Immagine
 Antica macchina per tessuti... di Admin
 
"
Articolo 21. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, con lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Costituzione Italiana
"
 
\\ Home Page : Storico : Magistratura (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 04/12/2004 @ 09:12:25, in Magistratura, linkato 315 volte)

Vi  inviamo l'invito alla Conferenza stampa sul testo unico relativo alla sicurezza sul lavoro. La Conferenza si terra'  Roma il 4 dicembre 2004 - ore 11-12 c/o il Centro "Piccolo Jovinelli", Roma, Via Giolitti 287. Presenteremo le motivazioni per cui riteniamo inaccettabile la proposta del Governo (che va ora ai pareri di Regioni e Parlamento).

Parteciperanno, tra gli altri:
- Michele Di Lecce e Stefano Pesci (Magistratura Democratica)
- Carlo Smuraglia e Rino Pavanello (Associazione Ambiente e Lavoro)
- Paola Agnello Modica, Segretario naz. CGIL

Cordiali saluti.

Rino Pavanello - Segretario nazionale Ambiente e Lavoro
Claudio Castelli - Segretario nazionale Magistratura Democratica

Associazione Ambiente e Lavoro
Magistratura Democratica

invito-stampa 4 dicembre 2004
Conferenza-Stampa
Sabato 4 dicembre 2004 – ore 11-12
c/o “Piccolo Jovinelli” – Via Giolitti 287, Roma

“TESTO UNICO SICUREZZA LAVORO”

Proposte di modifiche allo schema di decreto all’esame del Parlamento per la tutela della salute sul lavoro

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 18 novembre 2004 una “proposta preliminare” per l’approvazione di un “Testo Unico” sulla salute e sicurezza sul lavoro, ai sensi della Legge 229/03.

Il testo sarà ora sottoposto ai pareri delle Regioni e delle Commissioni parlamentari.

L’esame delle proposte contenute nella “proposta preliminare” del 18 novembre u.s. ha fatto esprimere un parere rigorosamente tecnico-scientifico e di merito a varie Associazioni (tra cui ANMIL, CGIL, CISL, UGL, UIL), oltre che alla scrivente Associazione Ambiente e Lavoro, che può essere sinteticamente riassunto in:

Alcune proposte sono condivisibili e apprezzabili

molte altre proposte impongono un giudizio di TOTALE NON CONDIVISIONE e di inaccettabilità tecnico-scientifica e sociale e impongono rilevanti modifiche, pena possibili rilievi di incostituzionalità, non conformità alle direttive UE, altissimi costi economici e sociali per la mancata prevenzione, ecc. come pubblicato sul sito Internet dedicato, all’indirizzo: http://www.amblav.it/html/testounico.htm

parteciperanno, tra gli altri:

Dott. Michele Di Lecce e Stefano Pesci, per Magistratura Democratica
Prof. Carlo Smuraglia e Rino Pavanello, per Associazione Ambiente e Lavoro
Paola Agnello Modica, Segretario naz. CGIL

Nell’incontro, Magistratura Democratica e Ambiente e Lavoro illustreranno le proposte che presentano a Regioni e Parlamento per chiedere la modifica dell’attuale proposta preliminare di T.U.

 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 02:03:18, in Magistratura, linkato 318 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

La legge delega sull’ordinamento giudiziario è stata approvata.

Le motivate valutazioni critiche e le proposte alternative prospettate dell’ANM non hanno trovato spazio alcuno.

Durante la fase di discussione l’ANM si è trovata costretta a ricorrere per ben tre volte in due anni, ed è un fatto senza precedenti, al gesto di protesta della astensione dall’attività giudiziaria di fronte ad una riforma “contro la magistratura”.

La legge è stata approvata: l’ANM esprime il più rigoroso rispetto per le prerogative del Parlamento.

Ma i magistrati hanno il diritto ed il dovere civile di esprimere l'opinione maturata sulla base della esperienza professionale specifica, unendosi alla critica ripetutamente espressa dagli altri operatori della giustizia e dal mondo accademico, e l'ANM non può che ribadire il più netto dissenso e la vivissima preoccupazione per un testo che pone a rischio la indipendenza della magistratura, modifica l'equilibrio tra i poteri dello Stato, diminuisce le garanzie dei cittadini.

Una riforma che migliori la giustizia è necessaria, ma deve essere attuata in conformità con i principi fondamentali della costituzione, come esige la VII Disposizione transitoria.

