Immagine
 celestial fields ... di ann von holt ... di Admin
 
"
Il vero valore di un essere umano è rivelato dalla sua capacità di raggiungere la liberazione da se stesso.

Albert Einstein
"
 
\\ Home Page : Storico : Magistratura (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 05/09/2004 @ 08:06:46, in Magistratura, linkato 274 volte)

Il radicale dissenso e la forte protesta della totalità della  magistratura per il contenuto della riforma dell’ordinamento giudiziario e per il metodo con il quale è stata portata avanti sono stati espressi con la proclamazione di tre giorni di astensione dall’attività giudiziaria, il primo dei quali svoltosi lo scorso 25 maggio.  Inoltre il Comitato Direttivo Centrale del 3 luglio ha deliberato l’indizione di un congresso straordinario a Napoli il 24 e il 25 settembre.

Prudenza e senso di responsabilità, da non confondere con il venir meno delle ragioni del dissenso e della protesta e con rassegnazione, impongono peraltro di verificare se vi siano ulteriori spazi di ascolto delle  fondate e ragionevoli critiche e proposte  formulate non solo dalla magistratura italiana ma anche da numerosi e qualificati esponenti della cultura giuridica.

In un spirito di fiducia nel confronto delle ragioni e di rispetto del Parlamento, l’A.N.M., confermando pienamente il deliberato dello scorso 3 luglio, ritiene doveroso verificare il contenuto degli emendamenti e l’ulteriore sviluppo della discussione in Commissione.

Pertanto il Comitato direttivo centrale, mantenendo lo stato di agitazione, dà mandato alla Giunta esecutiva centrale di seguire l’andamento dei lavori in Commissione Giustizia del Senato, riferendone in occasione del Congresso Straordinario di Napoli e del Comitato direttivo centrale che sarà convocato alla conclusione; dà inoltre mandato alla Giunta, ove nel frattempo si verifichi una non auspicata strozzatura della discussione parlamentare, di provvedere in via di urgenza a fissare le date dei due giorni di astensione dall’attività giudiziaria già proclamati.

Dà infine mandato alla Giunta di prendere contatto con le associazioni sindacali del personale amministrativo per organizzare nei giorni immediatamente precedenti al Congresso di Napoli, iniziative pubbliche di confronto sui problemi dell’organizzazione giudiziaria.

Da ultimo, una recentissima iniziativa del Governo desta grande preoccupazione. Il Consiglio dei Ministri avrebbe varato un decreto legge con il quale si attribuisce all’Ufficio del Giudice di Pace composto da magistrati onorari, la competenza ad adottare i provvedimenti di convalida di espulsione in materia di immigrazione clandestina.

Tale scelta sconvolge la divisione di competenza tra magistratura professionale e magistratura onoraria e contrasta con la natura del Giudice di Pace, organo di positiva composizione dei conflitti, ma estraneo a qualsiasi intervento in materia di libertà personale. Roma, 4 settembre 2004

Approvato all’unanimità con un astenuto

Associazione Nazionale Magistrati
Comitato Direttivo Centrale

 
Di Loredana Morandi (del 05/09/2004 @ 08:02:10, in Magistratura, linkato 291 volte)

Il Comitato Direttivo Centrale della Associazione Nazionale Magistrati esprime orrore e sconcerto per la immane tragedia di Beslan.
Oggi è il momento del dolore e della pietà per le vittime e per i loro familiari.
Verrà il tempo per una riflessione e una analisi di una vicenda che involge questioni fondamentali della convivenza democratica, quali la necessaria lotta al terrorismo e i limiti nell’uso della forza.
La speranza è che da questa tragedia l’umanità sappia trovare gli strumenti per fermare l’orrore della violenza. Roma, 04 settembre 2004


Approvato all’unanimità
Associazione Nazionale Magistrati

 

 Magistratura Democratica

 il Segretario Nazionale

E’ giusto e inevitabile che il suicidio di una persona in carcere  debba aprire una riflessione sulla bontà del nostro sistema giudiziario e penitenziario, specie quando si riscontra che i suicidi in carcere l’ultimo anno sono stati tra i 53  ed i 65 (a seconda delle fonti), tra l’altro in genere passati nel silenzio e nella disattenzione.
Risulta invece stupefacente come questo fatto drammatico abbia riaperto la stura ad accuse apodittiche  su volontà persecutorie dei magistrati o circa un uso disinvolto della custodia cautelare in carcere, diretta ad estorcere confessioni.
Se si hanno elementi in tal senso è bene che emergano con chiarezza e adeguatamente documentati, anche per la gravità di una tale accusa; altrimenti non si può che riscontrare di trovarsi di fronte all’ennesima campagna contro i magistrati, di volta in volta accusati di essere giustizialisti o troppo lassisti.

