disposizioni del titolo IV della Costituzione.

La risoluzione approvata dal Senato limita il riesame del ddl 1296-B/bis “ai soli profili corrispondenti ai quattro rilievi contenuti nel Messaggio del presidente della Repubblica, nonché agli ulteriori profili che risultino per ragioni di coordinamento connessi con i precedenti”.

Peraltro questo ampliamento del riesame ai “profili connessi” proposto dalla stessa maggioranza dovrebbe consentire di prendere in considerazione anche le questioni di irrazionalità e di impraticabilità già sottolineate dall’Anm nel documento presentato al Ministro il 30 settembre 2004.

Roma, 26 gennaio 2005
La Giunta Esecutiva Centrale

LEGGI IL DOCUMENTO

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
Ci sono 148 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





22/09/2020 @ 19:40:47
script eseguito in 233 ms