Questa riforma è sbagliata, inutile e per molti aspetti incostituzionale.

Roma, 1 dicembre 2004
La Giunta Esecutiva Centrale

 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 01:53:46, in Magistratura, linkato 336 volte)

Continuiamo a ritenere che la legge approvata sia una controriforma pessima, con profili di incostituzionalità, carenze di copertura finanziaria e problemi di praticabilità.
Non si tratta di una riforma della giustizia, nè si avrà alcun miglioramente nell'efficienza del servizio ( anzi il contrario).
Questo che si è voluta perseguire è invece l'ossessione di controllare i magistrati e di renderli sensibili ed asserviti al potere politico.
La battaglia che la magistratura italiana ha condotto in questi due anni contro questo disegno di legge continua nella delicata fase    della stesura, discussione e modifica dei decreti delegati nella convinzione e speranza che si possa giungere ad un ordinamento    giudiziario davvero innovativo e moderno superando una legge delega che vorrebbe riportarci agli anni 50.

Il segretario nazionale
Claudio Castelli

 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 01:48:19, in Magistratura, linkato 325 volte)

MAGISTRATURA  DEMOCRATICA

La nota ufficiale del Presidente Casini che esprime stima ed amicizia all'on. Dell'Utri è sconcertante e evidenzia come sia stato ormai perso qualsiasi senso di responsabilità istituzionale. Che la terza carica dello Stato esprima tali sentimenti ad un parlamentare della Repubblica imputato di gravi reati, mentre è in corso la camera di consiglio del suo processo, è fatto grave che non si può in alcun modo sottacere o trascurare.
Un altro preoccupante segno del degrado istituzionale in corso.

Il segretario nazionale
Claudio Castelli

 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 01:46:58, in Magistratura, linkato 302 volte)

Associazione Nazionale Magistrati
MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA


 
Il Parlamento italiano ha approvato la riforma dell'Ordinamento giudiziario.

La legge è stata approvata con la consapevolezza che si tratta di una pessima riforma, inadeguata e persino bisognosa di profonde modifiche e di incisivi miglioramenti secondo  la stessa maggioranza di governo

La riforma è stata portata in Aula ed esaminata senza una reale ed effettiva discussione; facendo ricorso a procedure accelerate e a "blindature" che hanno evidenziato il rifiuto di un confronto costruttivo, tale da consentire di migliorare almeno qualcuno dei punti più discutibili di una legge sbagliata,  inutile e sotto molti profili incostituzionale.

Pur rispettando  le  prerogative delle istituzioni parlamentari (oggi anch'esse a rischio di grave ridimensionamento), il Movimento per la Giustizia ribadisce netto dissenso e vivissima preoccupazione per un testo che indebolisce le garanzie dei cittadini, di fatto limitando  la indipendenza della magistratura, e  alterando  l'equilibrio tra i poteri dello Stato.

I problemi che essa affronta, anziché essere risolti, vengono aggravati da soluzioni assolutamente incompatibili con i principi costituzionali e, su tutto, con l'art.105 della Costituzione e con il ruolo del CSM di strumento insostituibile di garanzia dell'autonomia dell'Ordine Giudiziario e dell'indipendenza dei giudici.

Il sistema di carriera anacronistico, farraginoso ed ingestibile, in contrasto con il principio della pari dignità di tutte le funzioni (art. 107 comma 3 Cost.), peggiorerà la qualità professionale della magistratura; la struttura rigidamente gerarchizzata del PM, renderà meno indipendente ed efficace la attività di indagine; la separazione dei percorsi professionali dei giudici e pubblici ministeri si tradurrà in una separazione definitiva di carriere (con le inevitabili ricadute in termini di cultura delle garanzie e rischi di interferenze dell'Esecutivo); il sistema disciplinare insidierà l'indipendenza di giudizio del magistrato: queste le linee portanti di una riforma che pregiudicano il diritto dei cittadini ad un giudice indipendente da ogni altro potere. Tutto ciò nella perdurante assenza di qualsiasi intervento  per rendere i processi più rapidi e le decisioni efficaci.

Questa riforma è perciò sbagliata,  inutile e per molti aspetti incostituzionale.