Vale allora la pena rammentare alcuni dati di fatto e normativi:

- Gli articoli del codice sulle misure e sulla custodia cautelare sono stati modificati in termini restrittivi con la L. 8 agosto 1995 n332 ed è possibile emettere una misura cautelare solo per reati di una certa gravità ed in presenza dei gravi indizi del reato contestato e delle esigenze cautelari ( concreto ed attuale pericolo di inquinamento probatorio, concreto pericolo di fuga, concreto pericolo di reiterazione dei delitti). Va anche rammentato che l’indagato è altresì garantito dalla possibilità di ricorrere entro dieci giorni al Tribunale del riesame che deve provvedere entro altri dieci giorni.
- L’ordinamento penitenziario già oggi prevede la separazione degli imputati dai condannati definitivi, norma che non viene rispettata per la situazione di cronico sovraffollamento delle carceri.
- La capienza regolamentare delle carceri non arriva a 43.000 detenuti, mentre quella giudicata tollerabile giunge a 49.000, e nelle carceri italiane vi sono 56.000 detenuti di cui circa il 27 % tossicodipendenti ed il 29 % stranieri. Le persone indagate da giudicare sono circa il 25 % con una significativa e positiva diminuzione rispetto al passato.
- Le disposizioni sul trattamento, il recupero e l’assistenza dei detenuti rimangono in larga parte inattuate (nonostante le previsioni di legge) per la cronica carenza e scopertura degli organici dei servizi sociali a ciò preposti; carenza e scopertura più volte denunciata senza esito.

Al di là di ciò il quadro legislativo può e deve essere migliorato.
Il carcere deve davvero essere ultima ratio ed allora è necessario riprendere il capitolo delle sanzioni alternative che possono essere, almeno per alcuni reati, ben più efficaci del carcere.
Sul lato della procedura penale come Magistratura Democratica abbiamo proposto di demandare al Tribunale della libertà l’emissione delle misure cautelari ( salvo che per i processi di criminalità organizzata e quelli derivanti da fermo ed arresto) con contraddittorio anticipato (e quindi accompagnamento coattivo dell’indagato avanti al collegio e successiva eliminazione del riesame in questi casi), proprio per rafforzare le garanzie del cittadino indagato. Al riguardo occorre confrontarsi e valutarne la fattibilità.
Ma anzitutto occorre assicurare che le leggi già esistenti e la Costituzione, che finalizza la pena alla rieducazione del condannato, vengano effettivamente applicate e messe in grado di funzionare garantendo servizi,  strutture, personale.
Si cominci da questi interventi se la situazione carceraria interessa davvero, e non solo in agosto.
La propaganda, e tanto meno i tentativi di alcuni di cogliere l’occasione per continuare un’opera di delegittimazione della magistratura, non servono e sono solo dannosi per tutti.

Milano, 18 agosto 2004
Magistratura  Democratica
Il Segretario Nazionale
Claudio Castelli

 
Di Loredana Morandi (del 13/08/2004 @ 13:20:44, in Magistratura, linkato 290 volte)

La demonizzazione sistematica della professionalità e del ruolo degli assistenti sociali ha di recente prodotto un nuovo gravissimo episodio di aggressione in danno di un'operatrice dei servizi del comune di Catania. La vicenda è stata tristemente "celebrata" da un farneticante manifesto di una fantomatica associazione locale. Crediamo che sia giunto il momento di fermare una irragionevole e dissennata delegittimazione e di ristabilire una obiettiva considerazione per il lavoro e la professionalità degli assistenti sociali, i quali, peraltro, operano spesso in condizioni di estrema difficoltà. Occorre assicurare più adeguate forme di tutela per questi operatori, anche "spersonalizzando" gli interventi più delicati.

Pasquale Andria - Presidente AIMMF
Associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e per la Famiglia

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
Ci sono 158 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             




Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (25)
Economia (27)
Estero (43)
Giuristi (25)
Indagini (87)
Magistratura (394)
Osservatorio Famiglia (10)
Politica (335)
Redazionale (10)
Sindacato (30)
Telestreet (6)
Varie (37)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Not known Facts Abou...
26/08/2018 @ 14:00:00
Di Maybelle
NRI Legal Services 8...
25/08/2018 @ 11:43:58
Di April
NRI Legal Services
25/08/2018 @ 09:54:26
Di Odell

Titolo
Bianco e nero (38)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Fansub pornografia e File Sharing ne vogliamo parlare?

 Si
 No
 Non lo so





22/09/2020 @ 20:12:00
script eseguito in 293 ms