Il Movimento per la Giustizia proseguirà, sia nell'ambito dell'ANM sia in ogni sede che consenta il coinvolgimento dei cittadini e delle loro libere associazioni,  nel suo impegno affinché trovi finalmente attuazione la VII disposizione transitoria della Costituzione per una nuova legge sull'ordinamento giudiziario in conformità con la Costituzione e non in contrasto con essa.

Nei prossimi giorni e nei prossimi mesi resterà alta l'attenzione del Movimento per la Giustizia e dei magistrati italiani per impedire nuovi attacchi a questi principi, e per reclamare un'adeguata risposta alla legittima ma sempre elusa aspettativa dei cittadini di una giustizia efficace e di qualità, capace di garantire  i diritti di tutti.

1 dicembre 2004

 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 01:44:17, in Magistratura, linkato 307 volte)

Il CSM a larghissima maggioranza ha approvato un documento col quale si chiede un urgente confronto con il Ministro della Giustizia sui temi dell' efficienza e della effettiva disponibilità di risorse per la giustizia, rispetto a quelle previste dalla legge finanziaria.

Già due anni addietro il CSM aveva dedicato un plenum straordinario ai temi dell'efficienza e della ragionevole durata dei processi, sollecitando una serie di misure che non sono state adottate.

I laici del Polo, che hanno prima fatto mancare il numero legale, hanno infine votato un loro documento, che peraltro arriva alle medesime richieste e pure sottolinea la necessità di adeguati interventi in materia di efficienza della giustizia.

Con questo documento il CSM ribadisce ancora una volta la necessità che le risorse umane e materiali siano concentrate sull'efficienza e sulla riduzione dei tempi dei processi.

Ernesto Aghina, Paolo Arbasino, Maria Giuliana Civinini, Giuseppe Fici, Luigi Marini, Francesco Menditto, Giuseppe Salmè, Giovanni Salvi

 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 01:38:35, in Magistratura, linkato 314 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

Comprensione delle ragioni della protesta espressa dalle organizzazioni sindacali del personale giudiziario

La crisi della giustizia è essenzialmente un problema di inadeguata organizzazione del servizio.

La scopertura dell'organico del personale amministrativo e la mancanza di una azione efficace riguardo alla riqualificazione sono una grave responsabilità del Ministro della Giustizia.

Il taglio della spesa pubblica dei ministeri ed il blocco del turn over nell'impiego pubblico avranno conseguenze drammaticamente negative particolarmente in settori, come quello giustizia, già in difficoltà gravissime.

L'Associazione nazionale magistrati sottolinea la esigenza di una valorizzazione del lavoro dei pubblici dipendenti e comprende la forte preoccupazione e le ragioni della protesta unitariamente oggi espressa dalle organizzazioni sindacali del personale giudiziario.

Roma, 30 novembre 2004
La Giunta Esecutiva Centrale

 
Di Loredana Morandi (del 02/12/2004 @ 01:33:11, in Magistratura, linkato 300 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA

Nei giorni 26-27-28 novembre scorsi il MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA ha tenuto a Roma l’Assemblea biennale prevista dallo statuto per il rinnovo delle cariche interne e per la discussione della linea culturale e di azione associativa sui problemi della giustizia e della giurisdizione.

L’Assemblea ha registrato la massiccia partecipazione di delegati provenienti da tutte le parti d’Italia,che hanno dato vita a un dibattito lungo,approfondito,intenso.

A conclusione del dibattito,l’Assemblea ha definito la valutazione dell’attuale situazione legislativa, caratterizzata dalle preoccupanti prospettive di riforma dell’ordinamento giudiziario e ha confermato la propria partecipazione  alla Giunta dell’ANM nell’ambito di una gestione unitaria.

Infine,l’Assemblea ha proceduto all’elezione del Segretario generale, Nino CONDORELLI  (Sostituto presso la Procura generale di Brescia) e del Presidente  (Piero MARTELLO  Giudice del Tribunale di Milano) e dei sette membri del Consiglio Direttivo (Citterio, Di Grazia, Mambriani, Mantovani, Petralia, Picardi, Sabatini)

L’Assemblea ha espresso al Segretario uscente,Armando Spataro, il suo affettuoso e convinto ringraziamento per l’appassionata e instancabile attività svolta per il Movimento e per l’impegno che egli ha garantito anche per il futuro.

Un po' di storia...

Il MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA  è uno dei gruppi che compongono l’ANM.

Fondato nel 1988 su iniziativa, fra gli altri, di Giovanni Falcone, Calogero, Spataro, Tamburino, Zagrebelsky, Almerighi, Di Nicola, Nannucci, si è successivamente unito al gruppo di  “Proposta ‘88” (tra i fondatori:Rachelie Amatucci). Attualmente raccoglie il consenso e il voto del 15% dei magistrati italiani e ciò gli ha consentito di esprimere 3 componenti del CSM, 5 componenti del CDC dell’ANM, e un alto numero di membri dei Consigli giudiziari nelle Corti d’Appello.

 
Di Loredana Morandi (del 26/11/2004 @ 18:26:26, in Magistratura , linkato 425 volte)

"A tutela degli irrinunciabili e comuni valori costituzionali : la presa di posizione di una parte dei magistrati onorari genovesi sui temi   della giornata di  astensione proclamata per il 24.11. 04 dall'ANM .

Sono Paola Frisone , vice procuratore onorario alla Procura della Repubblica di Genova e prendo la parola in questa assemblea  a nome dei  VPO genovesi e di una buona parte dei GOT del Tribunale di Genova:  desideriamo ringraziare  l'ANM per averci invitato e dato la possibilità  di  far sentire la nostra voce.
La gravità delle questioni oggetto dell'assemblea è tale per le implicazioni sulle libertà e i diritti fondamentali di ogni cittadino che  desideriamo evidenziare  che interveniamo sia come magistrati onorari sia come cittadini La Federmot , che a livello nazionale è la  associazione più rappresentativa della magistratura onoraria associata , ha diffuso nei giorni scorsi su Internet un documento con cui manifestando adesione ai contenuti del disegno di legge di (contro) riforma dell'Ordinamento Giudiziario ,  " dissente dalla scelta della ANM, ritiene che la proposta di separazione delle funzioni giudicanti da quelle requirenti non rappresenti un pericolo per l'efficienza
della Giustizia o per l'indipendenza dei magistrati ".

Tale documento reca la firma del solo presidente e noi auspichiamo rifletta solo l'opinione personale del presidente e di alcuni aderenti Federmot e non della associazione in sé  per il fatto che i contenuti di tale documento non sono mai stati oggetto di discussione  o approfondimento in sede locale o di sondaggio via Internet tra gli iscritti .

Il nostro intervento vuole testimoniare alla magistratura togata  che esiste una magistratura onoraria che non si appiattisce sui contenuti espressi nel citato documento Federmot.

Siamo qui proprio per manifestare la nostra solidarietà e il nostro appoggio morale  alla odierna astensione proclamata dalla ANM in quanto riteniamo che sui fondamentali ed essenziali principi costituzionali  di  libertà , indipendenza , autonomia  della magistratura,  rispetto della giurisdizione e dei provvedimenti giudiziari , uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge  non vi sia , non vi possa essere, non vi debba essere che un identico , profondo , consapevole idem sentire della res pubblica di tutti i magistrati , professionali e onorari , dell'avvocatura , dell'accademia, e di tutti gli operatori del diritto .

Questi sono valori irrinunciabili , presupposto necessario e non negoziabile  di qualsivoglia riforma  che riguardi la collocazione  e le funzioni  del magistrato nell'ordinamento .
E' su altri temi che vi possono essere  e vi sono divergenze tra gli operatori del diritto : noi condividiamo le istanze della Federmot tese alla stabilizzazione dei magistrati onorari, istanza che per contro è assai contrastata nel mondo del diritto.
Stabilizzazione che noi qui presenti magistrati onorari chiediamo non solo quale riconoscimento dell' attività essenziale per il funzionamento della Giustizia che  la magistratura onoraria tutta oggi  sostiene  ma anche quale condizione professionale continuativa, in forza della quale continuità gli operatori del diritto tutti  non potrebbero non riconoscerci  nella quotidianità del lavoro quella  autorevolezza che è conseguenza della indipendenza da ogni pressione , autonomia di giudizio , professionalità nell'operare
che è  già propria di ogni magistrato onorario nello svolgimento del proprio lavoro.
Ciò premesso auspichiamo che su tutti questi temi vi sia la volontà di perseguire una essenziale sinergia di intenti  tra le  associazioni della magistratura onoraria  e l'ANM, di praticare nella quotidianità del lavoro una sincera collaborazione tra magistrati professionali e magistrati onorari; noi magistrati onorari siamo oggi in numero di  circa diecimila: una  grande realtà al servizio della Giustizia che offre e attende collaborazione a tutti e da tutti  gli operatori del diritto e  tra questi , in primis, ai e dai magistrati professionali .
Noi abbiamo sempre guardato a Voi magistrati professionali come  concreti garanti della legalità , ed oggi siamo come  Voi, quali magistrati e quali cittadini preoccupati per la mutazione costituzionale dell'assetto della magistratura determinata dalla riforma dell'Ordinamento Giudiziario .

(testo dell'intervento orale svolto alla assemblea pubblica della ANM di Genova il 24.11.04, redazione a cura di Casapiccola Alessandra, Frisone Paola, Panella Daniela viceprocuratrici  onorarie e Gagliano Giovanna, giudice onorario di Tribunale quale esito delle consultazioni tra  i VPO genovesi e una buona parte dei GOT del Tribunale di Genova)


 

 
Di Loredana Morandi (del 26/11/2004 @ 18:19:08, in Magistratura, linkato 412 volte)

UNITA' PER LA COSTITUZIONE

L'ultimo appello

Non va espressa solidarietà ai magistrati italiani per la (contro) riforma dell'ordinamento giudiziario che sta per essere approvata ma ai cittadini che si troveranno di fronte ad una giurisdizione che potrebbe accentuare le diversità di tutela. Una magistratura meno libera - all'interno ed all'esterno - rappresenta un arretramento nel controllo di legalità verso i poteri più forti.

L'ennesimo sciopero (il terzo in due anni) al quale ha aderito con sofferenza istituzionale -pur nella irrinunciabile diversità di culture e di sensibilità personale- la quasi totalità dei magistrati italiani rappresenta un ulteriore appello alla riflessione sui contenuti di una legge che l'intera cultura giuridica considera irrazionale, tecnicamente impraticabile, di retroguardia, fortemente sospettata di incostituzionalità. Non è una battaglia di casta ma di salvaguardia di valori fondamentali.

Se il Parlamento, nella sua indiscussa sovranità, dovesse tradurre in legge quella che oggi appare una riforma  di propaganda (si parla di riforma della giustizia ma nessuno spiega  ai cittadini che i processi, se possibile, dureranno un giorno di più anziché uno di meno per l'obbligata distrazione dei magistrati a costruirsi carriere) dovrà essere il Capo dello Stato - quale garante del patto costituzionale - a verificare la compatibilità del dato normativo con i principi costituzionali.

La sua autorevolezza istituzionale costituisce per i magistrati una garanzia. 

La (contro) riforma dovrà poi essere attuata e quindi applicata. Difficilmente sarà possibile - per le evidenti contraddizioni interne e per la macchinosità del sistema - arrivare ad una completa attuazione. E' prevedibile che si instaureranno numerosi procedimenti contenziosi dove il Consiglio Superiore della Magistratura sarà chiamato a svolgere il suo ruolo costituzionale di governo dei magistrati verificando la compatibilità delle norme con i principi costituzionali.

Tutto questo potrebbe essere evitato se si  privilegiasse la cultura dell'ascolto - e quindi della rimeditazione- a quella della prova di forza.
 
In questo quadro di oscurantismo giuridico non può non preoccupare l'evoluzione del disegno di legge sui termini di prescrizione dei reati. Si rischia - con una riduzione dei termini di prescrizione che invece dovrebbero essere sospesi in pendenza di impugnazioni strumentali finalizzate ad allontanare il giudicato penale - di consegnare agli archivi dell'incertezza tutta una serie di processi anche per gravi reati economici e comuni. L'effettività della pena diventerebbe un'utopia.

Unità per la Costituzione ritiene che debba prevalere il senso istituzionale della Politica rispetto a finalità secondarie. E proprio al senso del bene comune si richiama affinché il problema giustizia venga affrontato con coordinate di intervento che rendano finalmente il sistema efficiente ma garantito,  realizzato da una magistratura libera e moderna e da una avvocatura responsabilizzata nel suo ruolo di parte essenziale della giurisdizione.

Tutto il resto sembra appartenere ad un'altra storia.

Milano novembre 2004 

Fabio Roia
Segretario Generale

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
Ci sono 219 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





07/08/2020 @ 19:48:16
script eseguito in 238 ms